Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesie de Il Perditempo.org: agosto 2009

Pensieri e Poesie > Poesie archivio > Poesie 2009

My Great Web page




16-8-2009

Il grillo muto
saltella di qua e di là
beve una coca
che sa di disperazione
per aver perso le corde vocali
si affretta a scusarsi con Dio
per ogni peccato commesso
per il quale ora sta espiando la pena
ma non riceve risposta
una nave al largo chiede soccorso
ma lui non la ascolta
assorto nel suo dolore
Pensa solo a morire

Il topino solitario
entra in una fognatura
per scassinare una banca
come in un noto film francese
ma mentre è lì incontra una topina
che lo dissuade e se ne innamora
così i due escono dalla fognatura
e convolano a nozze
lui farà l'idraulico, lei la casalinga
e in una notte d'amore concepiranno una creatura
anche lei solitaria e sempre stanca
Stanca di vivere per tutta la vita

La scopa di metallo
sembra d'argento
ma è stata buttata lì da una strega
perché non volava bene
ora è tutto diverso
c'è una scopa a motore e le streghe non volano più
la usano i fachiri
per compiere magie acrobatiche
ed i bambini ridono dove una volta c'erano i roghi
nell'infinito azzurro del cielo
si ode un grido di vittoria
è forse un angelo forse semplicemente un pilota d'aliante
Che ha trovato la corrente giusta per volare

La tavola imbandita
diviene cibo per le formiche
come scacciarle senza usare il veleno?
Un bimbo ebbe un'idea
fece un sentiero di briciole di pane
che le formiche seguirono ritornando nell'erba
così ci liberammo del pizzo e dell'usura
che funestavano la nostra società
ma un ladro perverso richiamò le formiche
così che il bambino fu sconfitto
ed un falso profeta annunciò un Apocalisse che non c'era
tornammo tutti impauriti nelle nostre case
senza memoria né sdegno
perché i criminali tornavano a spadroneggiare
e così ancora oggi leggiamo sui giornali
le notizie più terribili circa il nostro futuro
ed il futuro dei nostri figli
mentre i ghiacciai si sciolgono
E la terra violata si vendica per la violenza subita

C'è chi vede il diavolo ovunque
ma è Dio il Signore dell'universo
chi lo dimentica rischia la pazzia
mi abbevero alla fonte del sole
che c'è per tutti
come canta Ferro
l'ombra triste di un platano mi tiene compagnia
in una landa desolata
un cavaliere con l'armatura pesante
soppesa tre denari d'oro
ed io lo guardo stupefatto
mentre cerco l'amicizia del Signore
Come il bene più prezioso che si possa immaginare

17-8-2009

Il calesse avanza lento nel deserto
e di soppiatto due dromedari gli fanno compagnia
senza essere notati
il calesse viene redarguito per la sua follia
in verità è straniero
e nessuno è profeta in patria
ma ora si accende un lumicino
che porta terrore e un po' di speranza
con lampada accesa vado incontro alla morte
che sarà di eterna nostalgia
una verga impazzita
sfreccia nell'aria per colpire e punire
ora sono desto
e mi avvio anch'io nel deserto
dove tremulo affronto la morte
che ci tiene compagnia
Anche nel mondo a venire

18-8-2009

Il pedone indaffarato
attraversa su strisce pedonali deformate
come in uno specchio antico
un picchio attraversa la strada in senso opposto
e fa un'osservazione intelligente
scrive un tema che il professore fa leggere in classe
poi si addormenta su una panchina
e rischia di diventare un barbone
Perlomeno nella sua fantasia

Lo scrittore fantasma
si imbarca su una nave pirata
e volge al tramonto il giorno
speso bene, speso male: chissà
un pirata orbo da un occhio
chiede allo scrittore fantasma di scrivere una poesia sui pirati
quello acconsente ad una condizione
che gli vengano date quaranta monete d'oro
una luce accecante invade la nave pirata
che affronta a stento un'onda anomala
ed un'isola che c'è, mostra il suo profilo
senza faro per gli scogli
un babbuino si arrampica su una palma
e la giornata saluta i commensali
alla cena imbandita per scherzo
una banana sta in mezzo alla tavola
quasi a salutare il mare
che coi suoi flutti nasconde ogni varietà di pesce
così lo scrittore fantasma incassa le sue monete d'oro
e felice sbarca sull'isola
mentre la nave pirata cola a picco
Per una falla inaspettata

19-8-2009

Il topo viola
veste un tutù
e in una pista dal ballo
balla una musica dance
una formica azzurra balla con lui
e mentre una sveglia suona
rimbomba il suono di pentole di rame
il topo viola attraversa un fiume a nuoto
E si fa sera

20-8-2009

L'uva fragola
cammina lenta
sul selciato
poi viene schiacciata
ne sgorga un sangue divino
che nessuno può bere
Cristo torna sulla terra
alla fine dei tempi
e trova il sangue divino
sparso sulla terra
si arrabbia un po'
poi paternamente rimprovera
gli dei decaduti
Dall'Olimpo dei morti viventi

Un venticello tiepido
accarezza i nostri cuori
alla fine del tempo
non c'è il nulla ma una nuova Creazione
una nuvola viola appare nell'aria
ed una fune gialla regge una bandiera
dove stanno scritti molti nomi
di persone ignote ed illustri
perché sia fatta la volontà dell'uomo
Gloria di Dio

Piango e rido
al vento doloroso che scorre sulla vita
mentre un mostro acquatico sorride nel profondo
e un laghetto lo ospita contento
non so se mi guarda attonito o impaurito
anch'io ho paura di lui
e la follia pervade l'aria
dentro un imbuto che cola olio santo
nella tenerezza siamo tutti vivi
nella speranza ci rinfranchiamo
ogni notte che passa è una benedizione
se Gesù guida i nostri sonni

21-8-2009

Rosario spezzato
con un colpo di nuca alla testa
era un delirio di onnipotenza
che porta a sparare a bruciapelo
non credo sia possibile odiare
una formica che vaga tranquilla
nel viola più viola che c'è
Ho visto il tramonto di una vita

22-8-2009

Il gatto col topo ingaggia un lotta memorabile
poi scoppia l'amore
perché scoprono di essere entrambi quasi umani
a tutti e due piace il formaggio
ed un ombrellone dai mille colori
li ripara dal sole
mentre si godono il mare
una barchetta affonda al largo
i due se la ridono
e mangiano una focaccia ligure
Che sa d'estate più che mai

L'aranciata fredda e amara
scorre nelle vene
un giorno di maggio
quando i poveri fanno l'elemosina senza troppe speranze
la notte li affatica anziché riposarli
una punta acuminata gli trafigge l'anima
mentre osservano i cielo senza stelle
ed un momento solo è sufficiente
Per gustarsi tutta la libertà che hanno

L'acchiappa farfalle mascherato
danza ad un ritmo blues
che viene dall'Africa nera
e nel deserto si tinge di rosso
un fiume di diamanti va verso una cascata
altissima e rumorosa
una tribù di neri fa festa per un matrimonio
e danza la danza della fecondità
Mentre tre scimmie si arrampicano su un albero secolare

La punta dell'ago
nel pagliaio di ferro
smarrisce la calamita
che ingannata si suicida
e mentre un formichiere esplora il pagliaio
una formica scappa dal retro
dopo aver rapinato una banca
che non aveva però molti soldi
e il desiderio triste del formichiere
muore sul marciapiede
dove una prostituta nera
cade incinta sperando nel nulla
Che avvolge la città nella nebbia

Il ragno di carta
scrive una poesia già scritta
e trova orme d'oro
per camminare nelle vie del diavolo
le percorre a metà ed impazzisce
poi trova un sentiero laterale
che conduce al Signore
e lo imbocca fiducioso
ma ha perso due zampe
e metà del cervello
chiede un elettroshock che gli viene negato
diventa costruttore edile
un mestiere facile e difficile insieme
e sposerà una fiammella che lo incendia di compassione
Mentre tutt'intorno germogliano fiori di rosa

24-8-2009

Mantenere la calma
in questo traffico di galline urbane
non è sempre facile
un motore scoppia
e volano fiori tutt'attorno
il petrolio sta per finire
ed è una grande festa quando accadrà
torneremo a respirare aria pura
andremo forse in bicicletta o con motori elettrici
il ritmo dance si spande nell'aria
mentre donne seminude ballano
ed un pensiero mi assale
un pensiero di preghiera
per una donna un po' lussuriosa
Che spero sia cambiata

Il pensiero disperato
si cala nell'arancione scuro
per vedere che effetto fa
un po' di nostalgia
per il passato illustre
che non c'è più
un morto resuscita
E canta gli inni di Sion

Un ladro si cala con una corda
e atterra su un mucchio di paglia
dove un gatto fa le fusa
il ladro ruba il gatto e se lo porta a casa
poi lo cura come un figlio (dato che non ha figli)
sempre appresso ad una donna che non lo vuole
il ladro continua indefesso il suo lavoro
misterioso e, manco a dirlo, ladresco
poi incontra un pomodoro
che si offre ad una donna attraente
i due si sposano e nascono tre figli
uno sarà ingegnere, l'altro architetto ed il terzo spazzacamini
ma non c'è tregua per la maledizione familiare
che attanaglia la famiglia del ladro
tanto che i tre figli muoiono giovani
muore anche il gatto cui fanno una statua
con una scritta che dice "il gatto ladro, che andando con lo zoppo imparò a zoppicare"

Il tubo di cemento dimenticato nella ghiaia e nell'erba
diventa un microcosmo di vita animale
una coccinella ed uno scarafaggio
uno scarabeo ed un vermicello
tutti alla festa degli animali
un rosso acceso è una lampada all'ingresso
lanterne magiche all'uscita
qualcuno fa i massaggi ai piedi alla cinese
qualcun altro pratica arti marziali alla giapponese
ed un ghiro solitario dorme, sognando Spazio 1999
una serie di fantascienza che ha visto da piccolo

Questo è un pianeta da piano bar
con marziani tristi che suonano un ritmo jazz
e locandine seminascoste che inneggiano al buon cinema
resta da spiegare l'incredibile silenzio dello spazio fuori
che incanta un incantatore di serpenti
e migrano felici le aquile
anche quando non c'è posto dove andare
se non l'invisibile mistero
Che ci portiamo dentro la notte

Si gioca a "buttar fuori" con la bicicletta
sogni al tamarindo
di un'estate da ragazzi
con la fidanzatina
in riva al Po
c'è bisogno di questo e di altro
ma non ho dubbi sulla necessità di svagarci
e di perdonarci qualche piccolo peccato
Che si è commesso nella cosiddetta età dell'innocenza

25-8-2009

Il cappello di fuoco
messo in testa non brucia
brucia invece l'invidia
che il cappello porta in dote
verso il più bello
verso il più bravo
un fenicottero rosa
mi attraversa la fantasia
non invidia nessuno
marcia dritto per la sua strada
e beve un bicchiere di tequila
mentre osserva la gente indaffarata
senza averne paura
scompare in una virgola di espressione emotiva
ed anch'io mi nascondo
Per non apparire come l'autore delle mie poesie

Quando le foglie decollano
per andare in Tunisia
a prende qualche extracomunitario
per invitarlo in Italia
in un viaggio della speranza
non pensano al reato di immigrazione clandestina
come lo scoiattolo di montagna
non pensa alla concessione edilizia per farsi una casa
ma semplicemente si fa la sua tana
tra gli alberi della Valle Camonica
ed una perla solitaria viene regalata ad ogni clandestino
dal Signore Gesù perché la conservi fino alla morte
quando il Signore giudicherà tutti
Anche i signori del commercio infame

Il cappello abbandonato in un bar di provincia
saluta allegramente quelli che passano
chi sarà il nuovo padrone?
un bambino prende il cappello e lo porge al padre che se lo mette in testa
gli va giusto, giusto
così il cappello smette di salutare ed intona una canzone
che ripete all'infinito la stessa storia
verità e amore si incontreranno, giustizia e pace si baceranno
e così il lupo riposerà vicino all'agnello
e tutti si vorranno più bene
quando Dio deciderà
ed il cappello sta già aspettando
La grande novità

26-8-2009

Il bandito mascherato
cambia tutte le porte di casa sua
poi prende un bus che sbanda sulla pioggia
e sta per cadere nel fiume sottostante
che cattivo sogno!
una volpe bianca me ne spiega il significato
le porte sono l'anima che va rinnovata
il bus che sbanda è l'inconscio che a volte è sottosopra
Ed il fiume è l'inferno che ci minaccia fin da piccoli

Il bicchiere mezzo malato e mezzo sano
fa il suo dovere rompendosi
perché era di vetro ed il vetro si rompe
una rana ci salta dentro e ne fa la sua casa
alcuni girini nuotano in una pozzanghera
li raccolgo e li metto in un vasetto
una luce viola irrompe dalla porta che si apre
ed appare uno zombie che parla cinese
dice di essere morto assassinato
da una donna impazzita
da un strega incavolata
così mi risveglio da un incubo
Che mi riporta agli anni peggiori della mia vita

Voglia di tenerezza
mi accompagna la sera
in punta di piedi sogno una donna
da cui sono stato partorito
veniamo dalla donna andiamo alla terra
così Dio e la donna sono legati
come Cristo ed il Padre
da un vincolo d'amore
per aver generato
nelle doglie del parto
l'universo intero
è riconoscente
ed ogni cosa che respira dia lode al Signore
Come dice la Scrittura

Due scatole di cartone
una cinese tutta colorata
una bianca vietnamita
cosa conterranno?
non le apro per paura
ma mi risveglio sottoterra in una tomba egizia
scovo un cunicolo da cui gronda sangue umano
e spuntano ossa
una scatola si apre e ne esce una lince che mi rincorre
l'altra scatola si apre e ne esce fuori una tartaruga che inizia a girare su sé stessa
Questo è il terzo incubo della notte che nessuno sa spiegare

L'ebete attesa
mi avvolge d'incanto
in un soldatino fascista in Africa
gioco con lui e con una fata turchina
mi adatto alla vita come posso
il male mi sfiora ma non mi vince
però ha preso una sua rivincita
danneggiandomi seriamente
e prego per il mio cervello
che è andato sulla luna
E non vuole tornare

La luna storta fa miracoli a Lourdes
un ammalato invoca il Signore
un alto prega la Madonna
senza tetto è il Signore
povero e, in un certo senso, disoccupato
un verme si infila nella nuda terra
ed a Fatima gli angeli fanno festa
con un barbecue crudele
che sacrifica carne animale
Al dio della carne e del bisogno

Le ossa sparse sulla sabbia
un osso di seppia arancione
ha mangiato un ghiacciolo fluorescente
ne nasce una malattia comune
che si chiama invidia
e l'inedia e l'accidia si mescolano
in un gioco crudele
e già visto
una notte d'ottobre
per infangare le memorie dei santi
Che con gli angeli mi attendono, forse, in Paradiso

27-8-2009

L'orrore dei nostri giorni
è la quiete desolata
della guerra silenziosa
che i padri giocano contro i figli
e le madri contro i mariti
non nel nome di Cristo
ma per un insano egoismo
lo struzzo rosa ha detto la sua
il cigno ha cantato il suo canto di morte
i bambini aspettano il mangiare
Ed il ghiro si addormenta felice

Sono stato cattivo
perciò ho meritato un incubo
che sa di morte e terrore
un bus che scivola nella nebbia
sono inseguito da fantasmi orribili
perciò spero che venga presto il risveglio
per iniziare una nuova giornata
per far scivolare su una foglia la goccia di rugiada
che passi sulla mia pelle il veleno
che ancora non nutre orgoglio e passione
Per una stagione morta e poi ripresasi

All'ombra dell'ulivo di Gerusalemme
una talpa fa la sua tana
e ricorda i giorni felici
quando una ruspa lavorava per lei
il sole le fa brillare gli occhi
ed il vento le asciuga il pelo
una donna ebrea lava i panni
ed ebbra di vino contempla la luna
che la saluta amichevolmente
senza indugiare in ricordi inutili
Chi ha rubato è sottoposto a giudizio


28-8-2009

C'è sempre un perché
anche per gli ilari più intelligenti
che leggono Famiglia Cristiana
un giornale un po' fazioso
ma in fondo sincero e veramente cristiano
un pappagallo giallo ed una lucertola fanno amicizia
nel nome di Don Sciortino
il tutto mescolato in insalata nizzarda
dove Giuseppe Garibaldi siede contento
ma non chiedetemi dove ha trionfato perché non me lo ricordo
così passano i giorni
con la Lega Nord che arranca
e Sciortino che trionfa in Cristo
senza però darlo a vedere
Con un unico under statement

Il bambino seminudo
nasce in una culla
strepita come un aquilotto reale
non sente ragioni di sorta
vuole il latte materno
e ci inganniamo di soppiatto
se lo incoraggiamo sulla strada della vanagloria
l'umiltà di Dio lo soccorre
fin da piccolo lo esalta
perché si è reso umile
Con i suoi vagiti

La medusa stravolta
è un po' devastata dentro
dopo che le è scoppiata una bomba in mano
è fradicia di vernice
rossa e verde
si scopre un po' comunista
dopo che è stata anarchica
dal Cielo qualcuno la benedice
e lei contenta se ne va in giro per la città
dove le foglie si posano su di lei
ed ad un tratto l'angoscia svanisce
lasciando il posto ad un dolce sollievo
Che non conosce illusioni né tradimenti

La logica devastante
del gatto ubriaco
mi ritorna in mente
mentre prendo l'ascensore
che va sulle stelle
accese di un fuoco di paglia
brillano un po' e poi spariscono
mentre mi illudo di essere insensibile
e con un po' di incoscienza mi innamoro
Della vita che fugge

31-8-2009

L'ultima poesia
sa di nostalgia
come una coccinella nostalgica
che parte per la prima guerra mondiale
sapendo che non farà ritorno
un fiume di melma la travolge
e canta un canto antico
Ai passanti che casualmente ne vedono la morte

Il ragno senza una zampa
piange miseria tutto il giorno
è un po' cretino e non lo sa
è irrispettoso verso il prossimo
e non conosce la pietà verso sé stesso
perciò andrà in rovina
Più e meglio di un diavolo rovinato

Il vascello importante
veleggia verso gli scogli
incontra un iceberg simpatico
che lo saluta prima di speronarlo
e lo affonda in meno che non si dica
poi alcuni supersiti lanciano razzi di salvataggio
la notte si illumina di speranza
mentre i soccorsi arrivano, qualcuno prega, qualcuno muore
ma senza speranza di salvezza
Con la torta di compleanno che galleggia nell'aria

1-8-2009

Il vento sussurra
parole inquietanti
ad un agente assicurativo
che si agita con un cliente difficile
ci immedesimiamo
in questo vento che corre veloce
senza guardarci indietro
e così agguantiamo una nuvola che fugge
Prima che ci trascini con sé il vento che sussurra

2-8-2009

Un turbine di fuoco mi incanta
dentro c'è uno spiritello diabolico
che cerca anime da distruggere
non vestito di grigio
ma adombra peccati veri
ed una macchia nera lo sporca
una macchia di vergogna
Come saprei affrontarlo credendo in Dio!

Un povero vagabondo
con il suo cagnolino
di pezza, con un cuore vero
si immagina un lavoro onesto
ma nessuno glielo dà
e così vaga per la città
è un ossimoro vivente
Felice ed infelice assieme

Il menestrello del sud
insulta cantando chi gli capita a tiro
non ha vezzi né rimpianti
canta favole false e tendenziose
ma senza ritmo né poesia
così finisce nel baratro della follia
senza riuscire più a uscirne
nella clinica dove è ricoverato
ripete sempre un nome
Che nessuno capisce

Il birillo d'oro
si avvicina alla palla da bowling
e la accarezza
poi si corica da solo in gesta di resa
come fanno a volta i cani
in un contesto surreale
contempla l'azzurro del cielo
storce un po' il naso per la noia
e non dimentico del passato doloroso
spera nella Madre di Dio
Pregandola che lo protegga in eterno

L'automobile formidabile
ruggisce sulle strade della California
governata da un famoso attore
e non si interessa del deficit
ma affronta le curve con sicurezza
la guida una bella ragazza
con il cuore intenerito
dai risvegli amorosi
e da un buffo anatroccolo
Che giace al suo fianco

Il cuoco cervellone
ha inventato una formula matematica
per fare torte perfette
che però esplodono al passaggio della gente
senza che lui lo voglia
perciò non è un terrorista, ma uno sprovveduto
molto intelligente
una gazza ladra lo guarda attonita
e senza nulla dire, becca un gioiello
poi lo ruba e lo porta al cuoco
Che lo ingoia e guarisce di colpo

3-8-2009

Il fiore appassito
mormora nel deserto
assieme ad un tuareg
e non vede l'alba né il tramonto
perché è cieco
ma supera l'inquietudine
di non sentirsi amato
e chiede a Dio
di camminare nei suoi sentieri
Maestosi e gloriosi

Maestosi cigni
una discesa in neve fresca
lo spettacolo di montagne altissime
ed io e te ruzzoliamo nell'erba in primavera
la natura ci avvolge teneramente
e sospira di felicità
per la ritrovata verginità
di una giovane bellissima
Stuprata di notte

La sospirata verità
circa noi stessi
arriva tramite una preghiera
molto semplice e chiara
che non delude
che non inganna
e così passa il tempo sulle nostre vite
invocando l'insperato
che arriva di sorpresa
come un uovo di cioccolato
si apre ed esce fuori un burattino
o forse un pagliaccio
deforme e stanco
Che ci ricorda la caducità della vita

4-8-2009

Il topolino che si arrampica felice
su una parete artificiale
non cadrà mai
perché è saggio e lungimirante
ha imparato la lezione a scuola
ed a casa ascoltando buona musica
ora rinnega sé stesso
ed odia la sua vita
Per seguire chi lo ha fatto innamorare di sè

E sei sempre tu
amico che vali un tesoro
passeggiate assieme e discussioni a non finire
un coniglio malvagio ci segue
nei nostri sogni paranoici
ma vegliamo sulle nostre anime
Temendo ciò che dice il Signore

Il guardiano del parco
vedendo un alce fuggire
temette il peggio
stese la rete e prese dei pesci di montagna
raggiunse l'alce e la mise in gabbia
poi ammirò il tramonto
che non gli sembrava come quello del giorno prima
e tornò sui suoi passi
ammirato e contento
tornò dalla moglie
e stette a guardarla mentre dormiva
Fino all'alba

Il martello pneumatico
disegna bolle rosa
su uno sfondo di pistacchio
perché non crede nell'aldilà
ma nel presente vissuto al meglio
e già si pente e si incammina
lungo una luce abbagliante
che lo conduce all'eterno desiderio
di ciò che sazia i cuori
con la speranza nel cuore
che una molla elettrica muove
Lungo sentieri sottili di campagna

5-8-2009

Il gatto funambolo
si muove a tentoni
si fa una capanna in casa
sente il gusto della vita
senza remore, senza indugi
e colloquiando con la morte
Scopre il senso vero della vita

6-8-2009

Il colonnello stanco
studia un teorema di Pitagora
ed inganna una spirale
disegnata sulla sabbia
mentre intorno si fa sera
non crede ai fantasmi
ma al fato casuale
che miete vittime illustri
compreso un tale
che non voleva volare
come insegna Bennato
ma ritornare bambino
ballando al mare
Al suono di una musica zigana

Il quadro fantasma
prende il volo come una farfalla
sopra il dipinto di una cicala che lotta con una formica
per avere ragione, per sopravvivere
pianto d'inverno, mi è caro
al sole si liquefanno i pensieri
e una barca va all'orizzonte
sopra di essa si posa il quadro fantasma
con ignota destinazione
e un rimpianto in mente
nel museo di città stava bene
ma ora non è tempo di ripensamenti
Perché il futuro attende senza imprevisti

Granita alla frutta
vado di fretta
una mosca mi azzanna
la accarezzo
forse è di Bari
città mia carissima
sfrutta il fotovoltaico e l'eolico
ancora arranco
pensando agli anni migliori
finché un cane nero attraversa la strada
e a differenza del gatto porta fortuna
così resto indifferente
a tutta quella brava gente
che non legge i giornali
Ma va di fretta con il cuore disperato

7-8-2009

Poesie che volano come foglie
poi si posano sull'acqua e scivolano via
un pesciolino le mangia e diventa magico
si illumina e balla sul fondo del fiume
prima di essere pescato con un'esca viva
il muro che fa da diga è ancora là
ma nessuno ci fa caso
così i pesciolini muoiono
Come per un incantesimo

Il mare d'autunno
rileva impronte sul fondale
di animali preistorici
che conosco solo sé stessi
anche i delfini li ignorano
ma non hanno coscienza
Semmai una rabbia mista ad amicizia per l'uomo

8-8-2009

Il desiderio dell'impossibile
inganna molti cuori
un filo d'erba cresce nel deserto
una rana si arrampica su un grattacielo
e noi speriamo nel bene
nel male eterno temiamo di perderci
quando all'alba la rugiada si posa
Siamo già diseredati

Siamo accerchiati
da un esercito di pulcini gialli
che ritmano un canto vecchio e malandato
senza capire cosa li attanaglia
forse un odio violento
forse una rabbia sopita
perché non sanno parlare
un abito sgualcito
indosso per proteggermi
e verso del veleno sui pulcini
che scappano indaffarati
se la prendono con Mangiafuoco
e col burattino con i fili
che ripete a pappagallo
Ciò che gli viene detto

9-8-2009

Le isole perdute
non se le ricorda più nessuno
come un granchio sulla sabbia
che tende agguati
all'inconscio dei naviganti
mi riprendo le mie pene
Che ora sono finite

10-10-2009

Immagini malate
dentro una nuvola triste
si ammanta di bellezza antica
a Palermo
un ritmo dolce si spande nell'aria
in questa estate farsesca
ed ancora ti amo
Nonostante tutto

11-8-2009

E da sempre la natura mi affascina
con le creature di ogni specie
con gli uccelli di tutti i colori
ma sempre temo una vendetta
per i soprusi dell'uomo
e gravito attorno alla terra
imitando la Luna
che mai appassisce
che mai arrossisce di vergogna

Il nettare del bosco
ha ancora sete
un orso si avvicina
e beve un elisir di vita eterna
ora che sono desto
mi piace raccontare
di quando ero smarrito nel bosco
mi riavvicino a stento alla fontana
che sta in mezzo agli alberi
e mi dilungo a cantare
un canto silenzioso
perché la primavera avanza
ed il rischio non perdona
soprattutto in montagna
dove albergano rocce solenni
alberi maestosi
E ruscelletti impertinenti

Il rosso pavido
si inventa una canzone
che parla di noi e degli altri
in una pubblicità metaforica
che parla di limoni e melanzane
ora mi sveglio dal torpore
che fu invernale
e ad agosto mi rifugio in un alveare
conto le api una ad una
faccio amicizia con l'ape regina
che mi invita a mangiare con lei
poi me ne vado salutando
solo per la città
solo tra la gente che non sa
e che vede il mio dolore
dal volto stravolto dalla fatica
di vivere, nell'attesa di un aurora di morte
quando lo scheletro vivente verrà a prendermi
con la falce acuminata
e con un paperotto vestito da pompiere
una libellula vestita da infermiera
Ed un topolino che salva in camicia da notte

12-8-2009

La donna cannone
si fa sparare nell'aria
dove un calendario la accoglie
raccontandole i giorni della sua vita
e prevedendo un futuro ignoto
ma ragguardevole e rassicurante
ancora un volta la femminista ha vinto
con la sua arguzia femminile
senza però mancare di rispetto
anche quando si fa rivolgere la parola
da un uomo con un sigaro in bocca
Che le tocca appena, delicatamente, il sedere

13-8-2009


Corre veloce il gatto morto
tanto che sembra eterno
nel suo peregrinare per il mondo
fermandosi a guardare le farfalle
nelle vetrine dei negozi
come un soldatino di piombo
fa la guardia ad un presepe giapponese
e non si cura della pornografia dilagante
dei mafiosi, degli usurai
ma solo di qualche politico imbecille
Che per lui è il male del mondo

Umanità fragile
che si specchia nell'acqua
sporca di alluvione
bella d'Africa
il fiume d'oro
si spegne in una sigaretta
che fuma come un arrosto
e rende a ciascuno
Secondo i propri meriti

14-8-2008

L'ombrello ubriaco
si apre e si chiude senza pioggia
dicono che porti male
ma io lo rassicuro
che presto pioverà
pioverà ciliegie e fragole
mandarini e arance
come a Natale
ognuno offrirà il suo dono
e ci immergeremo in un mare tranquillo
per fare il bagno d'inverno
ognuno porterà qualcosa
io un anatroccolo rosa
Senza che nessuno pensi male

Si specchia nella mente degli uomini
l'Immacolata Concezione
per depurare ciò che è sordido
per ricondurre a casa gli stranieri
e dare pace ai cristiani di tutto il mondo
ora che un cigno canta il suo canto di morte
prego la Madonna che ridiscenda sulla terra
contro tutto ciò che è sviato
per ridare speranza a noi che amiamo
di un amore puro e senza macchia
nella fornace ardente sta il dragone
e per invidia urla contro tutti noi
la Madonna lo schiacci sotto i suoi piedi
e ci dia da bere il sangue del Figlio amatissimo
che ci perdona i peccati
Nella speranza di vedere il Suo volto

Il sangue dei vinti non è mai spento
brilla come una candela accesa al vento
d'inverno rimpiange i sogni andati in fumo
e traccia sentieri nella neve che conducono chissà dove
ora sempiterna è la luce che dà speranza
mentre si eleva un grido di odio
vado a Messa senza pensare a quei vincenti
che misurano e giudicano senza tregua
La vittima immolata ai loro desideri

La notte si spegne mentre un bambino nasce
ed il giorno regala un girasole che va alla ricerca di sé stesso
una bambina grida per il piacere di esistere
e salva sé stessa ricordandosi di chi l'ha creata
un mostro acquatico mette le ali e vola chissà dove
per dimostrare a sé stesso che in fondo è triste
senza una perla asiatica che lo rinfranchi
per la sua mostruosità selvaggia
la tigre nella jungla grida vendetta contro i cacciatori
ed un eroe la insegue fino ad ucciderla
nelle notti di bambino sogno scheletri che uccidono tigri
mentre un eroe diverso sa quello che fa
e mi accompagna al risveglio
Prima di andare a scuola

Il manicomio nello spazio
manda i matti come astronauti ad esplorare il cervello di Dio
per vedere se per caso si trova una soluzione alla malattia mentale
ma il cervello di Dio non lo trova nessuno
è un mistero insondabile
i matti tornano sulla Terra delusi
con la loro astronave sbilenca
e rivolgono una preghiera alla Madonna
che domani, giorno dell'Assunta, si faccia tardi meglio
meglio dei soliti giorni di tedio e di ansia
Perché almeno quel giorno anche i matti siano felici

La foresta con funghi enormi
alti come baobab
incute timore a tutti
tranne che ad Alice
che la esplora incredula e sensuale
meglio conoscere che temere, lei pensa
e così si avventura sempre di più nel fitto dei funghi
fin che giunge ad una casetta, diroccata e triste
dove abita uno scoiattolo vagabondo
che suona la chitarra, cioè fa il menestrello
ora Alice gli offre di venirsene via con lei
ed entrare nella Grande Città fuori dalla foresta
ma lo scoiattolo piange e suona in segno di rifiuto
così Alice se ne torna a casa sconsolata
ma non trova la via del ritorno
se non fosse per un serpente amico
che la conduce fuori dalla foresta
e così finisce la storia di Alice (l'ennesima)
Che fece amicizia con uno scoiattolo e fu aiutata da un serpente

Il mistero dell'origami maledetto
che stregava le persone a distanza
la Madonna maledisse l'uomo che lo fece
e così quel poveretto vagò senza cervello per venti anni
finché Dio ebbe pietà di lui
e lo perdonò a condizione che dimenticasse l'origami
l'uomo dimenticò l'origami, di cui una strega si era impadronita
e così quell'origami cambiò padrone
Ma restò attivo e pericoloso nei secoli dei secoli

15-8-2009

I pinguini soli
non hanno nido nè tana
hanno tanto paura del buio
e dell'odio altrui
non sbagliano il bersaglio
se giocano con le freccette
e si inventano qualcosa per scaldarsi
Mentre il vento porta via qualche poesia di loro invenzione




Torna ai contenuti | Torna al menu