Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Blog Famiglia Cristiana.it 16

Pensieri e Poesie > Archivio dei Blog e Lettere

My Great Web page




8 novembre 2013: Caselli e De Luca (BF595)

Legalità e rivoluzione non sono necessariamente in contraddizione: la rivoluzione ha una sua idea di legalità che vuole affermare, a meno che si tratti di anarchia. La rivoluzione è legata necessariamente all'idea di violenza. La Costituzione repubblicana non nasce da uno scontro violento tra fascismo e antifascismo nel passaggio da un'epoca ad un'altra? Lo scritto di De Luca mi pare molto provocatorio ma non tale da spiegare le dimissioni del giudice Caselli. Nell'agorà si possono confrontare tesi differenti, in un dialogo che è sempre benefico. Non mi piace il pacifismo perché nega la violenza nella dialettica della Storia, dando vita a mostri peggiori di quelli che vuole esorcizzare. Sono gli storici che ci devono spiegare se quella di Lotta Continua è stata una solenne e agghiacciante pagliacciata o un tentativo di una seria rivoluzione. Sempre ricordando che anche la restaurazione è una forma di rivoluzione a volte giusta. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

8 novembre 2013
: resurrezione dei morti (BF594)

Se non ci confrontiamo, se viviamo isolati in una torre d'avorio narcisista e solipsistica, la verità è a portata di mano, è sicura, è certa. Se ci confrontiamo, la verità diventa un percorso che facciamo insieme a qualcuno. Per il cristiano, la verità è un continuo confronto con la Persona del Figlio, in dialogo con lo Spirito Santo, con la preghiera rivolta al Padre. E la Chiesa ci indica chiaramente anche un confronto aperto e onesto con i lontani, con gli islamici, gli ebrei, i non credenti, eccetera. A poco a poco, le realtà di cui parla il bellissimo Vangelo commentato dal Cardinale Tettamanzi penetrano dentro di noi e ci riempiono di una speranza eterna. Ameremo i nostri cari, ma come angeli. E l'eterna disputa sulla resurrezione dei morti ci pare eternamente aperta all'orizzonte della fede che professiamo nel simbolo apostolico. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

6 novembre 2013
: il caso Max Tresoldi (BF593)

Non mi sento di lapidare nessuno per un errore ma di esporre qualche riflessione critica sì. Non ho visto la trasmissione ma, per quello che ho letto sul sito di Famiglia Cristiana, non c'è stato praticamente contraddittorio. Certi destini vanno rispettati per non parlare dell'ordinario ed anonimo eroismo di tanti esseri umani: sia di quelli che accudiscono, sia di quelli che vengono accuditi. Il tatto, si sa, è una dote rara. Prevalgono aggressività, volgarità e sfoggio di tutto ciò che abbaglia come oro. La virilità, la bellezza, la ricchezza, l'efficienza e l'efficientismo vitalistico. Per carità, si può esprimere un punto di vista diverso da quello cattolico ma forse con più garbo. Se poi la televisione amplifica tutto, bisognerebbe tenere a freno meglio i propri impulsi emotivi e ponderare meglio le considerazioni razionali. Il ragazzo, Max Tresoldi, merita tutto l'affetto e il rispetto che non abbiamo saputo esprimergli. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

5 novembre 2013
: il questionario del Papa (BF592)

Penso che i cosiddetti "lontani" conoscano abbastanza la dottrina della Chiesa. L'errore fondamentale è quello di proporre la morale della Chiesa Cattolica al di fuori di una proposta di fede. La teoria del gender, il marxismo, il diffondersi del benessere e di una cultura materialista prescindono totalmente dalla teoria del diritto naturale. La verità è che la gente ha disperatamente bisogno di un aiuto. Basta vedere il ricorso a maghi, psicofarmaci, psicoanalisti/psichiatri e avvocati. Una Chiesa caritatevole che prenda su di sé l'uomo peccatore con tutte le sue ferite come pecorella smarrita è ciò di cui c'è bisogno, a partire però non da ragionamenti astratti ma da un riferimento concretissimo e storico alla fede in Gesù di Nazareth. Dio ci accetta per come siamo e allo stesso tempo ci chiede di cambiare per il nostro stesso bene. Il questionario mi pare possa scattare una utilissima "fotografia" della situazione in cui ci troviamo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

3 novembre 2013
: Gesù e Zaccheo (BF591)

La fede a volte ha delle ombre. Come dei nodi che, se non sciolti in tempo, possono portare alla morte del peccatore. La tempestività e provvidenzialità dell'incontro tra Gesù e Zaccheo sorprende per la sua apparente casualità. Mi spiace che non ci sia il commento del Cardinale Tettamanzi nel momento in cui scrivo. Queste note mi sono state ispirate dal commento del Pontefice Francesco che precede l'Angelus. Certo Dio è sia con i giusti, sia con i peccatori; sia con i prigionieri e criminali, sia con le vittime dei reati. Impossibile pensare che Dio disprezzi ciò che egli stesso ha fatto, come ricorda il Libro della Sapienza che si legge oggi a Messa. Questo Dio che non si stanca di aspettare il peccatore fino all'ultimo commuove i cuori induriti. Così, Zaccheo, commosso da questo Messia un po' anomalo, sale su di un albero. La sua commozione unita alla sua curiosità un po' ridicola, con la grazia del Signore, lo conducono alla salvezza. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

1° novembre 2013
: eternità del Cristo (BF590)

La Chiesa tutta, terrena e celeste, ci invita a scommettere sulla eternità come dimensione vera, ultima e definitiva riguardante il nostro destino. L'eternità del Cristo, però, sta a richiamare la sua divinità crocifissa ed esprime un concetto diverso: egli è il Re che regnerà in eterno su tutte le genti al suo ritorno con la resurrezione dei morti. Il suo potere di far risorgere i morti esprime al meglio la sua divinità-eternità. L'eternità della Sua Parola, del Suo Corpo e del Suo Sangue fanno intravedere nel suo innalzamento una porta, un passaggio verso la salvezza. Attirerò tutti a me, dice il Signore. Questo significa che nessuno può restare indifferente alla morte del Giusto. Vivere alla luce dell'eternità del Messia, significa plasmare la nostra vita, ricevendo la forza di vincere i nostri meschini egoismi aspirando alla santità come la meta più sublime dell'umana esistenza. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

1° novembre 2013
: i nostri defunti (BF589)

Ho diversi amici e parenti carissimi atei. Per loro i morti rimangono nella memoria come esempio. Mia madre è molto legata alla nonna, da un affetto particolare e commovente. Penso alle parole di Gesù: "fate questo in memoria di me" (Luca 22, 19). Vorrei allora proporre prima di tutto a me stesso una riflessione sulla memoria dei nostri cari, che cosa ci hanno insegnato. Alcuni ci hanno insegnato la fede. E noi, oggi che sono morti, possiamo pregare per loro. C'è un'analogia tra la memoria di Cristo e la memoria dei nostri cari? Forse sì, perché vogliamo bene ai nostri cari come a Cristo e speriamo di incontrali dopo la nostra morte. La morte porta con sé una scintilla di eternità. I nostri cari in Paradiso hanno un tesoro nei Cieli, dove tignola e ruggine non consumano, i ladri non scassinano e non rubano (Matteo 6, 20). Il bene che facciamo ai nostri defunti con la preghiera, arricchisce questo tesoro nei Cieli. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

1° novembre 2013
: messa e pellegrinaggio (BF588)

Si tratta, in effetti, di due esperienze completamente diverse, la Messa ed il pellegrinaggio. In quest'ultimo, ti senti più protagonista, in compagnia di un gruppo per qualche giorno, un gruppo con cui puoi legare, scambiare amicizia, che so, l'indirizzo e-mail o quello Facebook. A messa, a volte, non conosci il vicino di banco, sei più passivo. Mi chiedo però, se a un giovane non interessa l'ascolto della Parola che avviene a Messa, che cosa interessa? Gesù è stato anche giovane, come la Madonna, e si occupava a suo modo delle questioni di Dio, si veda il ritrovamento tra i dottori nel Tempio (Luca 2, 46). E dovrebbe rappresentare un esempio. Se Gesù smette di attirare con il suo esempio, torna attuale l'interrogativo sulla fede alla fine dei tempi (Luca 18, 8). Va anche ricordato che il pellegrinaggio presuppone comunque momenti di partecipazione alle messe. Forse, quegli stessi giovani andranno a Messa da anziani. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

30 ottobre 2013
: il dio denaro (BF587)

Siamo messi da Dio lì, per risolvere i problemi della gente ma a volte non ci riusciamo. San Paolo parla di una "buona battaglia" (2Timoteo 4, 7) che certamente è anche contro il dio denaro e l'Apocalisse parla di un crollo di un sistema basato su Babilonia la grande (Apocalisse 18) con il suo "lusso sfrenato" (Apocalisse 18, 3). La lotta contro il dio denaro si combatte su vari fronti. Individualmente, coltivando una vita di relazione, dono di Dio. Nella Chiesa, coltivando la fratellanza tra fedeli. Nella società e nella economia, promuovendo la solidarietà e la cooperazione per il bene di tutti. Forse sono solo belle parole, bisogna testimoniare una Chiesa povera e per i poveri e gli ultimi quotidianamente. Non è facile negare, talora, il denaro che ci viene chiesto e confermare nella fede i poveri che si rivolgono a noi. Il segreto di tutto è non smettere mai di camminare verso la Luce, il sole che sorge, ogni giorno un piccolo passo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

28 ottobre 2013
: santità e beatitudini (BF586)

Ciascuno di noi può fare una fotografia della propria vita a tappe, supponiamo, a dieci, poi a venti, poi a trent'anni e così via; e può verificare come e quanto si rispecchia nelle beatitudini che sono la prova del nove del cristiano. Grazie al commento veramente apprezzato del Cardinale Tettamanzi ho capito meglio la santità e le beatitudini. Le beatitudini si possono chiedere a Dio? Si può chiedere il cambiamento di vita, il miglioramento della condizione esistenziale che le produce. Per vivere il Vangelo con efficacia, le beatitudini sono un ponte ineludibile. E siccome la parola "pontefice" significa, etimologicamente, "costruttore di ponti", chiediamo a Papa Francesco di indicarci il cammino per giungere a vivere le beatitudini pienamente, nella Chiesa, da fratelli e sorelle nella fede. Il mezzo ed il fine si intersecano, la carità è al servizio della santità, la santità è la regina delle beatitudini, secondo il mio punto di vista. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

26 ottobre 2013
: riconoscere i propri peccati (BF585)

Essere inabitati dallo Spirito è una grazia particolare perché, come ricorda lo stesso Vangelo, solo il peccato, la bestemmia specificamente, contro lo Spirito non verrà perdonato (Luca 12, 10; cfr. anche Romani 8, 9). Persino il peccato contro il Figlio nel parlarne male potrà essere perdonato. Inabitati dallo Spirito, riconosciamo che solo Dio è giudice e siamo condotti a riconoscere i nostri peccati. Come ha detto Isacco di Ninive, chi riconosce i propri peccati è più grande di chi, pregando, risuscita i morti. Forse perché il riconoscere i peccati è tappa fondamentale di una coscienza retta, illuminata dalla grazia divina, per diventare umili ed essere perfetti come perfetto è il Padre celeste (Matteo 5, 48). Solo interpretando il concetto di coscienza in questi termini, il concetto medesimo rientra nell'alveo della tradizione cattolica. Come, giustamente affermato da Papa Francesco nell'intervista al giornalista Eugenio Scalfari. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

18 ottobre 2013
: credere all'amore (BF584)

Ci si pone un'alternativa secca nella vita: credere alle mille paure che ci accada qualcosa di male o credere all'amore, quest'ultimo essendo l'invito di San Giovanni (1Giovanni 4, 16: "Noi abbiamo riconosciuto e creduto all'amore che Dio ha per noi. Dio è amore; chi sta nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui"). I cristiani dovrebbero essere quelli che credono all'amore, ad un Dio che ci ha amati fino al punto di darsi sulla Croce per i nostri peccati. Ecco che il rapporto con Dio si alimenta anche di una richiesta legittima: quella di fare giustizia prontamente. Cosa significa? Forse, il dono di quel bene supremo che è la pace nella giustizia. Entrare a far parte di quella grande sinfonia che è la Chiesa è sperare nella giustizia e credere all'amore di Dio verso di noi, nelle mille vicissitudini della vita. La preghiera nutre l'anima che glorifica il Signore anche nella povertà, nella sventura. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

7 ottobre 2013
: la gioia di appartenere alla Chiesa (BF583)

Ingenuamente, anni fa contrapponevo una Chiesa che nelle mie aspettative doveva essere perfetta ad un mondo circostante profondamente imperfetto. Oggi, capisco che la gioia di appartenere alla Chiesa ci fa passare sopra le miserie che sono anche all'interno di essa. Sarà che c'è la pari dignità di tutti i battezzati sulla carta, ma si vedono lotte maligne; c'è lo sparlare, l'insulto e tante altre miserie. Ma il buon samaritano che è in noi deve passare sopra tutte queste cose per la gioia, ripeto, di appartenere alla Chiesa. Il buon samaritano dovremmo essere e siamo noi e spesso è la Chiesa stessa l'individuo picchiato e derubato dai briganti. Ed in questa prospettiva si può dire con franchezza a preti e vescovi che non approviamo, talora, ciò che dicono e ciò che fanno. Mi pare che la franchezza come principio deontologico di comportamento del credente, sia nella Lumen Gentium. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

6 ottobre 2013
: il primato della grazia (BF582)

Mi pare che si celebrino molti primati: sportivi, letterari, di vario genere. Il Vangelo pone al centro ciò che l'uomo può fare nella grazia, per la grazia, al servizio della grazia. Con grande umiltà dobbiamo riconoscere il primato di Dio nella nostra vita in ciò che abbiamo ricevuto senza nostro merito o oltre i nostri meriti e le nostre speranze, per puro dono e amore di Dio misericordioso verso di noi. Oggi a messa, l'omelia del mio Parroco Jean Tefnin si è concentrata su questi temi cui ho accennato ed è stata molto bella e convincente. Certo, dice Tefnin, è molto difficile girarci indietro e non vedere errori e mancanze, nonostante tutti i nostri sforzi, nella nostra vita. Ma ciò che noi non siamo riusciti a fare è un buco ricolmato dalla gioia di Dio nel vederci come sue creature amate e servite. Il servizio nella grazia è anche stato al centro della vita stesso di Gesù per dare la Sua vita in riscatto per molti (Matteo 20,28). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

5 ottobre 2013
: la testimonianza di San Francesco (BF581)

Il messaggio di San Francesco d'Assisi è di grande benevolenza e rispetto per tutte le creature, viste ed accettate per come sono. E' un messaggio di tolleranza. E' lungimirante e precursore dei tempi il rispetto e l'amore per l'ambiente. Ognuno deve accettarsi per come è, con i propri limiti. Non bisogna avere paura di essere cattivi cristiani, ma consapevoli che la fede equivale a sentirsi sempre in cammino e mai arrivati. Chi ha veramente avuto fiducia nella Provvidenza di Dio è san Francesco. La fiducia nella Provvidenza è, secondo me, la qualità più alta del santo di Assisi. Alcuni si riempiono la bocca della misericordia di Dio, ma poi sono sempre pronti a scagliarsi contro i difetti veri o presunti del prossimo. Questa è la contro-testimonianza dei cattivi maestri e delle cattive coscienze. La prima testimonianza cristiana è, a mio avviso, la fiducia nella Provvidenza di Dio che ci colma di ogni bene. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

29 settembre 2013
: rimpiangere Monti? (BF580)

Sta a vedere che Letta e Berlusconi ci faranno rimpiangere il senatore Monti con i suoi alleati. Berlusconi dovrebbe passare la mano, sia per le condanne giudiziarie, sia per raggiunti limiti di età, ad un nuovo testimone che sia in grado di ricostruire il centro e la destra. Quanto al danno per il Paese, sì c'è anche se l'Italia ha visto di peggio, molto peggio. Ma solo al tempo del fascismo perché l'Italia sta vivendo la peggiore crisi economico-sociale dal dopoguerra e ci vogliono scelte coraggiose per rimettere il Paese in sesto. Personalmente, auspico che torni a governarci il senatore Monti, che non aveva fatto una gran brutta figura. Oppure Monti potrebbe sostituire Napolitano alla Presidenza della Repubblica, anche se quest'ultima sembra una ipotesi ormai tramontata per le decisioni di alcuni politici avventurieri e cialtroni. Rimane l'ipotesi di un governo a guida grillina col PD alleato, ipotesi di imprevedibile esito politico. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

26 settembre 2013
: il desiderio retto secondo Dio (BF579)

Leggo su di un autorevole sito internet che ci sarebbero vantaggi cospicui nel seguire la morale cristiana. Probabilmente è vero che evitare il peccato mantiene giovani, infatti, la stessa Bibbia dice che il salario del peccato è la morte (Romani 6, 23). E qui il termine "morte" va inteso nel senso più lato di "appassimento della vita", "angoscia", "ansia" e, infine, "perdizione". Tra i due estremi di abbandonarsi ai propri desideri carnali facendosi guidare da essi e un senso del dovere spietato che diventa il padrone della vostra vita, c'è una terza dimensione, che potremmo chiamare il desiderio che arde di cose sante. Sì, il desiderio è ciò che Dio alimenta saggiamente e rettamente perché possiamo giungere alla pienezza della nostra dimensione umana in piena libertà di coscienza. L'annuncio della salvezza in Gesù Cristo precede nella gioia festante la morale con tutto quel che segue, compreso il coraggio della responsabilità. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

26 settembre 2013:
ragionare secondo Dio (BF578)

Nel contesto del commento del Cardinale Tettamanzi, mi ha colpito la citazione che recita: "ciò che fra gli uomini viene esaltato, davanti a Dio è cosa abominevole". Questo passo, a sua volta, mi ricorda quello di Matteo quando Gesù rimprovera Pietro circa la Sua imminente Passione e Resurrezione: "Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!" (Matteo 16, 23). Sto leggendo un libro propostomi da Famiglia Cristiana: Bruno Maggioni, Un Dio fedele alla Storia, BUC, 2012. Il teologo citato, nel commentare il libro di Giobbe, scrive: "Giobbe è così costretto a perdere la fede o a credere in un Dio diverso" (op. cit., p. 53). Accettare la logica di Dio è accettare la sofferenza del giusto, come il povero Lazzaro nella parabola che il Cardinale commenta. La sofferenza del giusto come strada verso la salvezza non è cosa disprezzata ma, anzi, apprezzata da Dio. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

25 settembre 2013
: razzia straniera dei marchi italiani (BF577)

Assolutamente no, è la mia risposta. Lo Stato non ha le risorse finanziarie per intervenire e non è affatto giusto che i cittadini paghino. Pensiamo piuttosto a quelle industrie che hanno effetti catastrofici per l'inquinamento e il danno ambientale. Lo Stato intervenga perché siano messe a norma delle leggi europee. Pensiamo all'occupazione e alla salvaguardia dell'ambiente. Un proverbio dice: hai voluto la bicicletta? Adesso pedala! Abbiamo voluto l'internazionalizzazione dell'economia con l'ingresso nella Comunità Europea, facciamocene una ragione. Bisogna internazionalizzare parimenti i diritti sindacali e le lotte per un ambiente vivibile. Per quanto attiene quest'ultimo, sembra che se le scorie industriali illegalmente sotterrate nel sud Italia raggiungeranno le falde acquifere, sarà un disastro di portata incommensurabile. I politici sono in grado di fare qualcosa? Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

24 settembre 2013
: una donna Cardinale? (BF576)

Il ruolo della donna è molto cresciuto nella società, a di fuori della Chiesa e quest'ultima mi pare rimasta un po' indietro. Le donne sono diventate Premier e amministratrici delegate di aziende. Sarei molto favorevole alla nomina di una donna Cardinale senza sacerdozio. Penso che sarebbe un gesto altamente simbolico che scuoterebbe la Chiesa. Anni fa, mi ero pronunciato anche a favore del sacerdozio femminile, cosa al momento non ammessa dalla Chiesa. Papa Francesco è il Pontefice giusto per nominare una donna Cardinale. Con un po' di coraggio si possono e si debbono fare grandi riforme nella Chiesa per adeguarla allo spirito dei tempi. Non si può ignorare un movimento storico come il femminismo (un movimento all'interno del quale si può e si deve discernere ciò che c'è di bene e ciò che c'è di male) che ha cercato di rendere la società meno maschilista e patriarcale. Personalmente, sponsorizzo questa idea e spero che vada a buon fine. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

21 settembre 2013
: Vangelo e ricchezza (BF575)

Se Gesù è venuto per i peccatori e non per i giusti (sono i malati, disse, non i sani che hanno bisogno del medico; Marco 2, 17) e se i primi peccatori sono i ricchi, forse la più grande speranza di Dio è la conversione dei ricchi. Secondo un articolo apparso sul sito internet di Avvenire, Marx è stato sconfitto da 200.000 ricchi (Marx sconfitto dai super-ricchi, intervista a Susan George del 12 settembre 2013). Queste 200.0000 persone, con un patrimonio personale di almeno 35 milioni di dollari, governerebbero il mondo, rappresentando la lobby più potente che esiste. Dicevo che la più grande speranza di Dio è di evangelizzare i ricchi affinché dicano come Zaccheo "do la metà dei miei beni ai poveri e, se ho frodato qualcuno, restituisco quattro volte tanto" (Luca 19,8). Un mondo di ricchi redenti sarebbe forse un Paradiso sulla Terra. Il ricco potrebbe "guarire", la ricchezza divenire strumento di condivisione, di amicizia e di salvezza. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

19 settembre 2013
: intervista al Papa de La Civiltà Cattolica (BF574)

Subito, appena letto il testo integrale dell'intervista concesso da La Civiltà Cattolica a Famiglia Cristiana, sono rimasto a bocca aperta per la fecondità del pensiero di Papa Francesco. Non ho saputo pensare ad altro che ad un mio compagno di classe del Liceo Classico fatto tanti anni fa, compagno che era il primo della classe. Dai primi della classe uno come me che ha una cultura molto limitata può solo stare in silenzio ad ascoltare per imparare. Il Papa affronta con grande disinvoltura temi veramente importanti. Bisogna essere molto prudenti nel parlare e nello scrivere di Papa Bergoglio. Ha una cultura estesa che si mescola, questo è ciò che più mi colpisce, con una umanità eccezionale. Non so entrare nel merito di tutto quanto dice perché non mi sento all'altezza di esprimere giudizi. Posso solo dire che un sentimento di diffidenza che avevo inizialmente è scomparso e ha lasciato posto alla fiducia ed alla simpatia. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

17 settembre 2013
: il raddrizzamento del Costa Concordia (BF573)

L'Italia un po' si riscatta ma, come si evince dal bell'articolo di Antonio Sanfrancesco, resta l'amaro in bocca per una cosa che non doveva succedere. Fra l'altro, se ho capito bene, mancano all'appello ancora due cadaveri di persone i cui familiari non possono neanche piangere i loro morti in un luogo preciso. Trovo inaccurato il modo in cui si è ribaltato su di un intero Paese il dilettantismo di pochi che hanno condotto a questo disastro. Il comandante Schettino diventerà ricco e famoso scrivendo un libro sulla tragedia, come a volte capita in occasioni simili? Il clamore mediatico che circonda l'evento del recupero del relitto parzialmente inabissato non sottrae (intenzionalmente?) l'attenzione dalla vicenda del voto sulla decadenza dell'Onorevole Berlusconi? E questo continuo confronto con i Paesi stranieri non rivela forse un complesso di inferiorità/superiorità che suona un po' infantile? Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

15 settembre 2013
: peccato e sofferenza (BF572)

Nelle omelie in chiesa trovo sempre sviscerato il tema della misericordia di Dio di fronte al peccato dell'uomo e quasi mai il tema della grande sofferenza umana che genera il peccato. In questa parabola del figliol prodigo, la terza delle tre parabole della misericordia che si sono lette oggi a Messa, pensiamo alla sofferenza profonda dei personaggi descritti. Innanzitutto la sofferenza del padre che pur rispettando la libertà del figlio (gli concede la sua parte di eredità che verrà dissipata) deve provare una sofferenza profonda per il peccato del figlio prodigo (non voglio entrare nel merito dei sentimenti che può provare Dio stesso). Poi la sofferenza del figlio stesso che arriva a desiderare le carrube dei porci. E, infine, la sofferenza del fratello maggiore. Il peccato squassa le relazioni umane producendo un dolore, a volte profondissimo. Certo, Dio accoglie anche la nostra sofferenza e fa sì che essa produca frutti positivi. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

13 settembre 2013
: il Papa e le famiglie divise (BF571)

Appartengo a una di quelle tante famiglie "divise" dalla fede; dove, cioè, il padre è credente e la madre non lo è, il figlio è credente e il padre non lo è o viceversa eccetera. La lettera del Papa ad Eugenio Scalfari è un bellissimo atto d'amore verso i non credenti che poi sono nostri parenti, nostri amici, persone con cui affrontiamo quotidianamente il duro cammino della vita. Il Papa, con i suoi gesti semplici e affettuosi è come un raggio di luce di tenerezza che è entrato nelle case e ha portato tanto conforto, tanta consolazione, tanta riconciliazione. E ha lo scopo di chiudere con le polemiche tra illuminismo e oscurantismo clericale. L'opera del diavolo nella Storia è dividere gli uomini, l'opera di Dio è di togliere le sterili contrapposizioni: uniamoci per affrontare i problemi del pianeta, con tutti gli uomini e le donne di buona volontà, credenti e non. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

12 settembre 2013
: due Papi, due stili diversi (BF570)

Quando si ascoltano le parole del Papa, sia ha una specie di feedback più o meno conscio a livello della propria psicologia. Come quando si legge un libro che ti apre la mente. Di Benedetto XVI, mi sono rimaste impresse due parole riferite allo scandalo pedofilia negli U.S.A.: "mi vergogno". Io mi vergogno dei peccati miei personali e della Chiesa. Peccati su cui quasi quotidianamente mette l'accento Papa Francesco. Mi riconosco come cristiano "trionfalista" che non riesce, paradossalmente, a mettere al centro il trionfo di Cristo, la Sua gloriosa Resurrezione. Entrambi i Papi citati ci portano a diventare come il pubblicano al tempio che non osava alzare gli occhi al cielo ma si batteva il petto dicendo "O Dio, abbi pietà di me peccatore" (Luca 18, 13). Signore, non siamo degni di appartenere alla tua Chiesa eppure Tu ci hai chiamato a farne parte, corpo mistico debole, fragile e timoroso del Crocifisso. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

11 settembre 2013
: dialogo con i non credenti (BF569)

Ci vuole molto rispetto nel dialogo con i non credenti. Non un rispetto di forma ma di sostanza. Il tema della coscienza di ognuno è quello che mi lascia più perplesso. Se, come insegna la Chiesa, bisogna discernere le inclinazioni e gli spiriti, come fa una coscienza senza grazia a fare questo? Sono scettico che, senza lo Spirito Santo e la Sua azione, che certamente vanno a vantaggio di qualsiasi essere umano, anche non credente, si possa agire rettamente. Proprio lo Spirito Santo intercede tra credenti e non credenti suggerendo che cosa dobbiamo dire e che cosa dobbiamo fare. Perciò, parlai di ragione illuminata dalla grazia più che di umana coscienza per indicare l'azione stessa dello Spirito. Lo Spirito può mettere chiunque nella grazia di Dio perché è onnipotente. Se, come avvenuto per Giuda, l'anima è dominata dal male, il processo che porta alla morte dell'anima può essere irreversibile nel credente come nel non credente. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

Codice commenti (per indice analitico): da BF569 a BF621

pagina precedente


2 dicembre 2013
: Esortazione Apostolica, II (BF621)

Intervengo di nuovo in quanto ho finito di leggere ieri, domenica 1° dicembre, l'Esortazione Apostolica di Papa Francesco (paragrafi da 169 a 288). Mi pare molto bello che il Papa si preoccupi del destino della Chiesa, sotto l'ispirazione dello Spirito, con toni accorati, con una mistica della verità e della carità verso i non credenti, i giovani, gli ebrei, gli islamici e tutti gli uomini che sono sinceramente alla ricerca. E' un documento, nell'insieme, convincente, dove il Papa parla in prima persona in modo semplice e coinvolgente. Questo Papa richiede un grande atto di fiducia, un chiudere gli occhi e lasciarsi guidare da lui, con la tenerezza e la debole forza di cui è capace. Il Papa ci sta chiamando ad essere, non stanchi e sfiduciati, ma missionari in un ospedale da campo, non funzionari di una dogana, cioè membri di un club elitario. La seconda parte (capp. III, IV e V) è più spirituale e più riuscita, secondo me, della prima. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

1° dicembre 2013
: tornare all'IMU prima casa? (BF620)

Intravedo diversi problemi legati alla tassazione della casa, dei patrimoni e delle rendite. Innanzitutto, secondo me, tutti i patrimoni vanno tassati, mobiliari e immobiliari. Io sono favorevole alla IMU sulla prima casa e, quindi, sotto questo aspetto, sono d'accordo con la Presidentessa Camusso. Infatti, non si capisce perché debba essere tassato con l'IMU un patrimonio del valore di 500.000 euro composto da tre alloggi e non un patrimonio che vale la stessa cifra, ma composto da una sola unità immobiliare (prima casa): mi pare addirittura incostituzionale. Poi non capisco perché le rendite mobiliari scontino una cedolare secca del 12,50% e le rendite immobiliari, invece, una cedolare secca del 20%, oltre all'IMU. Poi, c'è il problema del drenaggio fiscale: mi pare giusto aumentare la fascia di reddito esentasse se non a 12.000 euro (come proposto poco tempo fa con un emendamento poi non tradotto in legge), almeno a 10.000. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

29 novembre 2013
: gnosticismo (BF619)

Come è avvenuto il nostro incontro con la Persona di Cristo? Questo incontro fa sì che "Per l'uomo nel Nuovo Testamento Dio è raggiungibile in luoghi storici, non diversamente: non scendendo nella profondità di se stessi e staccandosi dal mondo per contemplare direttamente il divino … L'esperienza di Dio è realistica, umana e comunitaria" (Bruno Maggiorni, Un Dio fedele alla storia, BUC, pp. 142-143). Incontriamo Cristo nella Chiesa e incontriamo la Chiesa da cui promettiamo di apprendere tutto ciò che sappiamo in materia di fede. Nello gnosticismo, la fede è una esperienza individualista e non comunitaria, che diventa irrealistica nella sua pretesa di rivelare all'uomo misteri accessibili a pochi eletti. Tuttavia, la Chiesa sa accogliere l'eresia, oggi, con pazienza e misericordia. Anche Sant'Agostino è stato eretico (manicheo), ma poi è diventato uno dei più grandi santi della Tradizione cattolica. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

29 novembre 2013
: in attesa del ritorno di Cristo (BF618)

Qualche tempo fa, si commentava su Famiglia Cristiana, quel passo del Vangelo di Giovanni (16, 7) che dice: "Ora io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore; ma quando me ne sarò andato, ve lo manderò". Ecco che viviamo in questa tensione eterna tra l'attesa di Gesù e la presenza attuale ed operante dello Spirito Santo Consolatore. Lo Spirito ci conduce all'incontro con ed alla conoscenza del Gesù storico. Si rivela allora il disegno di amore e di salvezza di Dio, che vuole tutti salvi e, allo stesso tempo, il dramma della stoltezza che porta a rifiutare lo Spirito e finanche a bestemmiarlo, per cui "uno sarà preso e l'altro lasciato" (Matteo 24, 40). Lo Spirito Consolatore ci dona l'olio delle vergini sagge (Matteo 25, 1-13) per andare incontro allo Sposo quando verrà, nella Grazia che preghiamo di ottenere e che Dio ci vuole dare nel tempo debito. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

28 novembre 2013
: l'importanza di un buon libro (BF617)

Cerco di seguire i consigli di Paolo Perazzolo ma sono molto lento a leggere e non riesco a stargli dietro. Ho in arretrato svariati libri della BUC proposti tempo addietro da Famiglia Cristiana. Comunque, su consiglio di Paolo Perazzolo, cui va la mia stima, sono riuscito a completare di Gianfranco Marrone, Stupidità, Bompiani, 2012 che ho trovato di estremo interesse. Di fronte agli scaffali pieni di libri dei negozi mi domando come sia possibile che siano così tante le proposte valide e quindi reputo molto utile la recensione dei libri, specie da parte di Famiglia Cristiana e di Avvenire. Dato che soffro di un ritardo mentale dovuto ad una malattia psichiatrica, faccio un certo sforzo a concentrarmi nella lettura e, soprattutto, a ricordare e saper ripetere ciò che ho letto ad un eventuale interlocutore. Oltre a quanto ho detto, consiglio a tutti l'abbonamento a La Civiltà Cattolica che seguo ogni quindici giorni con grande passione. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

28 novembre 2013
: il Papa riuscirà a cambiare la Chiesa? (BF616)

Il rischio che intravedo nel papato di Papa Francesco è quello di una "corsa solitaria", anziché una "sinfonia di intenti" sotto la guida dello Spirito Santo e con il dialogo con tutti i Vescovi. A tale scopo può essere utile il questionario di trentotto domande rivolto direttamente ai Vescovi e, indirettamente, alla base. Questa "corsa solitaria" rischia di essere una inutile fuga in avanti, osannata da molti ma avara di frutti permanenti nella Chiesa. Io penso che le parole e la testimonianza di Papa Francesco resteranno a lungo impresse nelle coscienze. Ma perché la Chiesa cambi, si deve comprendere che la Chiesa è il popolo di Dio, con tutte le sue anime e le sue sfumature, non un'organizzazione stalinista con a capo un padre-padrone che detta la linea cui tutti dobbiamo uniformarci. Io prego ogni giorno per Papa Francesco che lo Spirito Santo lo ispiri per saper costruire questa "sinfonia d'intenti" che, sola, può cambiare la Chiesa. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

28 novembre 2013
: eutanasia dei bambini in Belgio (BF615)

Penso che si possa fare poco o niente. Eccetto confermare i fratelli nella fede che è fiducia nella vita ed è rifiuto dell'eutanasia. I genitori cristiani, secondo la proposta di legge belga, potranno sempre rifiutare il consenso e questo è un dato positivo. C'è, nel cristianesimo, un incontro con la sofferenza di Cristo per cui i sofferenti sono associati a Lui, specie se credenti, ma anche, forse, se non credenti, in modo naturale: "infatti, come abbondano le sofferenze di Cristo in noi, così, per mezzo di Cristo, abbonda anche la nostra consolazione" (2Corinzi 1,5). Le pratiche eugenetiche sono un ritorno al paganesimo (si ricordi la rupe tarpea), eppure sappiamo che prima dell'avvento di Cristo, non tutto era male e peccato. Perciò, il cristiano deve rivolgersi ai pagani con mitezza e ardore di fede perché i pagani stessi comprendano qual è la posta in gioco: non solo la salvezza dell'anima ma anche una società più umana e più giusta. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale

27 novembre 2013
: Esortazione Apostolica del Papa (BF614)

Il giudizio che do è molto positivo, anche se ho letto finora 168 capitoli di 288. Impressiona lo stile semplice, efficace e credibile ma non superficiale dell'Esortazione Apostolica. Segnalo in particolare il capitolo 131 verso la fine, la frase di apertura del capitolo 151 e la chiusura del capitolo 168. Il Papa fa un'analisi anche della crisi sociale ed economica, senza però indicarne, per quanto ho capito, una concreta via di uscita se non sul piano pastorale, morale e antropologico. Perché tutto non si risolva in una verniciata di progressismo e di modernismo, è ora che, come sostiene Hans Küng su La Repubblica di oggi, si verifichi quali resistenze incontrerà questo Pontefice all'interno della Chiesa nel passare dalle parole ai fatti. La Chiesa, semper reformanda, abbisogna secondo me di gradualità, di moderazione e di collegialità nelle riforme e non è cosa né scontata né facile che conservatori e progressisti raggiungano un accordo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

25 novembre 2013
: la Cina e l'Africa (BF613)

Può darsi che l'impostazione marxista della Cina (un'ideologia, quella marxista, di matrice occidentale che ha culturalmente colonizzato la Cina stessa) porti ad un capitalismo più cooperativo e solidale, cioè ad elementi positivi. Vorrei riflettere sulla presenza di Romano Prodi a Pechino perché nell'articolo si parla non soltanto dell'espansionismo cinese, ma di una collaborazione a livello dell'ONU e della Banca africana di sviluppo per la crescita economica dell'Africa. Questo modello cooperativo e solidale deve impegnare tutte le Nazioni ricche presenti in Africa, sperando che attraverso tale cooperazione venga superato il modello predatorio perseguito da alcune multinazionali, che portano lavoro a volte a condizioni subumane. Non idealizzerei troppo il ruolo cinese, ma è lecito coltivare la speranza che sempre più Paesi escano dalla spirale di mali endemici che li tormentano, come sta facendo la stessa Cina. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

25 novembre 2013
: Sole a catinelle (BF612)

Sono appena tornato dal cinema dove ho visto "Sole a catinelle": un mix esplosivo di tanti elementi che lo hanno reso il film campione d'incassi che tutti sappiamo. Eccezionale la parte fatta dai bambini, estremamente autentici ed espressivi. Bravissimi tutti gli attori. Trama non scontata, mai banale. I dialoghi alternano momenti tristissimi, che fanno piangere e momenti allegri che fanno ridere a crepapelle. Belle le musiche. Checco Zalone è l'anti-eroe per eccellenza, ma non è neppure l'italiano medio. Qualche giornalista non ha capito niente del film che è semplicemente imperdibile. La parabola di una vita e di una famiglia un po' favolistica e un po' reale fa meditare sulla propria vita, su vari temi: la procreazione, il lavoro, la religione, la politica, la morte. Ognuno di noi ci si può rispecchiare e, come dice Checco Zalone, può meditare su cosa ha sbagliato nel passato della vita fatta di incognite e possibilità quasi infinite. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

24 novembre 2013
: Berlusconi al volontariato? (BF611)

Dipende se "umiliante" è da intendersi come categoria oggettiva o soggettiva. Sul secondo piano, quello soggettivo, non c'è dubbio che una psicologia che abbiamo quasi imparato a conoscere, come quella di Berlusconi, percepirebbe un servizio di volontariato come umiliante. Bisogna rispettare il suo punto di vista come quello di chiunque altro. Sul primo piano, quello oggettivo, credo che l'attività di volontariato sia un'attività nobile, degna fine per una carriera come quella di Silvio Berlusconi. Sono talmente tante le accuse che i giudici hanno elaborato contro di lui che è quasi statisticamente impossibile che sia innocente. Per quanto riguarda la politica, la "sua" l'ha detta fin troppo con toni tra il verboso e il minaccioso e sarebbe ora che andasse in pensione con un degno servizio di volontariato che è un modo diverso (non l'unico, certamente) ed alternativo di aiutare gli altri, apre il cuore e nobilita la mente … Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

23 novembre 2013
: convertirsi da adulti (BF610)

Chi si converte da adulto ha un percorso di vita spesso problematico perché è passato attraverso esperienze o apertamente incompatibili col cristianesimo (ad es., la religione islamica) o al limite della compatibilità (come l'adesione a ideologie politiche estreme, di destra o di sinistra). E' facile che si senta interiormente un problema di "tradimento" (uso un termine un po' forte) del proprio passato. Un altro problema è il carico di peccati che impongono una seria riflessione sulla storia della propria vita. Perciò, il mio incoraggiamento a chi si fa battezzare da adulto, ma anche a chi, battezzato da bambino, si fa cresimare da adulto, è di abbracciare nella carità e misericordia il proprio passato, portandolo integralmente a Cristo Signore. Fare i conti col proprio passato non è, in ogni caso facile. Ci aiuta la Bibbia che ricorda come "siete stati comprati a caro prezzo: non fatevi dunque schiavi degli uomini!" (1Corinzi 7, 23). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

21 novembre 2013
: scissione del PDL (BF609)

Stiamo assistendo ad un poderoso restyling dell'immagine di Silvio Berlusconi. Da padrone arrogante sul caso "Gianfranco Fini", espulso con metodi stalinisti dal PDL, a papà affettuoso che quasi accompagna con amore il distacco di uno dei suoi figli, Angelino Alfano. Da playboy a padre di famiglia tradizionale, premuroso e attento agli interessi dei suoi figli e figlie (e delle sue aziende). Sembra di vivere un talent show, all'ombra del quale spuntano come funghi nuovi protagonisti della politica futura, tutti amici o, quantomeno, alleati del Cavaliere. Credo che politica e marketing si fondano magistralmente, dopo la stagione del disastro mediatico, d'immagine. Un tentativo di recupero in extremis reso necessario anche dai guai giudiziari e giuridici di Berlusconi. Adesso bisogna vedere come reagiranno i vari Cesa, Casini, Monti ecc., stretti tra Alfano e Renzi, tutti e due a caccia dei voti centristi. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

21 novembre 2013
: il Difensore Santo (BF608)

La promessa che è bene che Gesù torni al Padre mi pare si riallacci alla beatitudine evangelica "Beati i perseguitati per causa della giustizia perché di essi è il Regno dei Cieli" (Matteo 5, 10). Gesù è il Beato per eccellenza perché è l'unico Giusto che giustifica noi tutti che crediamo in Lui. Peccato è il fondamento causale che origina l'invio del Messia dal Padre. Giustizia perché la verità che Gesù è il figlio di Dio e Dio egli stesso è una verità che fa giustizia di ogni diversa e menzognera interpretazione. Giudizio, perché satana ha nel mondo un antagonista perfetto che, grazie appunto alla venuta di Gesù, alla Sua Passione, morte e Resurrezione, è lo stesso Spirito Santo. In pratica, ai credenti, nella giustizia della verità trinitaria, viene dato un Difensore contro satana. E' forse grazie a tale Difensore che l'anima di ogni essere vivente è inaccessibile al demonio. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

21 novembre 2013
: la personalità del Papa (BF607)

Ogni Papa è un essere umano con cui il credente è chiamato a confrontarsi per una verifica della sua stessa fede. Non è detto che il buon feeling, la sintonia perfetta debba darsi per scontata, perlomeno non dall'inizio. Io ho avuto difficoltà ad entrare in sintonia con Papa Francesco per la novità dirompente del suo stile, cui, sinceramente, non ero abituato, forse perché avevo del Papa una immagine diversa, più formale ed austera. Questo Papa è stato definito un esorcista della Chiesa e delle anime, uno che scaccia lo spirito cattivo, i cattivi pensieri che a volte albergano nel nostro cuore. Papa Benedetto è stato un grande insegnante di "teologia applicata": per applicata intendo che ha sempre toccato anch'egli i cuori seppure più in modo intellettuale che con la comunicazione di un stile immediato e un po' spavaldo (si può dire "spavaldo" a proposito di un Papa?). Papa Francesco dovrebbe essere, a mio avviso, più "incoraggiante". Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

21 novembre 2013
: il ladrone buono (BF606)

Mi interrogavo sulla libertà e schiavitù di questo crocifisso assieme a Gesù al quale quest'ultimo promette il paradiso. Egli, il ladrone cd. buono, è schiavo, prigioniero, inchiodato al vessillo infame, eppure è libero dentro. Segno che una vita di errori e illegalità può lasciare lo spirito aperto e libero, appunto, alla chiamata del Messia. Insomma, Gesù che per tutta la sua vita non ha fatto altro che chiamare a sé i peccatori, accoglie come ultimo atto sulla Terra un peccatore grave, promettendogli la vita eterna. Conservare la purezza del cuore e la libertà della coscienza e dell'anima diventa allora il presupposto per riconoscere in Gesù il Re dell'Universo, il custode delle nostre anime, il Figlio prediletto del Padre. L'imitazione di Cristo è un atto di libertà che salva, e salva innanzitutto la nostra libertà interiore contro ogni idolo che vorrebbe renderci schiavi. La libertà in Cristo è forse il bene più prezioso che abbiamo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

19 novembre 2013
: tagli alla cultura (BF605)

I tagli alla cultura rischiano di fare della medesima un bene elitario. L'Italia è un Paese costellato di opere d'arte ma tutte sparpagliate su di un ampio territorio. E' molto costoso visitare sia Venezia, sia Milano, sia Firenze, sia Roma ecc. Ci si può accontentare della biblioteca cittadina per viaggiare con la mente leggendo un libro. Ma le novità si trovano in libreria e ci vogliono i soldi per comprarle. Io penso che l'individuo dovrebbe avere la libertà di decidere come investire in cultura, se andare al cinema, ascoltare musica classica, andare a teatro, leggere libri, eccetera. Oggi, pagate le imposte, restano a mala pena i soldi per il necessario: mangiare e vestirsi. Una scuola fondata sul merito, potrebbe rappresentare un formidabile strumento democratico con le borse di studio per i più capaci poveri. Infine, 10 e 20 anni di prestito all'estero di opere d'arte mi paiono termini assolutamente troppo lunghi. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

18 novembre 2013
: la scuola paritaria (BF604)

La scuola pubblica dovrebbe offrire la possibilità ad un adolescente di fare una scelta di vita cristiana o, più genericamente, religiosa mentre oggi questo compito è sulle spalle più che altro della famiglia. Anche se la famiglia non dà un'educazione cristiana, è comunque un'istituzione utile perché indispensabile ed insostituibile nel suo ruolo di guida per una retta crescita psico-fisica dell'individuo. L'aumento della possibilità di scelta con il ruolo importante svolto dalla scuola paritaria è un fattore estremamente positivo nella nostra società. La Costituzione, sciaguratamente, dispone che (art. 33) "Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato". In pratica, ci sono i soldi per qualunque porcata ma non per pagare gli stipendi degli insegnanti nelle scuole paritarie. Mi spiace che si scambi la Costituzione per una divinità sacra, facendone un "Moloch" intoccabile. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

17 novembre 2013
: evasione fiscale (BF603)

Personalmente, ritengo che se si incentivasse maggiormente la lotta contro l'evasione fiscale, si potrebbero fare grandi progressi. Come? Ad esempio, stabilendo che il 50% (o altra percentuale) della sanzione per evasione resti nelle tasche dei finanzieri che fanno l'accertamento. E mi riferisco sia alla sanzione che paga l'imprenditore, sia alla sanzione che paga il cliente. Forse è una pura utopia la mia, ma, se funzionasse, ridurrebbe drasticamente l'evasione e darebbe lavoro a un gran numero di giovani finanzieri. Come si controlla il divieto di sosta e qualunque altra infrazione stradale, si potrebbe controllare l'emissione dello scontrino fiscale all'uscita dai negozi e, come ripeto, lasciare una lauta percentuale della sanzione al controllore. Dove c'è molta evasione, c'è un mercato potenziale enorme di lavoro. Così, si potrebbe riequilibrare il carico fiscale su ci sceglie di o è costretto a dichiarare tutto ciò che guadagna. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

17 novembre 2013
: mendicanti di Cristo (BF602)

Mi stupisce e anche un po' mi spaventa l'adattabilità dell'essere umano alle varie situazioni. Siamo in pace, saremo in guerra? Siamo ricchi, saremo poveri? Siamo tutti mendicanti di Cristo che chiedono al Padre ciò di cui hanno sommamente bisogno. La parola eterna di questa domenica ci rassicura più volte: non vi terrorizzate (Luca 21, 9), nemmeno un capello del vostro capo perirà (Luca 21, 18), con la vostra perseveranza salverete le vostre anime (Luca 21, 19). Come il mondo passa, ma la parola di Cristo non passa, così anche la nostra fede che diventa speranza di eternità può vincere le insidie del mondo, prima fra tutte l'odio verso noi cristiani (Luca 21, 17). Se ci riconosciamo mendicanti di Cristo presso il Padre, possiamo raccogliere buoni frutti. Come quelli che Dio si aspetta dai tralci della vite che vengono potati perché portino più frutto (Giovanni 15, 2). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

16 novembre 2013
: cultura e morale (BF601)

A mano a mano che, invecchiando, si allontanano gli anni della scuola, se non si coltiva la mente, si rischia quel fenomeno noto come "analfabetismo di ritorno". Per me, riflettendo sui rapporti tra cultura e lavoro da un lato e tra cultura e morale, dall'altro, la cosa più grave che la nostra società sta attraversando è la mancanza di un saldo rapporto fra i termini indicati (lavoro/cultura e cultura/morale). Quando, storicamente, si è rotto il rapporto tra morale e cultura e tra cultura e lavoro, la società è andata in crisi. Le cause devono chiarirle gli studiosi e io non mi annovero tra questi. Mi pare che qualcuno abbia detto che il sonno della ragione genera mostri, ma anche il sonno del legame tra morale e cultura mi pare abbia storicamente generato mostri. I miei interessi culturali si limitano alla lettura di testi di divulgazione teologica, alla musica classica prevalentemente sacra e a pochi romanzi e saggi. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

15 novembre 2013
: affidamento a una coppia gay (BF600)

Vorrei chiedere se, in casi come questo, la valutazione viene fatta da psicologi dell'infanzia o da magistrati solamente. Non sono competente quindi non voglio accusare nessuno di scarsa professionalità. Tuttavia, nell'articolo giornalistico non mi pare si parli di una perizia psicologica. I magistrati non sono tuttologi, competenti in ogni materia. Le argomentazioni usate e che si leggono nell'articolo sono debolissime e puramente formali. Siccome è consentito l'affidamento ad un single, se ne deduce che è possibile l'affidamento ad una coppia di single. Si trascura che la coppia in questione è gay. Come ho già scritto in un altro commento, non si possono fare esperimenti sulla pelle dei bambini. Si tratta di un caso di magistratura creativa e creatrice del diritto, perché la legge sicuramente sottintende che la coppia affidataria debba essere eterosessuale. Mi pare che la magistratura, certe volte, strabordi. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

15 novembre 2013
: concordia in Italia (BF599)

Ci sono gli operatori di pace e quelli che seminano zizzania. Poi c'è chi fa un po' l'una e l'altra cosa. Dobbiamo essere fiduciosi che prevalgano i primi, gli operatori di pace e che Dio ci conceda governanti saggi e sapienti. Abbiamo già tanti doni che non dobbiamo disprezzare a fianco ad una drammatica crisi economica, sociale, antropologica. Certi spot elettoralistici (come i provvedimenti parlamentari annunciati e poi rimangiati) non servono a nulla. Dimostrano solo, come dice il Vangelo, che i figli di questo mondo sono più scaltri dei figli della luce (Luca 16, 8). Perciò, ecco la discordia. Da cosa nasce? Da uno spirito ribelle a Dio e ostinato sulla via del male. Dio è sempre pronto a donare pace e concordia: dobbiamo solo saperle accogliere per vivere in pace e armonia con i fratelli della Comunità Europea di tutte le Nazioni. Pace fra uomini e donne. Pace fra credenti e non credenti. Pace fra cristiani e non cristiani. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

14 novembre 2013
: baby squillo (BF598)

Se la religione servisse a non fare sentire sole queste ragazze, sarei contento. Se avessero accanto un laico credente o un sacerdote che insegnasse loro a ascoltare se stesse, nel silenzio dell'anima, per imparare qualcosa di utile, per porsi in ascolto di quella voce interiore che ti dice di non fare certe cose, il mondo sarebbe migliore. C'è una linea di confine tra la responsabilità dell'individuo e quello delle famiglie. Criminalizzare la famiglia è fin troppo facile. L'ambiente è importante ma non impedisce di fare delle scelte. Mi spiace moltissimo per i clienti che alimentano un mercato sostanzialmente pornografico e rovinano vite altrui come se nulla fosse. Forse il rimpianto più grande che tutti abbiamo è di essere stati lasciati soli in certi momenti della vita. C'è bisogno della nostra preghiera perché Dio può donare la sapienza a tutti, la sapienza che ci evita di cadere in trappole mortifere e mortali. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

11 novembre 2013
: la teoria del gender (BF597)

E' giusto che a scuola si parli di femminismo come si è parlato di marxismo, di fascismo, di liberalismo, eccetera. Sono contrario all'idea di una censura. Quella del gender è una teoria scientifica che introduce il fattore ambientale, sociale, educativo per determinare l'orientamento sessuale accanto al fattore biologico. Il gender parte da una considerazione giusta, mentre si tratta di una degenerazione di questa teoria l'idea che ognuno scelga la sua sessualità. Ho letto di una chiesa metodista che negli U.S.A. ha celebrato uno dei primi matrimoni tra due uomini. Credo si tratti di un grave errore. In un Paese cattolico, tuttavia, ci dovrebbe essere una maggiore apertura verso le coppie omosessuali, nel senso di una uguaglianza di fronte alla legge. Per quanto riguarda l'adozione di bambini, ci sono opinioni differenti, ma non si possono fare esperimenti sulla loro pelle. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

9 novembre 2013
: corruzione, concussione, estorsione (BF596)

La corruzione e la concussione sono reati gravi ma molto più grave è il fenomeno della estorsione ai danni degli imprenditori. I reati contro la libertà d'impresa mortificano il desiderio di investire per creare occupazione e benessere. Forse ha ragione Papa Francesco quando, poco tempo fa, ha denunciato che i ladri di polli vanno in prigione (i pesci piccoli), mentre i pesci grandi non ci vanno. Un giorno verrà la giustizia di Dio come esclamò Papa Giovanni Paolo II. Nel frattempo, sarebbe opportuno combattere i mali citati (corruzione, concussione ed estorsione da parte della malavita organizzata) con sanzioni civili oltre che penali. Parlo del licenziamento, della interdizione dai pubblici uffici, della sospensione della licenza, fino alla perdita della cittadinanza. Le vittime di tutti i reati dovrebbero formare un'associazione e fare pressione per il rispetto della legalità, da destra come da sinistra (politicamente parlando). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.



Torna ai contenuti | Torna al menu