Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesie de Il Perditempo.org: aprile 2010, 2

Pensieri e Poesie > Poesie archivio > Poesie 2010

My Great Web page






69)
Il bruco solitario

Il bruco solitario
Ha messo incinta una ragazzina
Di soli sedici anni
E non si pente
Il bruco solitario
Atterrisce di fronte all'attesa
Del bambino che deve nascere
Il parto stesso lo spaventa
Il bruco solitario
Esce dal liceo classico
Dove dorme notti insonni
E lava i panni sporchi in casa
Il bruco solitario
Studia Leopardi
E si accorge di come gli anni
siano passati
Uno dopo l'altro
Il bruco solitario
Esce e va al bar
Non sa se ridere o morire
Davanti al nulla che lo attende

70)
La talpa stupida

La talpa stupida
Si incorona regina del sottosuolo
Tutti ridono di lei
Ma non si ferma
La talpa stupida
Ha sani propositi
Ma geni mediocri
E avi scadenti
La talpa mediocre
Danza la sua danza regale
Immagina mille cortigiane
Che le fanno l'inchino

71) La donna francese

La donna francese
Dalla Tour Eiffel si tuffa
Col suo animo inquieto
E un paracadute immaginario
La donna francese
Muore suicida
Per un amore sbagliato verso Dio,
e verso un uomo che la tradiva
Come un pendolo ha vissuto
La donna francese
Metà dea, metà regina
E' nel cuore dei parigini
Perchè era santa
La donna francese
Non spera nel Paradiso
Ma con umiltà rimette l'anima a Cristo
Che la accoglie in Purgatorio

72)
Il cappello che cade

Il cappello che cade
E' un po' distratto
Manca di gelosia
E di sdegno cristiano
Il cappello che cade
Recrimina per torti mai subiti
E' quindi un po' paranoide
Ma tutti l'abbiamo perdonato
Il cappello che cade
Ama il viola
Si perde nell'aria
Fa due capriole allegre
Il cappello che cade
Non crede in Gesù
Ma in un dio pagano
Che dà una morte dolce
Il cappello che cade
Alla fine smette di rotolare,
e si ferma
Pensando chissà
Un giorno sarò un angelo


73)
La regina di Roma

La regina di Roma
Vince da duemila anni
Su tutti i re della terra
Indomita eppure indecisa
La regina di Roma
Ha una stella polare
Che la conduce in battaglia
E mentre dorme sogna vittorie
La regina di Roma
Immagina un mondo migliore
Dove qualcuno regni con giustizia
Dove l'orfano, la vedova, lo straniero,
il malato siano protetti
La regina di Roma
E' un Savoia scontento
Che sarà deposto
Perchè non all'altezza
La regina di Roma
Ha in sè il segreto della storia d'Italia
Che è stata grande nei secoli
E oggi si difende come può

74)
Il capo chino

Il capo chino
In segno di gioia rassegnata
Per un disegno divino che si realizza
Il malvagio muore
Il capo chino
I nemici sommersi dalle acque
Ho pietà di loro
Nell'infinito mare si specchiano le loro anime
Il capo chino
Senza progetti
Con una bandiera che sventola
In segno di civiltà e libertà

74)
Il veliero dei pirati

Il veliero dei pirati
Ammaina le vele
Seduce i mari con bontà
Solca le acque della miseria umana
Il veliero dei pirati
Giocano su di esso i bambini,
figli dei pirati
Perchè anche i pirati hanno dei figli
Che forse intraprenderanno un'altra strada
Il veliero dei pirati
Assalta una nave incredula
Davanti a tanta avidità
Ma i pirati per una volta soccombono
Il veliero dei pirati
Viene fatto prigioniero
Il mare è più libero
Adesso che il vento racconta la loro storia

75)
Triste risveglio

Triste risveglio
Quando vai via
Un secchio di vernice lasci sulla porta
Un pulcino giallo ti guarda andare via,
dalla finestra
Triste risveglio
Quando ti accorgi che stai precipitando
Dal ventesimo piano e non ti fermi
Prima o poi arriva il suolo
Triste risveglio
Quando preghiamo e ci sembra che Dio non ci ascolti
Ma ci risponda con il silenzio
Di una giornata sconsacrata
Triste risveglio
Quando una chiesetta di periferia ci accoglie
Senza che sappiamo veramente chi siamo
E preghiamo Dio di rivelarcelo

76)
Il coraggio di essere vivi

Il coraggio di essere vivi
Ti prende la sera quando preghi
Ti risvegli in un sogno bellissimo
Ma anche un po' inquietante
Il coraggio di essere vivi
Quando ti accorgi che la dua donna è splendida
E i tuoi figli ti amano
E non c'è più disperazione
Il coraggio di essere vivi
Ogni volta che ti guardi intorno
Ed è Pasqua o Natale
Cristo ti guarda e ti penti dei tuoi peccati
Il coraggio di essere vivi
Negli occhi di due bambini
Fratelli d'Italia
Valorosi e vicini

77)
Emergenza continua

Emergenza continua
Il naso si è rotto
Sotto un pugno teso
Di un pugile dilettante
Emergenza continua
Nasce dalle stelle
Che ci sarebbero avverse
E ci danno tormento
Emergenza continua
Una nave affonda
E' la nave dei nostri pensieri,
dei nostri desideri
Che vede morire i suoi figli

78)
Un cristiano a Tripoli

Un cristiano a Tripoli
Offre soldi ma non li accettano
Viene corteggiato da molte donne
Che lo seducono amabilmente
Un cristiano a Tripoli
Si sente un po' perso
Dietro il velo si nasconde la bellezza
Di un'anima islamica errabonda
Un cristiano a Tripoli
Ha dimenticato l'Italia
Specialmente Milano e Torino
L'asse del nord
Un cristiano a Tripoli
Dimentica il Duomo e Superga
Indossa dei sandali arabi
A arriccia il naso in segno di lutto
Un cristiano a Tripoli
E' come un topolino liberto
Che prende un nuovo nome
E lo scrive in un libro che sarà un bestseller

79)
Ritorno senza senso (ritorno ad Alien)

Ritorno senza senso
Se hai un estraneo nella pancia
Può trattarsi di un alieno
O di un amico che ti difende
Ritorno senza senso
I bamboccioni manifestano
Davanti a San Pietro
Per la pedofilia
Ritorno senza senso
Nello spazio cosmico
In viaggio per la Chiesa
Alla ricerca di alieni da convertire
Ritorno senza senso
In una trappola infernale
Che scatta quando la gatta va al lardo
E ci lascia l'anima, poveretta
Ritorno senza senso
Al paesello natio
Dove c'era una capanna
E un agnello immolato
Ritorno senza senso
Nella Nuova Gerusalemme
Dove tutto prende corpo
Ed i bambini danzano
Ritorno senza senso
Al buio più buio
Quando i pensieri divengono ostili
Ed il senso di realtà ritorna alla mente

80)
Passaggio all'inferno

Passaggio all'inferno
Per ottenere ricchezza
Si ottiene pazzia
Ed un sapere distorto,
forse malvagio
Passaggio all'inferno
Si beve veleno
Dall'anima di Satana
Con l'intercessione di Lucifero
Passaggio all'inferno
Interviene un esorcista
Per riportarti alla realtà
Dei nostri bisogni terreni ed eterni
Passaggio all'inferno
Il dado è tratto
Attraversiamo il fiume sacro
Per rinsavire con l'aiuto di un angelo
Passaggio all'inferno
C'è passato anche il Signore
Per raccogliere le anime perse
E dipinte da Chagall
Passaggio all'inferno
E' un'utopia uscirne
Ma da credere per vivere
Con un ancora nel cielo,
ed i piedi sulla terra fertile

81)
Prostituta ed assassina

Prostituta ed assassina
Una bestia risoluta e progressista
Un laicismo feroce e disumano
Che promette un mondo nuovo
Prostituta ed assassina
Sempre che qualcuno le creda
E' pronta a vendere la sua merce
Di coriandoli di carne umana
Prostituta ed assassina
Esce dal carcere per cercarmi
Sono fuori casa, peccato
Mi cerchi più tardi
Prostituta ed assassina
E' la città dell'Anticristo
Dove vivono tante persone ed animali insieme
Per il convito allegro
Prostituta ed assassina
Si meraviglia dei suoi errori
L'abbiamo misurata
E trovata empia
Prostituta ed assassina
E' una donna che ho amato
Venduta e comprata
Per pochi denari

82)
Il fanstasma di Moncalieri

Il fantasma di Moncalieri
Si aggira furtivo per il castello
Si è perso un giorno di Ottobre
Per una giovane donna che non ha saputo amare
Il fantasma di Moncalieri
Ascoltava il Jazz di Ornette Coleman
Poi si è eclissato
Si è come spento
Il fantasma di Moncalieri
Fugge di fronte ai visitatori
O li guarda inebetito
Perchè non sa cosa dire
Il fantasma di Moncalieri
L'anima si è spenta
E non sa tornare
Al Paese d'origine,
perchè non si ricorda qual è
Il fantasma di Moncalieri
Fa amicizia con un fantasma scozzese
I due vanno in vacanza a Lochness
E divengono invalidi civili
Il fantasma di Moncalieri
Ora trova la pace
Non dimentica tutto il veleno ricevuto
Ma almeno ha perdonato

83)
Una notte in città

Una notte in città
Andando ai Murazzi
Un soldatino di piombo cade nel Po e muore
La polizia accorre numerosa
Una notte in città
Il sindaco presenzia ai funerali
Ma la cassa da morto è vuota
Il soldatino di piombo non è stato ritrovato
Una notte in città
Con le luci da artista
La movida è un po' ingessata
Nella città più timida d'Italia
Una notte in città
Nè francesi nè italiani
Eppure patrioti
In una terra oscura e tenera
Una notte in città
Le Fiat che corrono veloci
Vanno in America
A mendicare la Luna,
che ci guarda sorridendo
Una notte in città
Siamo quasi salvi
Speriamo che il futuro non ci schiacci
Ancora una volta, insieme

84)
Sul ponte sventola una bandiera

Sul ponte sventola una bandiera
Ma non si capisce il colore
A qualcuno sembra bianca,
ad altri azzurra
A me sembra verde
Sul ponte sventola una bandiera
Un nano la toglie e la arrotola
La porta in un circo
Per mostrarla ai leoni ed agli elefanti
Sul ponte sventola una bandiera
Sembra che qualcuno abbia studiato bene l'inglese
Per poter decifrare una scritta
All'interno di essa
Sul ponte sventola una bandiera
E una dolce musica di Bach l'accompagna
Per celebrare la vittoria del bene
Della carità e della speranza

85)
Il poeta distratto

Il poeta distratto
Si innamora di una giornalista
Che è proprio carina
E guida una Porsche
Il poeta distratto
Non si è accorto che fuori nevica
Cadono fiocchi meravigliosi
Che sembrano lana di prima scelta
Il poeta distratto
Segue una sfilata di moda
Tra figure inconsistenti
E pensieri profondi e accorti
Il poeta distratto
E' un italiano tipico
Che mangia pizza e coca cola
Ma non trascura la dieta
Il poeta distratto
Faceva ciclismo e canottaggio
Poi è ingrassato
E nonostante tutto, ama
Il poeta distratto
Siamo tutti noi che speriamo in un Paese migliore
Che combattiamo in politica
Per le riforme auspicate
Il poeta distratto
E' un mostro marino
Meno allegro del previsto
Che si nutre di plancton
Il poeta distratto
E' una cameriera francese in un bar di Torino
Che mi chiede di sposarla
E forse ho sbagliato a rifiutare

86)
Vento di città

Vento di città
Arietta di campagna
Penetra tra i grattacieli
Spia le gambe di una donna con la gonna
Vento di città
Fa innamorare i sedicenni,
delle quattordicenni
Lacrima sangue
Appena si accorge di essersi infatuato di lei
Vento di città
I matti fuggono dai manicomi
Si rifugiano in un oratorio
Dove un salesiano li accoglie
Vento di città
Andando a Messa la mattina
Mi accorgo della mia miseria
Bisognosa di consolazione

87)
La torre di carta

La torre di carta
Vacilla serena
Teme solo di bruciare
Un rogo dell'Inquisizione
La torre di carta
E' un origami perfetto
Un capolavoro giapponese
Un cervo di montagna
La torre di carta
Ha delle ruote per muoversi libera
Era femminista
Poi si è convertita,
è diventata cattofemminista
La torre di carta
Ha visitato tutti i Paesi del mondo
Si è innamorata di Praga
E si sente europea
La torre di carta
Non ha nessuna scala
Non vi si può salire,
per ammirare il panorama
La torre di carta
Come la casa in via dei matti numero zero
Contempla per ore
La follia che scompare

Componimenti di Andrea Chiodi

49)
Il bambino distratto

Il bambino distratto
Cavalca un orsacchiotto
In una tenda culla i propri sogni
Di avere un cucciolo tutto per sè
Il bambino distratto
Non pone mente al futuro
Vive un eterno presente
Rannicchiato nel suo letto
Il bambino distratto
Acciuffa una mosca
E la brucia con una sigaretta
Un gesto di cui si pentirà
Il bambino distratto
Ora è quasi grande
Fa lo psicanalista
E s'interroga sul da farsi
Il bambino distratto
Veleggia in alto mare
Un mare cupo e tempestoso
Di una vita errante e freudiana
Il bambino distratto
Cura i pazzi
Che poi così pazzi non sono
E di cuore lo ringraziano

50)
Il graffito sul muro

Il graffito sul muro
Insegna la pop art ai bambini
Che lo studiano feroci
Come un pupazzo al circo
Il graffito sul muro
Ha mille colori
Ci riempie di gioia
Sgarbato e sincero
Il graffito sul muro
Toglie spazio al grigio
Un topolino gli passa davanti,
indifferente
Un'anatra lo guarda stupita
Il graffito sul muro
E' un urlo di città
E' un pensiero che penetra,
le menti forti
E reca danno a qualcuno,
che teme il silenzio

51)
L'anatra selvatica

L'anatra selvatica
Ha vinto un concorso della C.E.E.
Vive a Bruxelles
Insegna matematica
L'anatra selvatica
Ha sposato un filosofo
Kantiano e moralista
Una strana contraddizione
L'anatra selvatica
E' stata impallinata
Da un cacciatore scontento
Che diviene il suo amante
L'anatra selvatica
Non viene additata al pubblico ludibrio
Si sa difendere da sola
Ora ha due bambini
L'anatra selvatica
E' quasi mia cugina
Parla bene l'inglese
E domani farà festa
L'anatra selvatica
Muore di nostalgia
Se le parli dell'Italia
Paese amato eppure odiato


52) La sapienza del cuore

La sapienza del cuore
Ha mille segreti
Li conta uno ad uno
Vale più della ricchezza
La sapienza del cuore
E' un bambino prodigio
Un po' eretico e disubbidiente
Ma molto sensibile
La sapienza del cuore
Ti parla dell'aldilà
Senza importi la fede
Ma parlandoti di amore
La sapienza del cuore
E' nella tasca di Eta-Beta
Ne esce solo all'occorrenza
Per fare un prodigio
La sapienza del cuore
La sento alla radio
Un prete malato la racconta
E ascolto svogliato
La sapienza del cuore
Mi chiede di non dare consigli,
inutili e sbagliati
Mi interroga sul domani
Con domande cui non so rispondere

53)
Il bambino perfetto

Il bambino perfetto
E' il sogno di qualche genitore
Un fiore da annaffiare
Un ricordo da coltivare
Il bambino perfetto
Va sempre bene a scuola
Non arriva mai in ritardo
E' un segugio di mare
Il bambino perfetto
Un giorno si rompe
Un veleno lo corrompe
Un incantesimo lo fa svanire
Il bambino perfetto
Era in realtà fragile
Come i propri genitori
Bambini mai cresciuti
Il bambino perfetto
Se la cava nella vita
Con qualche difficoltà,
prende un salita
Con la bicicletta
Il bambino perfetto
Sulla collina di Torino
Sale e scende
Nello stupore di tutti
Il bambino perfetto
Si innamora della compagna di banco
Un unico grande amore
Che dura negli anni
Il bambino perfetto
Ama i delfini
Si costruisce una casa deliziosa
Dove gioca alla PlayStation
Il bambino perfetto
Non ne ha mai abbastanza
Di lodi e rimproveri
Si lascia guidare da maestri,
sapienti ed intelligenti
Il bambino perfetto
Oggi fa l'astronauta
Scruta la terra dal cielo
E si incanta di stupore e morte

54)
La banca intelligente

La banca intelligente
Ha un pulsante di fronte alla sedia
Che fa sentire importante il cliente
Che ti fa vedere le stelle
La banca intelligente
Tiene le banconote nascoste
Le vernicia contro i ladri
Si premura di incantare
La banca intelligente
Ha sede a Roma e Milano
Le capitali d'Italia
E non teme l'inflazione
La banca intelligente
Cavalca i derivati
Nel pieno della tempesta
Guadagna e si ingrandisce
La banca intelligente
Non ascolta ciò che dice la gente
Ma ascolta una conchiglia
Ed il suono di un flauto,
che accompagna i nostri giorni

55)
Cimitero sud

Cimitero sud
Disteso su una collinetta
Sembri triste e stanco
Ricordi i morti che camminano?
Cimitero sud
Un film dell'orrore ti ha spiato
Un regista ti ha incorniciato
Sembri oggi un altro da te stesso
Cimitero sud
Ho imparato la lezione
Non scherzare con i teschi
Non scherzare con gli scheletri,
e i fantasmi
Cimitero sud
Un giallo intenso ti inonda
Di fiori portati dalla gente
Accogli le anime che sostano
Cimitero sud
Sei la porta per l'inferno
Da te dorme gente famosa
E ascolti il chiacchiericcio dei passanti

56)
Il rinoceronte

Il rinoceronte
Trasforma uno show in un dramma
Come un toro nell'arena
Si scatena contro il domatore
Il rinoceronte
Allude al nazismo
Senza lasciarsi coinvolgere
Mente sapendo di mentire
Il rinoceronte
E' un film in cartapesta
Dove gli animali parlano di Fellini
Alludono a Jonesco
Il rinoceronte
Accende una lampadina gialla
Sembra annuire intelligentemente
Quando sbaglia una rima
Il rinoceronte
Porta la primavera
E con sè tutti i ricordi della giovinezza
Senza rimpianti nè preghiere

57)
Il granchio verde

Il granchio verde
E' una discoteca
Con una pedana,
che gira su sè stessa
E una donna mediocre ma bella,
che piroetta su di essa
Il granchio verde
Passa in mezzo ai granchi rossi
E tutti lo notano
Ma non ci fanno caso
Il granchio verde
Appare bellissimo
A confronto dei crostacei
Sta in collina,
di fronte ad un grande parcheggio
Il granchio verde
Rimane nei miei ricordi
La febbre del sabato sera
Ed una velina televisiva

58)
La mosca

La mosca
Trivialità di cinema muto
Non si ode un ronzio
Nè si vede una lumaca piangere
La mosca
Cervello che esplode
Dentro un'ampolla
Zeus scaglia un fulmine
La mosca
E' una città famosa
Appariscente e barocca
Nessun traguardo le è precluso
La mosca
Mi ricordo da bambino
Quando la osservavo incuriosito
Per i suoi occhi particolari
La mosca
Non la vedi ridere,
nè piangere
Forse pensa a qualcosa
Ma si è perduto l'istinto
della sua immaginazione
La mosca
Dramma secolare
Provoca crisi d'ansia
Prima che venga notte

59)
Girotondo

Girotondo
Gira su sè stesso il mondo
Senza pretese particolari
Attende il prossimo valzer
Girotondo
Quattro gatti al bar ci credono
E scommettono su un cavallo
Che non delude mai
Girotondo
Apparentemente senza senso
Si rivolge ai presenti
Perchè facciano compagnia
Girotondo
Tutti giù per terra
Per rialzarsi assieme all'Africa
Che ha bisogno del nostro aiuto

60)
Turbine di guerra

Turbine di guerra
Sparano dall'alto
Ci nascondiamo,
ma è un errore
Eterno è il dilemma
Turbine di guerra
Un elicottero ascende
Un'ascesa senza fine
Fin quando si scontra con una nube
Turbine di guerra
Lo porta un dio minore
Irrequieto e malvagio
O forse solo annoiato
Turbine di guerra
Siamo noi che marciamo
Verso un destino migliore
Chissà però quando

61)
Ero grande

Ero grande
L'ascia sotterrata freme un metro sotto
Eppure è l'essenza dell'essere cristiani
Perdonare ed essere perdonati
Ero grande
Tu mi guardavi piangendo
Ed io agivo bestialmente
Senza ridere di me stesso
Ero grande
Lacrime di coccodrillo
Abbiamo versato insieme
Eppure è la verità che rende liberi
Ero grande
Ma non abbastanza per accorgermi
Dei lamenti altrui
Degli altrui drammi e sofferenze
Ero grande
Ma non ho saputo più studiare
Cose troppo difficili per me
Che ero uno studente affannato e triste

62)
Il treno che passa

Il treno che passa
Tra le nuvole della nostra fantasia
Sui nostri corpi stanchi e martoriati
Come dei cristi appena morti
Il treno che passa
Davanti ai nostri occhi
Davanti a madri gravide
Verso l'inferno della passione
Il treno che passa
Manca il senso di realtà
Quando ci accorgiamo che
non l'abbiamo preso
E ci aspettava
Il treno che passa
Tra un dubbio e l'altro
In mezzo ad un romanzo non letto
Con tutte le remore del caso

63)
Sogno stupendo

Sogno stupendo
Proprio mentre sto morendo
Vedo una nube che si apre
Ed in mezzo qualcuno che chiama
Sogno stupendo
Forse è San Pietro
Che tende la sua mano
In un vincolo fraterno
Sogno stupendo
Effetti miracolosi
Come un fuoco d'artificio
Che nessuno può fermare

64)
I più deboli

I più deboli
Come ramoscelli spezzati
Finiscono col diventare amici
Un pomeriggio in casa
I più deboli
Sono messaggeri di buona sorte per gli altri
Auguri a tutti da loro
Che non chiedono perdono
I più deboli
Piegati dal vento
Dalle avversità
Dalle menzogne
I più deboli
Forse sono anche gli ultimi
Di cui parla il Vangelo
O forse no
I più deboli
Sono come un francobollo
che si stacca
Per poca colla
E vola per terra
I più deboli
Giacciono seminudi
Dove sono caduti
E non si rialzano più,
se non per pregare

65)
E volo via

E volo via
Verso la mestizia che è in terra
Verso la felicità che è nei cieli
Abbi pietà di me, Dio
E volo via
Lontano da chi mi vuole male
Colleziono perle indiane
In una città araba
E volo via
Maestosamente, musicalmente
Entro in una banca,
chiedo informazioni
Per abitare altrove
E volo via
Per resta in Italia
Per fuggire da Londra
Per desiderare Parigi
E volo via
Verso il mio destino ambulante
Che sogna desideri di una pesca abbondante
Di buoni altrui sentimenti

66)
Il ragno ribelle

Il ragno ribelle
Non vuole calarsi dalla ragnatela
Vuole fare il pittore
E diventare famoso
Il ragno ribelle
Non vuole ascoltare il rock
Ma la musica classica
E non vuole mangiare mosche
Il ragno ribelle
Ha le sue idee belle ferme
Ha un vigneto nelle Langhe
Dove fa un buon vino
Il ragno ribelle
Ogni tanto si ubriaca
Prima di fare l'amore
Con la sua amata moglie

67)
Un cupo presagio

Un cupo presagio
Ti assale una domenica mattina
Mentre corri lungo le rive del fiume
Il Po o qualunque altro fiume
Un cupo presagio
Di gente ostile che ti assale
Perchè non si verifichi,
preghi santamente
Ma il sogno si avvera
Un cupo presagio
In un giorno benedetto
Da Dio e dagli uomini
Ti cambia la vita
Un cupo presagio
Dormivi e sei sveglio
Ti adagiavi
Ad una vita melliflua
Un cupo presagio
Di morte, di amore
Il diavolo vi si scatena
Ma non torni sui tuoi passi

68)
Città araba (odalisca sinuosa)

Città araba
Veloce e sconnessa
Ti ha edificata Maometto
Spiritualmente
Città araba
Odalisca sinuosa
Notte di luna piena
Canti d'amore
Città araba
Collegata ad Internet
Detesti il nulla del vampiro che viene
Un Nosferatu d'altre terre
Città araba
Non sei più sincera
Come eri un tempo
Ma misera di oro e ricca di cuore
Città araba
Il tempo di passa sopra
Le pietre parlano,
forse gridano
Non ti dimenticherò


Torna ai contenuti | Torna al menu