Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesie de Il Perditempo.org: aprile 2010, 4

Pensieri e Poesie > Poesie archivio > Poesie 2010

My Great Web page






136)
La rana e il bue (rivista)

La rana e il bue
Pascolavano assieme ad un pesciolino rosso
Chi dei tre è il più furbo?
La rana poteva gonfiarsi fino a sembrare un bue,
senza scoppiare
La rana ed il bue
Il pesciolino rosso, tre animali magici
Poteva cambiare mille colori per ingannare i nemici
Ed il bue poteva mangiare quantità enormi di erba
La rana ed il bue
Ascoltavano Bach senza fiatare
Il pesciolino suonava il flauto,
accompagnando
La dolce melodia si effondeva
La rana e il bue
Il più furbo era il bue
La più maldestra, la rana
Il pesciolino rosso il più scaltro
La rana e il bue
Vanno da un medico
Diagnostica un tumore alla vescica
Non ci possono credere
La rana e il bue
Col tumore alla vescica
Si convertono al buddhismo
Mentre il pesciolino rimane cristiano
La rana e il bue
Non mentono mai
Il pesciolino vive nella verità
Sono tre animali a loro modo santi
La rana e il bue
Cantano un'allegra canzone
Cristo è risorto
Alleluja!

137)
Danno strategico

Danno strategico
Ho subito dal nemico
Un controllo costante del pericolo
Che io rappresento
Danno strategico
In Iraq, in Afghanistan
Mille soldatini
Di piombo fuso
Danno strategico
Riporta Obama in campagna elettorale
Da parte di John McCain
Ma poi diventa un grande Presidente
Danno strategico
Infliggo in Cristo
Ai nemici di Dio
Per non confidare nell'uomo
Danno strategico
Da una casa all'altra
Ritorno alla base
In atmosfera zero
Danno strategico
Diventa vitale
Per molte persone
Che sperano nell'Esercito

138)
Felicità eterna

Felcità eterna
Dona a noi Signore
Dal più alto dei Cieli
Come coccodrilli affamati,
bramiamo lo Spirito
Felicità eterna
Dona Santo Spirito
Che raddrizzi ciò che arde male
E santifichi la vita quotidiana
Per il tuo amore eterno
Felicità eterna
Dona a noi Gesù Bambino
Per le lacrime di tua madre
Per il ventre di Maria,
gracile e fecondo
Felicità eterna
Dona a noi Giuseppe
Che partisti per l'Egitto
Un viaggio allegro e temerario
Felicità eterna
Memore della nostra infanzia
Donaci, Signore, sogni allegri
Che rinfranchino l'anima


138) Lo spiritello

Lo spiritello
Esce dal fuoco di un camino in montagna
Feconda i campi di grano
Giuoca con il destino,
talora così assurdo
Lo spiritello
Entra in una vacca
Che viene considerata sacra
Così nessuno la mangia
Lo spiritello
Anela ai confini dell'infinito cielo
Nello spazio siderale
Semina pianeti e stelle
Lo spiritello
Convince mia madre
Che il femminismo è giusto
E nessuno può permettersi di dire il contrario
Lo spiritello
E' sia di destra, sia di sinistra
Ha guidato Stalin e non se ne pente
Ha ucciso ventimila polacchi
Lo spiritello
E' un concetto pagano
Un po' è buono, un po' è cattivo
Fa la guardia a un ospedale
Lo spiritello
Non guarisce i malati
Ma li convince
Che la malattia è una punizione divina
Lo spiritello
Canta che c'è un burattinaio cattivo
Che muove i suoi passi nell'ombra
E un bambino ci crede
Lo spiritello
Da una stella cadente
Canta una canzone triste,
anche stanca
Una melodia assordante
Lo spiritello
Talvolta è triste, talvolta è allegro
Ti fa peccare contro Gesù
E contro la Madonna

139)
Il bue somaro (popolo bue)

Il bue somaro
Si dice compri azioni alla cieca in Borsa
Ha venduto la Borsa di Milano agli inglesi
Poi si è gettato da un precipizio,
ma un angelo l'ha salvato
Il bue somaro
Ha studiato a scuola
Ma è un analfabeta di ritorno
Perchè non ha più letto niente,
dai tempi del liceo
Il bue somaro
Si è ammalato nel corpo
Di un tumore maligno
Che non vuole più andarsene
Il bue somaro
E' una donna con le catene
Che mangia ratti schifosi
E osserva i ragni sulle loro ragnatele
Il bue somaro
Annuncia sventure
Che puntualmente non si verificano
Ma qualcuno ci crede e si suicida
Il bue somaro
Passa sempre con il rosso
Perchè è incivile per natura
E' rissoso ed ipocrita
Il bue somaro
Un professore in diritto romano
Lo citava sempre
E io mi sono accodato

140)
L'ultima volta

L'ultima volta
Prometto che non lo farò mai più
Ma il destino è nascosto nel futuro
E le cose tendono a ripetersi
L'ultima volta
Che ti ho vista,
avevi i capelli rossi
Il seno nudo
Avevi trent'anni
L'ultima volta
Che il sole cade nel mare
C'è un tramonto galattico
E noi due prendiamo il sole dal mare,
lo asciughiamo e ne curiamo le ferite
L'ultima volta
Che un chirurgo sbaglia
Un'operazione difficilissima
Un trapianto
L'ultima volta
Che torna Cristo sulla terra
Facciamo festa
Lodiamo Dio
L'ultima volta
Che un prete è pedofilo
Poi interverrà il Papa
A sedare ogni controversia
L'ultima volta
Che scriverò una poesia
Qualcuno sarà contento
Non certo io

141)
Tramonto di un'epoca

Tramonto di un'epoca
Le ragazze tristi di Torino si vestono a festa
Le carrozze trainate dai cavalli
I borghesi in bicicletta,
il Monte dei Cappuccini si fa bello di sera
Tramonto di un'epoca
Un cammello disidratato spera in un'oasi
Che viene avvistata il mattino
Un soldatino di piombo espugna un castello di carta
Tramonto di un'epoca
Chi ha molto amato, ha molto sperato
In un avvenire più libero e meno meschino
In un sole che sorge per noi
Tramonto di un'epoca
Il nazismo è morto
Il sionismo sta male
E i cristiani in tutto il mondo soffrono
Tramonto di un'epoca
Ascoltando una musica dolce
Che reca conforto al cuore
Che massaggia dolcemente le membra,
stanche e inaridite
Tramonto di un'epoca
Aspettando Colui che fa nuove tutte le cose
E dimenticando i passi falsi nella fede
Che serbiamo caramente nella cassaforte
Tramonto di un'epoca
La musica di Bach risuona nell'aria
L'oratorio di Natale ci seduce
Mentre scriviamo sperando in Dio

142)
Sogno congelato

Sogno congelato
Si specchia nei tuoi occhi
Un'atmosfera da incubo
Ed il terrore pervade la tua anima
Sogno congelato
Ti rinfranca una fontana
Di fiducia aspersa
Di teneri ricordi
Sogno congelato
Un cane amico scodinzola
E non teme il domani,
come temiamo noi
Che ci accontentiamo di un attimo che sfugge
Sogno congelato
Solerte amico
Mio sincero consigliere
Sento suonare delle trombe,
sento rullare i tamburi
Sogno congelato
Il dio della guerra ci attende
Per una epica battaglia
Che sognamo prima di vivere veramente

143)
Notte d'inverno (angoscia)

Notte d'inverno
L'angoscia striscia sul pavimento,
sul soffitto
Penetra nei muscoli e nelle ossa
Come un serpente in agguato mi assale
Notte d'inverno
Incubi notturni mi riportano alla realtà
Che ho sognato stando sveglio
Davanti al televisore
Notte d'inverno
Le palpebre si aprono e chiudono frenetiche
Segno di una nevrosi incombente,
anzi esplosa
Nella fase acuta della malattia
Notte d'inverno
Non sei più la mia compagna
E non ti rimpiango
Amica, nostalgia

144)
Lodate il Signore

Lodate il Signore
Amiche rane coi vostri girini
Acque torbide della palude
Coccodrilli in agguato
Lodate il Signore
Monti e valli tutti
Accalappiate il silenzio
Il vento che soffia
Lodate il Signore
Monaci cistercensi
Inebetiti visitatori
E turisti di ogni Paese
Lodate il Signore
Perchè è grande e maestoso
Il suo mantello di luce divina
La sua maestà regale e sempiterna
Lodate il Signore
Noi tutti,
perchè è buono
Grande la sua misericordia
Lodatelo voi tutti che lo temete

145)
Solo la Croce di Cristo

Solo la Croce di Cristo
E' ciò che debbbo e voglio portare
Nient'altro,
nè fardelli, nè umiliazioni
Oppressioni varie
Solo la Croce di Cristo
E' ciò che voglio avere
Non i lacciuoli del diavolo
Non le sue trappole
Solo la Croce di Cristo
E' ciò che mi tenta
Prego il Padre che sia così
Per salire un vulcano sino in cima,
contemplando il santo Volto
Solo la Croce di Cristo
E' ciò che illumina i miei passi
Quando vado a ritroso come un gambero
E colgo la tristezza infinita in altri occhi,
che non vedono nè temono
Solo la Croce di Cristo
Sia la mia giornata
La mia unica dolce disperazione
Il mio unico traguardo

146)
Dolce Maria

Dolce Maria
Quanto ti è costato il sacrificio di Gesù!
Le tue labbra piene d'amore
Non baciano più il suo volto
Dolce Maria
Ti lasci svenire sorridente
Contenta di aver detto "sì"
Ebbra di felicità di fronte agli angeli
Dolce Maria
Una spada ti ha trafitto il cuore
Una lancia ha trafitto il costato
E la Passione ti lascia basita
Dolce Maria
Un cane abbaia alla Croce vuota
Il corpo è deposto
Tra poco avrà nuova vita
Dolce Maria
Chi ti ha risvegliato l'indomani?
Forse Giuseppe
Forse la luce del sole
Dolce Maria
Il crepuscolo degli dei pagani è all'inizio
L'Occidente ti attende come madre
Del Creatore, del Salvatore, di Dio

147)
Odio pagano (morti pagani)

Odio pagano
Nessuno si ricorda più dei cristiani dati ai leoni
Ora i cristiani bruciano streghe ed eretici
Trafiggono musulmani e ne vengono uccisi
Odio pagano
Mi ritorni in mente
Un giorno di maggio
Sulla tua pelle solo lacrime e sudore,
di un gladiatore
Odio pagano
Tra simili è leggero e feroce
Tra nemici punge come uno scorpione
Tra amici è un pugnale che ferisce
Odio pagano
Le stelle stanno a guardare
Questo melanconico addio all'Olimpo
Mentre Cristo trionfa nei Cieli
Odio pagano
Molti si convertono,
qualcuno resiste
I giudei sono aggressivi e rassegnati
La stella che sorge non li condanna/i
Odio pagano
Nuove alleanze contro l'Anticristo
Si formano nei cieli e sulla terra
I servi di Satana si radunano
Odio pagano
Una nube nera nell'aria annuncia sventure
Per chi si dà agli idoli morti ed inermi
Ma usati per scagliare maledizioni
Odio pagano
Su di noi un mare di cenere vulcanica
Per ottenebrare la vista
E nasconderci la Madre di Dio
Odio pagano
Contro la Croce ed i servitori di Dio
Dell'unico Dio,
uno e trino
Al servizio della Chiesa
Odio pagano
Dai tetti se ne diffida
Nella Chiesa è la salvezza
I morti resuscitano
Odio pagano
Cantato,
gridato
Non serve usare un estintore
Contro una miriade violenta
Odio pagano
Un cavaliere è disarcionato
San Giorgio uccide il Drago
Un mantello copre un ignudo
Odio pagano
Martella le menti con una musica un tempo sacra
Non vuole sentire ragioni
Che non siano quelle di un'anima persa

148)
Carrozza per l'inferno

Carrozza per l'inferno
Sei tenera e suadente
Finchè l'anima non è ammaliata
Afflitta e conquistata
Carrozza per l'inferno
Il tuo dovere è la morte
Che porti i giro divorando e rompendo
Come uno schiacciacarne rompe un cubetto di ghiaccio
Carrozza per l'inferno
Se decisa e mordace
Ti ascoltano i vivi ambiziosi
Per calpestare il prossimo come un carroarmato
Carrozza per l'inferno
La porticina si apre
Gli sventurati salgono
Senza temere il peggio,
che invece arriva
Carrozza per l'inferno
Un sacerdote polacco visita la chiesa
Che porta il nome della santa di Bolsena,
Santa Cristina
E ammonisce gli umili a non salirvi
Carrozza per l'inferno
Un'insalata di voglie e vizi
Si trova dentro di essa
Per gustare la vita e magari perderla
Carrozza per l'inferno
Prima che arrivi il perdono di Dio
E' troppo tardi per evitare il danno fatale
Al cervello,
al cuore

149)
Stoltezza che insegna (imparare a vivere)

Stoltezza che insegna
Dalla stoltezza si impara molto
Soprattutto a non essere stolti
Pigrizia sopraffina ne è la fonte
Stoltezza che insegna
Nelle note di un cantautore italiano
E' un veleno che ti vaccina
Contro le cretinate che si diffondono nell'etere
Stoltezza che insegna
Imparare a vivere
Com'è duro,
giorno dopo giorno
La stoltezza è un pugnale piantato nella schiena
Stoltezza che insegna
Sono morti ed erano in cento
Uno solo è sopravvissuto
Si è bendato gli occhi e le orecchie
Stoltezza che insegna
Sfuggire la maga Circe
Evitare le seduzioni dell'Anticristo
Fuggire le lusinghe del mondo
Stoltezza che insegna
Parto con la nave dei pirati
Per non disprezzare gli ultimi
Per incontrare i peccatori
Stoltezza che insegna
In una valle di lacrime
Quante ne ho dovute versare prima di imparare
Ad evitare gli stupidi che ti travolgono
Stoltezza che insegna
Non prendere esempio da quella altrui
Non sedurre una donna per il piacere
Non darti ai vizi per disamore


Componimenti di Andrea Chiodi

120)
La scimmia umana

La scimmia umana
Forse non è mai esistita
Viene prima dell'homo sapiens
In base alla teoria dell'evoluzione
La scimmia umana
E' l'anello mancante
Che ci lega ai nostri antenati
Viveva in un carcere,
cioè - meglio dire - una grotta
La scimmia umana
Si cibava di ghiande,
di insetti
Parlottava selvaggiamente
Non conosceva Dio,
forse
La scimmia umana
L'ho vista raffigurata
In un museo di Tel Aviv
Con gli occhi spiritati
La scimmia umana
Forse pensava al futuro
Al giorno in cui Dio l'avrebbe trasformata,
rendendola più simile ad un uomo
Facendole scoprire l'amore
La scimmia umana
Non ascoltava la musica
Ma percuoteva un bastone
In segno di sprezzo del pericolo
La scimmia umana
Cammina per New York
Con un Vangelo in mano
E pensa che basti leggerlo per capirlo

121)
L'anatroccolo scalzo

L'anatroccolo scalzo
E' talmente povero che non ha i soldi per le scarpe
Siede sui gradini di una chiesa
Ma non domanda l'elemosina
L'anatroccolo scalzo
Fa pena a vedersi
Sui binari di una stazione ferroviaria
Cerca di suicidarsi per la miseria estrema
L'anatroccolo scalzo
Incontra un angelo
Che lo accompagna in un posto sicuro
E gli dà un bel paio di scarpe
L'anatroccolo scalzo
Ora è felice
Si nutre di cibi succulenti
Rimpiange la vita sulla terra
L'anatroccolo scalzo
Non ride inutilmente
E' molto saggio
Sa che la guerra finisce
L'anatroccolo scalzo
Va in psicanalisi
Lo psicanalista impazzisce
Sentendo raccontare la sua storia
L'anatroccolo scalzo
E' anticomunista,
nonostante sia stato povero
Perchè è cresciuto a pane e vino
Ed è vissuto in Polonia
L'anatroccolo scalzo
Ha un barboncino bianco
Che ha portato con sè in Vaticano
Abbaia assieme a lui
L'anatroccolo scalzo
Se ne esce per fare una gita
E non ritornerà mai più
Perchè ha trovato un paradiso felice

122)
Ghirlanda di fiori (funerale triste)

Ghirlanda di fiori
Dice che non c'è più il sole
Piove cenere
Il cielo è oscurato
Ghirlanda di fiori
Al mercato,
con vestiti e frutta
Passa un carro funebre
Ma nessuno lo nota
Ghirlanda di fiori
Simbolo allegro
Musica triste
Un vuoto nell'anima
Ghirlanda di fiori
Sempre che duri
Questo senso di stupore
Per un anima andata altrove,
non sappiamo - sinceramente - dove
Ghirlanda di fiori
Un sassofono suona
Un motivo di Miles Davis
Musica che incanta
Ghirlanda di fiori
Qualcuno ha offerto
Per il funerale di un povero barbone
Che adesso è nel seno di Abramo
Ghirlanda di fiori
Diciamo un rosario
Era un nostro parente
Che abbiamo odiato e amato
Ghirlanda di fiori
C'è un silenzio che scoppia
Dentro i nostri cervelli
Per il troppo rumore
Ghirlanda di fiori
E' un funerale triste
Che ci accompagna
Sino alla fine della giornata

123)
Una giornata al mare

Una giornata al mare
Il tempo non è favorevole
Una nuvola ci segue ovunque
Sembra disegnata da Matisse
Una giornata al mare
Gli ombrelloni rossi e bianchi sulla spiaggia
Il cielo sembra quasi viola
E lei è bellissima
Una giornata al mare
Passata in albergo
Con la moglie futura
A parlare dell'infinito amore
Una giornata al mare
Sembra ieri
Quando la raccontiamo
E ci divertiamo a rischiare la vita
Una giornata al mare
Su un acqua-scooter
Sfidando le lamentele dei bagnanti
Da cafoni imparati
Una gioranta al mare
Gustando un gelato
Limone e cioccolato
Prima che venga l'autunno
Una giornata al mare
Forse morirò domani
Per adesso non ci penso
Che sorella morte aspetti ancora un poco ...

124)
Gli errori della Chiesa (Cattolica)

Gli errori della Chiesa
Hanno ferito il mondo intero
Anche i buddhisti
Anche i protestanti
Gli errori della Chiesa
Sono una frittata venuta male
Un turbine di sgomento
Una pozzanghera sporca,
in cui nessuno può specchiarsi
Gli errori della Chiesa
Fanno piangere la Madonna
Fanno inginocchiare i penitenti
Fanno indignare i morti
Gli errori della Chiesa
Persecuzioni indegne
Bestemmie
Pedofilia
Gli errori della Chiesa
Sono umani
Eppur osceni
Un Papa ha chiesto perdono,
che Dio lo benedica
Gli errori della Chiesa
Fanno soffrire i perditempo
Che amano San Pietro
E muovono i lavoratori alla protesta
Gli errori della Chiesa
Sono una buca scavata nella sabbia
In cui qualcuno ha messo la testa
Per salvarsi la faccia
Gli errori della Chiesa
Sono un fulmine a ciel sereno
Perchè sgomentano i praticanti
E innervosiscono i preti santi
Gli errori della Chiesa
Fanno riflettere tutti
Sulle debolezze di San Pietro
Di cui parlano i Vangeli
Prima che il gallo canti
Gli errori della Chiesa
Dicono che si può agognare alla perfezione
Senza mai raggiungerla
Senza mai dimenticarla

125)
Miracolo a mezzanotte

Miracolo a mezzanotte
La mezzaluna fa meraviglie
Un lupo ulula felice
Una tigre alleva un cagnolino
Miracolo a mezzanotte
Un cristiano si converte all'Islam
E un buddhista diventa cristiano
La libertà dovrebbe essere sacra e condivisa
Miracolo a mezzanotte
Un barbone vince alla lotteria
E si compra una villa
Per poi perdere tutti i soldi
Miracolo a mezzanotte
C'è pane per i denti
Quando un pugile vince un incontro
E ci invita a cena la sera
Miracolo a mezzanotte
Un ciclista affronta la salita più dura
E vince sui suoi avversari
Che così forti non erano
Miracolo a mezzanotte
E' il destino dei semplici
Che trasformano la giornata in gloria di Dio
Risparmiando al mercato rionale
Miracolo a mezzanotte
E' una fanciulla che decide di restare vergine
Per un voto fatto alla Madonna
Per una scelta di vita

126)
Ascoltando i Beatles

Ascoltando i Beatles
Rimpiango i Pink Floyd
Che certo sono meno importanti
Ma per me più autentici
Ascoltando i Beatles
Ballavo in braccio a mia madre
E mi innamoravo di una bambina
Mia compagna di scuola
Ascoltando i Beatles
Sogno l'Inghilterra
Della mia infanzia
Fatta di draghi e cavalieri
Ascoltando i Beatles
Muoio di nostalgia
Per una spiaggia di Santa Margherita
Per un'amica di Alassio
Ascoltando i Beatles
Ricordo la Liguria
Che si affaccia dalle montagne
E vede fiorire i propri giovani,
i propri fiori
Ascoltando i Beatles
Rimpiango la mia infanzia
Di rigore e di libertà
Di fede e di agnosticismo,
comunista

127)
L'uomo della Sindone

L'uomo della Sindone
Forse è Gesù
Lo contempliamo da Torino
Chissà perchè è finita qui
L'uomo della Sindone
Ha lasciato un simbolo sacro
Nel cuore dei fedeli
Di tutto il mondo
L'uomo della Sindone
Orribilmente martoriato
Suda sangue
Per le percosse subite
L'uomo della Sindone
E' un grande mistero
Della fede cristiana
L'ostensione è sacra

128)
L'uomo ragno

L'uomo ragno
Non sa neppure lui cosa vuole
Non vuole nè il successo, nè l'insuccesso
Gioca a poker e perde
L'uomo ragno
Si è perduto un giorno di maggio
Per una donna-topo
Con un costume nero attillato
L'uomo ragno
In fondo è un po' infantile
Gioca a risiko con un'amica
Prima di fare l'amore
L'uomo ragno
Toglie l'abito e fa il fotografo
Fotografa bellezze sulla spiaggia
Mentre l'ombra di un ombrellone gli tiene compagnia
L'uomo ragno
E' indeciso sul da farsi
Quando incontra un rivale
Esterna la sua rabbia
Specie se guida l'automobile
L'uomo ragno
Va in pensione
Appende il costume al chiodo
E vive di ricordi sbiaditi

129)
All'improvviso

All'improvviso
Ti accorgi di essere donna
Ti sveli per un fiore dolce
Che non pretende nulla,
tranne una carezza
All'improvviso
Mia cara figlia
Voli via come foglia mossa dal vento
Non sogni più il Principe azzurro
Ma un vascello fantasma che ti porti via
All'improvviso
Segui un nastro giallo
Che ha messo la polizia
Sulla scena di un crimine
All'improvviso
Scopri il colpevole
E meriti una promozione
Sulla terra e nei cieli
All'improvviso
Hai il tuo tesoro celeste
Non chiedevi altro
Che di essere una buona cittadina

130)
Assurdo italiano e inglese

Assurdo italiano e inglese
Leggo un intervista a un leader
Mi compiaccio per le belle parole
Che fanno un'insalata mista italiana
Assurdo italiano e inglese
Siamo qui riuniti
Per decidere del futuro altrui
E abbiamo le idee chiare
Assurdo italiano e inglese
Qualcuno ammicca
C'è troppa sporcizia in giro
L'ultra-destra avanza
Assurdo italiano e inglese
Israele ha conquistato l'Ungheria
Tra un po' forse anche l'Italia
Cristo geme dalla Croce
Assurdo italiano e inglese
Un giurista elabora un trucco
Che stupirà le genti
Per salvare il Messia
Assurdo italiano e inglese
Vado a Cambridge per la quarta volta
Mi scuso per aver maltrattato uno scozzese
Mi innamoro e ritorno in Patria

131)
La frutta matura

La frutta matura
Incantesimo di profumi e di colori
Riserbo il meglio dopo il dolce
Coriandoli colorati volano nell'aria
La frutta matura
E' un sogno di ragazzo
Un'adolescente immaturo
Che guarda le belle ragazze
La frutta matura
E' un timido approccio
In un deserto da cui sgorga acqua
E si accende un'oasi di bei pensieri
La frutta matura
Inconsapevole concubina
Mi ha lasciato per un altro
E forse me lo meritavo
La frutta matura
Mi offrono al ristorante
Un ristorante cinese
Che esporta cibo interessante

132)
In onda

In onda
Qualcosa bisognerà pur dire
In modulazione di frequenza
Nell'etere immortale
In onda
Parole sempiterne
Scagliate come pietre
Arroventano l'estate,
e anche l'inverno
In onda
C'è un comico americano
Che obietta e ride
Mi è simpatico
In onda
Una collega ha fatto carriera
Ha comprato una collana d'oro
E mi è sopravvissuta
In onda
I pensieri religiosi
Vengono consacrati a Dio
Con un rito mistico
In onda
Sembra di avere un deltaplano
Quando la radio ti fa volare
Verso nuvole nuove,
parole buffe e colorate

133)
Tifiamo Israele

Tifiamo Israele
Nel cuore di una donna araba
Nel mitra di un soldato
Fabbricato in Italia
Tifiamo Israele
Per l'Olocausto
Per la Croce
Per una speranza di pace e salvezza
Tifiamo Israele
D'incanto mi sorprende una notte di veglia
Per assaporare un programma televisivo
Che mostra ragazze discinte
Tifiamo Israele
Per annegare nella noia di un tempo
Che se ne va senza salutare
Per trovare un nuovo lavoro
Tifiamo Israele
Perchè seduce le genti
Con le sue tradizioni buffe
Con i suoi riti arcaici
Tifiamo Israele
Per la squadra di calcio
Che fa rotolare un pallone quadrato
Ed inventa una nuova formula matematica,
un teorema diverso

134)
Il sasso viola

Il sasso viola
Quando l'ho visto ho pensato che no, non poteva esistere
Una donna con una maglietta gialla l'ha raccolto
Ed il sasso si è messo a parlare
Il sasso viola
Bla, bla, bla
Ha detto, il re è nudo
Poi è stato zitto
Il sasso viola
E' metafora di una vita persa
Dietro a consigli sbagliati
Che ti dà un caro amico
Il sasso viola
Tifa per la fiorentina
Ma non capisce nulla di calcio
E odia gli arbitri tranne pochi
Il sasso viola
Non muore mai
Profuma alla francese
Ama i pirati romantici
Il sasso viola
Ha viaggiato molto
Prima di posarsi come un'astronave aliena
Sulla pianura padana
Il sasso viola
La Lega Nord s'interroga su di esso
Ma non ne capisce la valenza politica
Ora e sempre desistenza!

135)
Il gatto simpatico e innamorato

Il gatto simpatico ed innamorato
Vola sui tetti
Fa della poesia inutile
E conduce la sua vita da gatto
Il gatto simpatico ed innamorato
Trova una lisca di pesce
E la succhia contento
Poi fa castelli di sabbia
Il gatto simpatico ed innamorato
Non cessa di stupire al circo
Quando guarda i leoni piroettare
E le barelline danzare
Il gatto simpatico ed innamorato
Siamo tutti noi, pirati di città
Che immaginiamo un mondo migliore
Che ancora attende ...



Torna ai contenuti | Torna al menu