Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Blog Famiglia Cristiana.it 22

Pensieri e Poesie > Archivio dei Blog e Lettere

My Great Web page




1° gennaio 2014
: al servizio della Chiesa (BF910)

La Chiesa è necessaria al cristiano per servire. Serviamo la Chiesa, per i meriti di Gesù Cristo. Crediamo alla Chiesa per sentirci in comunione, come una sola famiglia, per la grazia effusa dallo Spirito. Nel ricevere l'adozione a figli di Dio, siamo dei mendicanti di libertà, mentre offriamo la nostra fedeltà alla Chiesa, intesa come Papa, assemblea dei Vescovi, dei presbiteri e della comunità dei fedeli. Alcuni si sono sacrificati per una falsa idea di Dio e della Chiesa. Per fortuna non ci sono più i roghi degli eretici e delle streghe, ma continuano ad uscire falsi cristi, emanazione dell'Anticristo, e falsi profeti. Affidiamoci alla Madonna e ai santi per restare sempre fedeli al Signore. Restando legati a Cristo tramite la Chiesa facciamo un piccolo miracolo che illumina tutto il nostro presente, passato e futuro. Teniamoci la lampada accesa, come le vergini sagge, per restare nella Chiesa. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

31 dicembre 2014
: Chiesa e femminismo (B909)

Ci sono una miriade di cattolici che si ispirano all'insegnamento della Chiesa circa il rapporto con il mondo delle donne. Lucetta Scaraffia ed altri autori all'indirizzo http://www.osservatoreromano.va/it/news/una-profonda-teologia-della-donna offrono una interessante riflessione sulla condizione della donna nella Chiesa. La promozione del ruolo femminile passa attraverso una relazione tra donna e uomo che salvaguardi la coesione all'interno della famiglia. Forse, un possibile ponte da gettare è quello di una rivalutazione del genio femminile in generale e non solo all'interno della comunità delle donne credenti. Per il ruolo centrale della famiglia, va reso compatibile il ruolo di madre da un lato e l'autoaffermazione della donna nella società e nel mondo del lavoro, dall'altro. La Chiesa ha un insostituibile ruolo educativo delle coscienze da giocare. Un ruolo che potrebbe consistere nel promuovere un dialogo sincero e costruttivo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

31 dicembre 2014
: i pastori e Gesù (BF908)

San Paolo scrive in Filippesi 4, 12: "ho imparato ad essere povero e ho imparato ad essere ricco; sono iniziato a tutto, in ogni maniera: alla sazietà e alla fame, all'abbondanza e all'indigenza". Questa prova cui il cristiano è sottoposto nel corso della vita terrena è occasione di testimonianza. Gesù, appena nato, assieme a Maria e Giuseppe (benedetti siano i loro nomi) evangelizza, cominciando dalle persone che lo visitano. I pastori ci mostrano che occorre andare incontro a Gesù, mettersi in cammino verso di Lui che è povertà, umiltà, pace. Senza questo cammino di chi si fa prossimo del Povero, non c'è evangelizzazione. Nella Evangelii Nuntiandi, Paolo VI scrive: "Evangelizzare, infatti, è la grazia e la vocazione propria della Chiesa, la sua identità più profonda". I pastori sono tra i primi evangelizzatori, persone non necessariamente povere, ma sicuramente semplici e con il cuore aperto alle sorprese di Dio. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

30 dicembre 2014
: marcia per la pace (BF907)

Serve, a mio avviso, capire il fenomeno della guerra, andare alle radici del perché scoppiano le guerre. Questo è un percorso intellettuale che vale la pena di intraprendere. Così si passa da un piano deontologico ad un piano eziologico e viceversa. Comprese le cause delle guerre, ci si può impegnare efficacemente per la pace. Invece, la marcia della pace non vedo che si interroghi. Vedo solo certezze non dimostrate. Si auspica che i conflitti si risolvano col dialogo e con la preghiera. E così si resta su una specie di pianeta dei sogni. E' vero che le guerre non sono fatali ed ineluttabili. Bisogna stroncare con sanzioni efficaci le teste calde che vogliono la guerra. Si tratta di sanzioni economiche, diplomatiche e, come extrema ratio, militari. Sul disarmo dell'Italia non saprei cosa dire. Chi ci difende dai disperati fanatici pronti a tutto pur di predare vite e proprietà private? Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

30 dicembre 2014
: riflessioni su don Ciotti (BF906)

Una volta ebbi una discussione con una amica credente perché le dissi che lei faceva distinzioni di cristiani, cristiani di serie "A" e cristiani di serie "B". Però, in un certo senso avevo torto perché ci sono figure esemplari nella testimonianza, come i santi e come persone viventi che hanno uno spessore che noi non riusciremo mai a raggiungere. Persone che non dimentichiamo e non dimenticheremo perché hanno formato la nostra fede ed il nostro impegno civile. Don Ciotti lo apprezzo perché è un vulcano di idee e di iniziative che sono seme e poi albero che cresce e fa crescere il Regno del Dio cristiano di fronte a tante situazioni miserande della nostra società. E se il Signore guarda non ai nostri peccati ma alla fede della Sua Chiesa, come recita la liturgia, è un balsamo per i nostri rimorsi e dispiacere per i peccati anche se confessati. Don Ciotti ha parole sferzanti che mi ricordano quelle di Papa Francesco. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

28 dicembre 2014:
i fiori di Ali Agca (B905)

Penso che sia lecito porsi le domande che Fulvio Scaglione si è posto ed anche altre. C'è una perizia psichiatrica che attesti la salute mentale o la mancanza di essa in capo ad Ali Agca? Come si mantiene quest'uomo? Perché ha delirato di essere addirittura il Cristo? C'è un regista occulto dietro i suoi gesti? Io penso che ci sia un'intelligenza oscura che lo manovra. Ed oscuro, per non dire estremamente e maledettamente ambiguo, è il gesto che ha compiuto, quello di lasciare fiori sulla tomba di San Giovanni Paolo II. Il commento ermetico di padre Lombardi esprime una certa amarezza. La sesta opera di misericordia spirituale dice di "sopportare pazientemente le persone moleste". Forse si applica proprio a questo caso. Certo è lecito dare ampia notizia, anche di un gesto maledetto, che incontra la curiosità magari morbosa di chi odia ipocritamente il Papa ed il Vaticano, senza avere il coraggio di dirlo in faccia. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

26 dicembre 2014
: Chiesa e scandali vari (BF904)

Si faccia tutta la chiarezza che si deve fare, ma resta il fatto che i fedeli hanno bisogno di essere confermati nel loro amore per la Chiesa, in spirito e verità. Gli anni scorsi sono stati per certi versi "anni orribili" per la Chiesa. Basti pensare alle traumatiche dimissioni di Benedetto XVI, allo scandalo denominato Vatileaks, ai problemi dello IOR, allo scandalo pedofilia e, infine, consentitemi, allo stato di confusione innescato dalle vere o false apparizioni della Madonna a Medjugorje. Ora, questo Papa ha una santa volontà e determinazione nel fare chiarezza, nel portare un'aria nuova alla luce di fondamentali e imprescindibili valori evangelici. La Chiesa, cioè il popolo cristiano nel suo complesso, necessita, secondo me, che si traduca in parole chiare e semplici quello che è accaduto e sta accadendo all'interno della Curia, dato che la situazione mi pare palesemente anormale. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

26 dicembre 2014
: cristiani incoerenti (B903)

A volte siamo incoerenti rispetto alla fede che professiamo, siamo cristiani "a turni alterni". Come ci si libera di questa incoerenza? Non dibattendosi in inutili sforzi umani. Gesù disse che da certi demoni ci si libera solo con la preghiera e con il digiuno (Matteo 17, 21). Ora, il digiuno è da intendersi, forse, in un senso molto ampio, che non riguarda solo il cibo, ma anche tutte quelle piccole dipendenze che ci rendono meno liberi. Digiuno, significa mantenersi puri dal mondo. Mentre il primo rimedio, la preghiera significa chiedere a Dio di liberarci da tutto ciò che è sbagliato in noi. Gesù ha anche detto che bisogna confidare in Lui per costruire sulla roccia con queste parole: "Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia" (Matteo 7, 24). Mettere in pratica le parole di Dio, significa fare le opere che Dio ci assegna e che conosciamo tutti. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

26 dicembre 2014
: radicalità della fede cristiana (BF902)

Da ragazzini si disputava circa chi fosse il più "figo", circa chi avesse più successo con le ragazze. Da adulti, questo gioco competitivo si estende al mondo della carriera e del denaro. Quando si incontra la fede cristiana, ci si rende conto che essa porta ad un modo radicale di esistere, che rifiuta i compromessi del mondo. Gesù è venuto "per la resurrezione e la rovina di molti in Israele" (Luca 2, 34). Offriamo a Dio la nostra, a volte, scarsa fedeltà al Signore, o coerenza che dir si voglia. Come ci ricorda il compianto don Oreste Benzi: "Tutto è bello: occorre credere al Signore , darsi, legarsi a Lui e vivere nell'abbandono in lui. Come ha significato il sole cocente, l'acquazzone, il temporale, la burrasca, così ha senso nel Signore tutto: la salute, la malattia, la gioia, il pianto, la vita, la morte. Abbandoniamoci al Suo amore" (rivista Sempre, dicembre 2014, p. 53 - sito internet apg23.org). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

25 dicembre 2014
: la mia speranza per il Natale (BF901)

Ho la speranza che i credenti delle tre religioni monoteiste si alleino, in un rapporto di sincera amicizia, per annunciare un Dio che è amore e misericordia e nella difesa dei valori comuni alla tre religioni menzionate. Ho la speranza che la bellezza seminata da Dio e dall'uomo su tutta la Terra vinca il male e ci salvi. Ho la speranza che gli atei e gli agnostici difendano per primi i cristiani e i credenti in altre religioni contro ogni discriminazione come vuole la stessa Costituzione. Ho la speranza che gli ultimi, i poveri e gli emarginati sperimentino percorsi sociale e spirituali di reintegrazione piena nella società e nel mondo del lavoro. Spero che la luce del Natale giunga fino agli estremi confini della Terra per illuminare quelli che sono lontani e persi. Ho la speranza che il Redentore torni alla fine dei tempi per darci la consolazione che solo l'Emmanuele può dare nella gioia senza fine del Regno Messianico. Buon Natale. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

23 dicembre 2014
: Natale 2014 (BF900)

Un momento di silenzio per meditare prima che tale silenzio sia interrotto dal pianto di un bambino che per i cristiani è Figlio di Dio e Dio egli stesso. Meditiamo sui doni misteriosi di Dio che dona innanzitutto se stesso. Questo silenzio che irrompe nella Storia per piegarla, per trasformarla in qualcosa di completamente nuovo. La Creazione è imperfetta senza la venuta del Messia. Ed ecco che il Cristo porta a compimento un lavoro iniziato come atto d'amore per ciascuno di noi. Non c'è opera umana che possa ricambiare la grazia che il Signore ci offre, mentre esiste la possibilità drammatica di rifiutare la verità e l'amore di Dio. Gesù nasce due volte: a Betlemme per opera di Maria e quando risorge, il terzo giorno. Gesù vince contro l'incredulità della sua generazione per fare discepoli molti. Per tutti i cristiani che soffrono a causa della loro fede, Gesù nasce inerme e perseguitato anch'egli e li dichiara beati (Matteo 5, 11-12). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

22 dicembre 2014
: le 15 mali della Curia (BF899)

E' vero che a volte, se la malattia è grave, bisogna ricorrere ad una medicina amara. Questa medicina è veramente amara. Le parole del Papa mi paiono sensazionali. Ogni Papa ama la Chiesa a modo suo. Cosa non farebbe, nel nome dello Sposo, per la Sposa-Chiesa? Si vede che Papa Francesco ama la Chiesa in modo autentico ed intenso. Perciò, percuote le pecorelle perché non escano dal recinto o perché vi rientrino. Nelle parole dure del Papa ci riconosciamo tutti per un maggiore impegno nella conversione, nella ricerca della fede, nella carità fraterna e nella speranza che la santità prevalga sul "fumo di Satana". Sono parole shockanti, ma se il male c'è, la medicina non può che essere amara, lo ripeto. Come un pittore dipinge un quadro, come un vasaio modella la creta, Papa Francesco modella la Chiesa secondo le sue idee. Tanti auguri di Buon Natale al Papa e alla Curia, con la preghiera di conformarsi sempre di più allo Sposo, Gesù Cristo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale

21 dicembre 2014
: l'attesa del Signore (BF898)

C'è un modo giusto dentro di noi per affrontare con dignità tutte le prove della vita, anche le più drammatiche. Così almeno ho creduto di capire leggendo la Bibbia e tramite gli insegnamenti della madre Chiesa. Questa immagine di Gesù che sta alla porta e bussa, pronto a cenare con noi (Apocalisse 3, 20) riguarda proprio i drammi della vita, perché Gesù viene a visitarci proprio nella povertà, nella reclusione, nella disperazione, nell'insuccesso. Forse per suggerirci che Dio è più importante di qualunque cosa sperata e voluta. Questa immagine ci suggerisce un impegno di fiducia verso il Signore. All'inizio della preghiera del Santo Rosario, recitiamo: "O Dio, vieni a salvarmi. Signore vieni presto in mio aiuto" (ispirato al Salmo 69, 2). E l'attesa del Signore non è forse essenziale nella fede cristiana? Il Salmo 129 incalza:"L'anima mia attende il Signore, più che le sentinelle l'aurora". Il Natale è tempo di attesa e di attese. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

19 dicembre 2014
: una nascita miracolosa (BF897)

"Signore, tu mi scruti e mi conosci. Tu conosci quando mi siedo e quando mi alzo. Intendi da lontano i miei pensieri, osservi il mio cammino e il mio riposo. Ti sono note tutte le mie vie. Sei tu che hai formato i miei reni e mi hai tessuto nel grembo di mia madre. Io ti rendo grazie: hai fatto di me una meraviglia stupenda!". Preghiamo per il suo bambino con il Salmo 138, appena citato. Preghiamo per l'anima della madre. Questo miracolo della vita dopo la morte è ciò che portava in grembo la madre, cioè una speranza per una vita che nasce. Auguro che il bambino abbia una vita felice. Auguro al padre del bambino di educarlo alla buona vita del Vangelo. L'eroismo è fatto di gesti come questi, che dovrebbero essere quotidiani ma non lo sono a causa del nostro egoismo individualista. Impariamo da questa vicenda che cosa sia la carità fattiva. Ricordiamoci delle necessità di agire poste sul nostro cammino e dei nostri peccati di omissione. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

18 dicembre 2014
: dolore innocente (BF896)

Secondo me il concetto centrale è quello di "condivisione". Se un problema che abbiamo è condiviso da tante persone e con i fratelli nella fede, diviene, non so se sopportabile, ma certo viene relativizzato. In una prospettiva di fede poi, condividiamo la fede in un uomo, Gesù Cristo, che pur essendo Dio egli stesso, si è incarnato in una serie di problemi che sono sorti appena è nato. La povertà di nascere in una grotta perché non c'era posto nell'albergo. Il dolore della Croce è atroce ma la Passione di Gesù dura poche ore, mentre certe esistenze sono provate una vita intera. Penso in questo periodo d'Avvento a tanti malati cronici la cui intera vita è un calvario, ma trovano dentro di sé la forza di spendersi per se stessi e per gli altri. Fare rete contro il dolore e l'assurdo, nel nome di Cristo, è l'unica via che ci indica Dio. Un Dio che dalla Croce ci supplica, anzi, di lasciarci guidare anche attraverso le prove più difficili. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

18 dicembre 2014
: ti saluto, piena di grazia (BF895)

Maria Vergine era già perfetta prima di essere salutata dall'Arcangelo Gabriele che le comunica la scelta fatta da Dio? O, piuttosto non è l'elezione divina che la rende perfetta? C'è, secondo me, una combinazione dei due fattori. Perché la grazia di Dio sceglie strade inaspettate per donare al mondo il Re della vita. Il grembo di una umile giovane donna, sconosciuta ai potenti, diventa Tempio dello Spirito Santo, Tabernacolo dell'eterna gloria, Dimora consacrata a Dio come è definita nelle litanie a lei dedicate. E' lei a spiegarci come la grazia di Dio, giorno dopo giorno, non debba essere sprecata e tradita. Nel cattolicesimo, si crede che tutti abbiamo un angelo custode. Anche se non è un Arcangelo, ospitiamo anche noi una dolce presenza, da accogliere nel silenzio del deserto interiore e nell'umiltà, come ci insegna a fare la Madonna lungo l'arco della sua intera vita. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

13 dicembre 2014
: auguri a Papa Francesco (BF894)

Papa Francesco, la tua parola brucia. Non sempre la condivido, ma il tuo coraggio, carattere e determinazione mi sono venuti in mente oggi leggendo il libro del Siracide (48, 1): "Allora sorse Elia profeta, simile al fuoco; la sua parola bruciava come fiaccola". Mi sembri più un profeta che un Papa o forse dovrei definirti Papa-profeta. Comunque, i miei auguri consistono in questo: hai imparato in fretta a fare il "mestiere" di Papa. Spero di averti al vertice della Chiesa ancora per molti anni. Ti auguro di avere tanta pazienza per i difetti dei credenti, come si recita a Messa rivolti al Signore: "Non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa". Ho incontrato un sacerdote che sostituisce la parola "fede" con la parola "santità" nella frase appena riportata. Ti auguro di accettare i credenti con tutte le loro contraddizioni, concentrandoti sulle pecorelle più deboli e smarrite come stai già facendo, in dialogo con tutti. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

12 dicembre 2014
: cronaca nera (BF893)

Penso che il male che racconta la cronaca ci presenta casi diversi su cui ci si deve interrogare in modo non superficiale. Si osservano vite che sfociano in azioni che, a loro volta, mostrano un grande vuoto. Non voglio dire "vuoto di valori", espressione che dice tutto e nulla. Chi, infatti, non può rivendicare dei valori che guidano la sua vita? Per vuoto intendo la mancanza di un orizzonte di senso alla vita, come possono averlo sia un credente sia un non credente. Le persone vuote fanno sempre del male. Ma la vita della maggior parte della gente testimonia un'armonia conquistata e compiuta nelle relazioni umane. Un presente costruito con animo docile, umile e mite si incontra di rado. L'essere umano preferisce seguire l'istinto, a volte, piuttosto che confidare in Dio o in un'etica che lo sorpassa. Il vuoto cui accennavo non è il deserto, ma, per ricorrere ad un'altra immagine, è una stanza abitata da mille mostri liberi e scatenati. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

12 dicembre 2014
: la testimonianza di Giovanni il Battista (BF892)

Il cristianesimo è attraversato da una miriade di incredibili coincidenze. Una di queste è la figura di Giovanni il Battista. Credere per la sua (di Giovanni) testimonianza è affidarsi ad una fede che non è un'abitudine, trasmessa di padre in figlio. E' un qualcosa che risale direttamente a Giovanni il Battista "perché tutti credessero per mezzo di lui" (Giovanni 1, 7). Dunque, la nostra fede si riallaccia a Cristo tramite il Battista. La profezia di Giovanni il Battista emana una luce che richiama la Luce vera, "quella che illumina ogni uomo" (Giovanni, 1, 9). Ritroviamo così le radici della nostra fede direttamente nel Vangelo. La Chiesa, in dialogo con l'umanità, ci conforta in questo viaggio dell'anima verso la perfezione, non perché ci presumiamo giusti, ma perché scopriamo in Gesù Cristo lo splendore, la grazia, la potenza umile e indifesa di un Dio che ci visita nel modo più inaspettato e "marginale". Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

8 dicembre 2014
: in braccio alla Madonna (BF891)

Ci consoliamo pensando che, anche con la presenza del peccato, l’esistenza di Adamo-Eva-Umanità vale la pena di essere vissuta. Come ricordato oggi dal sacerdote che ha celebrato la Messa nella Chiesa di Santa Cristina, piazza San Carlo, a Torino, la maledizione di Dio non si rivolge all’uomo, ma al serpente, cioè al diavolo. Così, la storia dell’amore di Dio per l’umanità, può continuare nella Madonna. Perché l’esistenza dell’uomo non diventi una non-esistenza dobbiamo imparare dalla Vergine. Ella si apre alla storia della salvezza nel Figlio di Dio, Gesù. Impariamo dalla Madonna a fidarci del Dio che ci chiama per nome per il suo progetto di salvezza, per dire un sì pieno alla vita con tutte le sue contraddizioni. Noi non sempre capiamo, o Signore, i disegni del tuo amore ma, fiduciosi, appunto, ci apriamo al Mistero della Redenzione che ci pone come bambini in braccio alla madre. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

6 dicembre 2014
: il fuoco di Gesù sulla Terra (BF890)

La pace più importante è quella che l'umanità riesce a stabilire con Dio. Mi pare l'abbia detto padre Raniero Cantalamessa. I presupposti di questa pace sono bene indicati dal Cardinale Angelo Scola e da Papa Francesco. Quest'ultimo si batte più sul piano sociale ed evangelico, il primo più sul piano teologico e filosofico. Penso che l'Europa debba tornare su questo concetto della pace con Dio se vogliamo che si affermi un nuovo umanesimo cristiano che fecondi la cultura delle masse, assoggettate a condizionamenti non cristiani se non apertamente anti-cristiani di ogni genere. Gesù ha detto: "Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso" (Luca 12, 49). Ogni cristiano è una candela, che, accendendosi, alimenta o può alimentare questo fuoco. Fuoco di speranza e di innovazione, nel sapere intravedere gli scenari futuri e interpretare il presente in un ottica critica, che sa andare controcorrente. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

4 dicembre 2014
: battezzati in Spirito Santo (BF889)

L'amicizia sacra con i più stretti fratelli nella fede è come un santuario dove si offre a Dio tutta la fedeltà di cui si è capaci, tutto il bene compiuto e dal Signore accettato. Nel ritenere gli altri superiori a noi stessi (Filippesi 2, 3) e nell'amicizia tra lui e Gesù c'è un modello che è proprio Giovanni il Battista. Così, tramite un legame d'amicizia con Gesù stesso possiamo superare le incoerenze e le debolezze della nostra fede. La gente accorreva da Giovanni il Battista "confessando i loro peccati" (Marco 1, 5). Lo Spirito che procede da Gesù Cristo ci dona un dono superiore, nel cammino verso una santità forse mai raggiunta: "Egli vi battezzerà in Spirito Santo" (Marco 1, 8), dal quale battesimo deriva l'agape verso tutti i fratelli a qualunque religione appartengano. Nel dono dello Spirito Santo, l'agape assume un valore universale, senza quei confini e quegli steccati che a volte mettiamo tra noi ed il nostro prossimo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

2 dicembre 2014
: l'imprenditore è un eroe? (BF888)

E' giusto dare così tanta enfasi a qualunque dichiarazione di Renzi? Sì, lo è perché si tratta di messaggi che colpiscono nel segno dell'immaginario collettivo. L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, dice la Costituzione. Quindi, lavorare è un dovere prima che una necessità. Renzi non ha parlato di eguale dignità di qualunque lavoro. Ha voluto superare una visione secondo la quale il datore di lavoro è demonizzato e, secondo me, ha voluto dire che è molto più comodo tenere i soldi in banca, nella finanza, e vivere di rendita piuttosto che affrontare i rischi di mettere un capitale a rischio. Quindi, diciamo che l'imprenditore fa il suo dovere, ma che lo faccia da eroe o da delinquente dipende un po' da caso a caso. E' ora di impegnarci tutti per la legalità, come ci insegna un don Ciotti, che è un vero testimone della eroicità di molte esistenze vissute santamente. Renzi non può dire subito tutto, ha detto una mezza verità. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

29 novembre 2014
: auguri a Monsignor Galantino (BF887)

Buongiorno Monsignor Nunzio Galantino. Ho commentato spesso l'esposizione dei Vangeli fatta dal Cardinale Dionigi Tettamanzi e spero di avere l'opportunità di proseguire a fare lo stesso, anche se un po' indegnamente, con Lei. Se può portare un pensiero a Papa Francesco è che non si trascurino i sacerdoti malati e anziani. Che si vada a visitarli negli ospedali o nelle Case del clero. Che li si accompagni degnamente per tutta la loro vecchiaia. Sono preoccupato perché ho visto un prete piangere, dicendomi che si sente abbandonato da tutto e da tutti da quando non è più "in servizio" per motivi di vecchiaia. La prego di prendersi cura per l'Italia di questi nostri padri (per me ogni sacerdote è un "papà"), specialmente quelli più abbandonati e derelitti. Le auguro ogni bene per il commento ai Vangeli assieme ai lettori di Famiglia Cristiana. Spero di non essere considerato un presuntuoso se espongo qualche idea sul Vangelo a modo mio. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

28 novembre 2014
: matrimoni misti (BF886)

Scrivere a Famiglia Cristiana per esporre la situazione di disagio che deriva dal matrimonio "misto" della figlia mi pare un po' chiudere le porte al dialogo con quei cristiani praticanti che non hanno approvato la scelta. Ma forse, leggendo la rivista, qualcuno di essi potrà meditare sulla propria condotta ed essere chiamato da Gesù ad adorare il Padre "in spirito e verità" (Giovanni 4, 23), che è la migliore correzione possibile. Ogni famiglia "mista" dovrebbe essere giudicata solo per la coerenza con i valori evangelici, come ogni altra famiglia. Per me il cristianesimo è fuga dal non-senso. Parole che hanno senso sono fratellanza, solidarietà e giustizia. Se sei stonato, te lo devono dire gli altri. Così è per l'apparente giustizia che si risolve in ipocrisia. La correzione fraterna spetta alla comunità dei credenti. Il percorso del giusto nasce dal confronto, per crescere in quella fede che solo Dio ha potuto conoscere. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

27 novembre 2014
: i paolini incontrano il Papa (BF885)

La rivista Famiglia Cristiana offre al lettore la possibilità di una grande apertura mentale sui temi che più interessano l'uomo e la donna di oggi. Temi come la promozione della donna nella società, la causa dei poveri, la pace. In realtà, la Chiesa è stata preceduta su questi temi da alcune correnti di pensiero come il femminismo, il marxismo ed il pacifismo. Il recepimento di questi temi nella dottrina sociale della Chiesa Cattolica non è però, secondo me, tardivo. Offre un punto di vista alternativo ed originale alle varie ideologie menzionate. Un pensiero particolare va al Beato Giacomo Alberione nel centenario della fondazione della Famiglia paolina. Grazie ai suoi discepoli e discepoli di Cristo, abbiamo uno specchio in cui guardarci ogni settimana per evitare "corruzione" e "distrazione", riferite dal Papa a Babilonia e Gerusalemme. La gloria dei santi splenda tramite la testimonianza da noi stessi offerta. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

27 novembre 2014
: la venuta del Signore (BF884)

La mia Chiesa ideale è abbracciata, simbolicamente, a tutti i popoli del genere umano senza chiudere nessuna porta, ma, come ha ricordato il Papa, con un ponte di dialogo sempre disponibile verso tutti. Quando Dio scende a visitare la Terra, trova gli uomini impegnati in varie attività: "Come fu ai giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e marito, fino a quando Noè entrò nell'arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e inghiottì tutti …". (Matteo, 24, 37-39). Così, preghiamo di essere vigilanti nella fede e non troppo presi dalle cose di questo mondo. A volte si subiscono umiliazioni per cui è il caso di usare la parola "pazienza" e la parola "sopportazione", ma se pazientiamo e sopportiamo per il Signore, offriamo a Lui le nostre sofferenze e saremo nella gioia che solo Dio può offrire. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.


Codice commenti (per indice analitico): da BF884 a BF936

pagina precedente


24 gennaio 2015
: il valore della confessione (BF936)

Mediante la confessione, Gesù ci indica una strada nuova da seguire. Da una vita abitudinaria e stagnante, si passa ad una vita più dinamica e "santa". Apocalisse 21, 5 dice: "E Colui che sedeva sul trono disse: 'Ecco, io faccio nuove tutte le cose' …". Questo elemento della novità che Gesù apporta nella nostra vita è una linfa che ci deve alimentare ogni giorno anche mediante la preghiera. Ci sono persone che fanno volontariato o lavorano a pagamento nella Chiesa, ma non pregano e non si confessano. Possono essere bravissime persone, ma esse tengono Dio come "a distanza". E questo atteggiamento non può portare a quella perfezione (Matteo 5, 48), che forse si può accostare al concetto di elezione (Matteo 22, 14), di cui parla il Vangelo. Se siamo veramente pentiti, la confessione schiude molte porte per fare entrare nel nostro cuore Gesù stesso che intercede presso il Padre (Apocalisse 3, 20). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

23 gennaio 2015
: il Papa scuote le coscienze (BF935)

Lo sparlare del prossimo che si diffonde anche nelle Parrocchie e in generale nella Chiesa non è un bel segno che abbiamo capito una delle lezioni efficaci di Papa Francesco. Quanto al Vangelo, mi viene in mente quello che dice (Luca 22, 25-26): "… I re delle nazioni le governano, e coloro che hanno il potere su di esse si fanno chiamare benefattori. Per voi però non sia così; ma chi è il più grande tra voi diventi come il più piccolo e chi governa come colui che serve". Dobbiamo tutti andare a lezione di educazione civica, prima che cristiana, da Papa Francesco; il Papa non può dire "tutto e subito" ed è un suo diritto quello di prediligere alcuni temi. Lasciamone riposare le parole, prima di giudicarle. Faide e pugnalate alla schiena arrivano da tutte le direzioni, come quelle di Fassina contro Renzi che forse ha rottamato Romano Prodi, ma non è sicuro se l'ha fatto e, soprattutto, non è sicuro se abbia fatto bene o male. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

23 gennaio 2015
: l'amore in famiglia (BF934)

Un programma di buoni propositi, quello stilato da Papa Francesco, una realtà che la stessa Bibbia richiama, sul quale ragionare ed impegnarsi e per il quale ringraziare il Papa. Chi ha avuto la (dal mio punto di vista) la fortuna di nascere in una famiglia cattolica (dove almeno uno dei due genitori è cristiano), spesso non si rende conto della preziosità della tradizione ricevuta e della fortuna di riceverla. La mitica zia paterna ha chiesto ai miei genitori atei che io fossi battezzato e forse è stata lei a trasmettermi la fede. La Chiesa è irrorata di santità con il sangue dei martiri, come Santa Cristina di Bolsena e tante altre vicende i cui i genitori sono persecutori dei figli cristiani o viceversa i figli atei si accaniscono contro i genitori credenti. Le parole del Papa danno però speranza che l'amore e il perdono vengano testimoniati ed alla fine vincano. Se Dio è amore, come possiamo noi coltivare l'odio nel nome della fede? Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

22 gennaio 2015
: diventare pescatori di uomini (BF933)

Scrive don Galantino: "È chiesto un lasciare … abbracciare una conversione che allontana ogni condotta malvagia … abbandonare le sicurezze materiali e addirittura anche quelle affettive …". Prendersi delle responsabilità nella vita, pian piano, progressivamente, è un antidoto potente contro una vita condotta nel peccato. Un amico che sprecava soldi in generi vari superflui, dopo aver adottato una casa famiglia dell'Associazione Papa Giovanni XXIII (apg23.org), fondata dal compianto don Oreste Benzi e oggi guidata dal suo primo successore, il laico Giovanni Paolo Ramonda, ha tralasciato tante spese inutili perché ora si sente responsabile di questa casa famiglia. I discepoli di Gesù lasciano cose importanti per aprirsi ad un orizzonte più ampio: diventare pescatori di uomini. Che significa diventare responsabili per la vita di altri esseri umani. Creare cioè una rete di relazioni preziose, contro ogni egoistica chiusura in noi stessi. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

19 gennaio 2015
: ancora su Boko Haram (BF932)

Perché non vengono sanzionati i Paesi che riforniscono di armi questi fanatici? Forse perché questi Paesi fanno affari d'oro con l'Occidente e con l'Asia? Perché Dio permette che si diffonda la piaga della guerra ispirata da religioni che si fanno ideologie belliche? Il Papa ha detto che non c'è risposta umana alla sofferenza dei bambini. Penso che non ci sia pace su questa terra per la crudeltà senza limiti e senza misura dell'uomo che si è fatto dio egli stesso. Come con la Torre di Babele. L'idolatria del denaro e del potere possiede alcuni gruppi fanatici di fronte ai quali sarebbe ora che le nostre coscienze si risvegliassero per impegnarci fattivamente per la pace ma, contemporaneamente, per la difesa dei cristiani d'Africa con una forza di interposizione. Resta ferma la supplica a impegnarci ovunque in opere buone, conservandoci integri nella fede. Ma cosa abbiamo fatto per meritarci questo? Forse solo Dio conosce la risposta. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

19 gennaio 2015
: ecumenismo cristiano (BF931)

Apprezzo molto i rilievi teologici di Enzo Bianchi e gli faccio cari auguri per il suo lavoro come Consultore del Pontificio Consiglio per la promozione dell'unità fra i cristiani. Finalmente, sono arrivati tempi di pace fra le varie chiese cristiane e non scoppiano più guerre per motivi di religione. Non so se sia un frutto della sola evoluzione della Chiesa Cattolica, o se si stia assistendo ad un fenomeno più ampio per cui, nel mondo secolarizzato e globalizzato, l'unico destino per l'alleanza politica (specie in politica estera), di difesa militare e culturale è rappresentato dall'amicizia e dalla collaborazione fra i le varie Nazioni dell'Occidente Cristiano. Insomma, la sorella dell'ecumenismo religioso è la pace. La Chiesa, con il suo afflato universalistico, può contribuire a frenare nazionalismi pericolosi come quelli che hanno contribuito al conflitto in Ucraina con i fratelli della Federazione Russa. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

17 gennaio 2015
: il Papa nelle Filippine (BF930)

Il Papa si è recato per consolare un popolo provato da tante sciagure naturali. Ha detto di non avere le parole giuste per consolare e di perdonarlo per questo. Ha detto di imitare la Madonna che ha perdonato per la crocifissione di suo Figlio. Forse bisogna arrendersi alla Madonna, abbandonando ogni velleità e resistenza. Il Papa ha anche portato un messaggio di auspicio e liberazione contro l'ingiustizia sociale, la corruzione, la disuguaglianza. Ritorna un tema caro al cristianesimo, cioè che i poveri sono i primi annunciatori del Vangelo ed il loro ruolo centrale non può essere sminuito. La Madonna - Vergine Potente - non ha nelle Litanie riconosciuto nessun ruolo riguardo ai poveri, mentre la si ricorda in merito alle vergini, agli infermi, ai peccatori, agli afflitti, ai cristiani, agli angeli, ai patriarchi, ai profeti, agli apostoli, ai confessori della fede, ai santi. Eppure è Madre del Povero per eccellenza, Gesù Cristo. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

16 gennaio 2015
: calendario multireligioso M.S.A. (BF929)

Questa è una iniziativa unilaterale, secondo me, positiva come sperimentazione. Il dialogo con le religioni è stato già da tempo avviato dalla Chiesa Cattolica. Mitico l'incontro e la preghiera per invocare da Dio il dono della pace fatti da Giovanni Paolo II ad Assisi il 27 ottobre 1986. Per quanto riguarda il dialogo con il popolo ebraico, ci sono iniziative ad ogni livello. Abraham Skorka, il Rabbino amico di Papa Francesco, ha auspicato che ebrei e cristiani tornino a discutere e confrontarsi come nei primi tempi di vita della Chiesa. La Civiltà Cattolica, recentemente, riflette sul concetto di "popolo di Dio" nel pensiero di Papa Benedetto XVI. Nella Bibbia, l'espressione "popolo di Dio" quasi sempre indica gli ebrei e la Nazione di Israele. Auguro ad ogni persona di fede islamica di acquistare questo calendario, destinato principalmente ai cristiani, per rendere più facile la coesistenza con i cittadini di fede non cristiana. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

16 gennaio 2015
: liberazione Greta e Vanessa (BF928)

A mio avviso, bisogna intervenire con i reparti speciali per liberare gli ostaggi, come spesso di è fatto. Pagare un riscatto, incentiva in futuro altri sequestri. Se sono stati pagati 12 milioni di dollari, come si legge su internet, è una cosa discutibile. Quanti bambini in stato di necessità, di miseria, di malattia possiamo aiutare con una cifra simile? Quante diverse vite possiamo salvare? Se il Governo avesse dato i soldi alla Caritas per gli interventi nei Paesi vittime della fame e della guerra avrebbe fatto meglio. Il pagamento del riscatto serve a guadagnare consenso politico. Ricordiamo i soldi dati dal Governo di Silvio Berlusconi alla Libia di Gheddafi perché i migranti, profughi o non, fossero trattenuti come prigionieri in Libia. In carceri orribili. Quando ci si inserisce nella logica del denaro per evitare "fastidi" si compie un brutto passo. Il precedente adesso è fatto e sarà difficile rimediare in futuro. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

15 gennaio 2015
: ecco l'agnello di Dio (BF927)

Vorrei avere una fede forte e dotta come quella di Monsignor Nunzio Galantino ed invece … mi ritrovo a riflettere su me stesso e sulla fragilità del percorso di fede. Un percorso fatto di mille insidie che nascono dalle preoccupazioni del mondo. Se rimane in me un po' di fede, è perché Qualcuno sicuramente la incoraggia e la sorregge da lassù. Così, il cattolicesimo mi appare come un continuo percorso di apprendimento e di disciplina interiore che non ha mai fine. Bisognerebbe avere la sicurezza di San Giovanni che dice "Ecco l'agnello di Dio!". Ma la stanchezza della vita, appesantisce questo cammino per tanti aspetti fragile ed incerto. Quando ti sembra che la Chiesa sia con te troppo esigente e severa, non resta che la preghiera per cacciare dalla mente le ombre, i pensieri cattivi e trovare la propria "casa nella e della fede". Per lodare e temere Dio che è sempre più compassionevole, buono e misericordioso degli uomini. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

15 gennaio 2015
: distruggere la famiglia (BF926)

Non ce la fa un povero essere umano ad assumersi le responsabilità della vita se (1) la famiglia "a monte" non ti insegna il valore della famiglia, (2) non riesce a far proprie norme morali giuste, (3) non basta la propria coscienza naturale, (4) la società non aiuta la famiglia, (5) la società si sfalda e perde la bussola dei suoi valori fondanti, (6) si idolatra il denaro per cui ci si vergogna se non si può assicurare ai propri figli un tenore di vita almeno medio, (7) manca una educazione all'uso del proprio corpo e alla sessualità in generale, (8) la scuola è stata penetrata da ideologie anticristiane e più genericamente antireligiose. E' chiaro che per formare una famiglia serve una rete famigliare e sociale a monte che ti fornisca gli strumenti necessari, un lavoro ed una casa. Se si è ricevuto affetto (se non ci è cresciuti in un ambiente anaffettivo), si è in grado di trasmetterlo alle nuove generazioni. Solo Dio ci può salvare. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

13 gennaio 2015
: esiste un Islam moderato? (BF925)

C'è un Islam radicale, non moderato, che però non ha nulla a che spartire con il terrorismo? Seconda domanda: come erano regolate le società arabe prima dell'avvento dell'Islam? Terza domanda, dovremmo essere disposti a sopportare dei dittatori pur di avere società musulmane ordinate e pacifiche, con le quali si può dialogare per coesistere nella pace? Quarta domanda, legata alla terza: le società islamiche sono adatte alla democrazia come la concepiamo noi occidentali? Fulvio Scaglione fa un'analisi molto documentata e per alcuni aspetti sconcertante. Quelle correnti di pensiero delle società occidentali che predicano che tutta la civiltà europea nasce dall'Illuminismo e dalla Rivoluzione Francese, ignorando il retaggio ebraico-cristiano, sono in grande difficoltà nel combattere il fondamentalismo islamico. Quanto al terrorismo, per tutti è difficile da affrontare. Che avessero ragione coloro che parlarono di "scontro fra civiltà"? Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

12 gennaio 2015
: dialogo con un'atea (BF924)

Penso che a Dio interessino le Sue opinioni perché si cura di tutti i suoi figli, compresi quelli che, almeno a parole, si dicono lontani da Lui. Il mio augurio è che Lei continui a esprimere il Suo punto di vista sul sito internet di Famiglia Cristiana. Il dialogo con i non credenti fa parte del crescere nella fede. Questo confronto è per me prezioso. Molte persone che ragionano come Lei, poi nella vita sono toccate dall'amore di Dio e diventano ferventi cristiani. Tuttavia, io Le auguro di essere semplicemente se stessa. Io vengo da genitori non credenti, agnostico mio padre, atea mia madre e mia zia, sua sorella. Sono stato battezzato solo per l'insistenza di una zia paterna, l'unica cattolica in famiglia. E' il regalo più bello che mi potesse fare, ma questo lo si scopre solo più tardi, conducendo una vita nella fede. Ringrazio anche il compianto Monsignor Natale Bussi che mi ha battezzato e Monsignor Baravalle che mi ha cresimato. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

11 gennaio 2015
: l'importanza del battesimo (BF923)

Io sono stato battezzato il 19 maggio di tanti anni fa. Se Dio non esiste, è solo un rito vano, un po' di acqua sprecata. Se invece Dio esiste, ed il battesimo è una scommessa che Dio esista, introduce l'essere umano nella comunità ecclesiale. Si parla di ingresso alla vita nello Spirito. "Mediante il Battesimo siamo liberati dal peccato e rigenerati come figli di Dio, diventiamo membra di Cristo; siamo incorporati alla Chiesa e resi partecipi della sua missione" come insegna il Catechismo. Molte persone non credenti nell'adolescenza, scoprono il valore del loro battesimo come una grazia ricevuta nell'età adulta. Senza l'aiuto dello Spirito, non è possibile condurre una vita gradita a Dio, perché tale vita è frutto di una collaborazione tra Dio e l'uomo. Se Dio esiste, l'allontanarsi dal proprio battesimo è un dramma che impegna l'intera comunità dei credenti a tentare di riporre al sicuro nell'ovile la pecorella smarrita. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

10 gennaio 2015
: difendere i cristiani (BF922)

Sullo scenario internazionale, la sensazione è che l'Italia conti sempre meno. Una delle ragioni della unione in un'unica comunità economica e politica dell'Europa era di essere più forti in politica estera. Ma l'Europa è veramente disposta a tutelare i cristiani in quei Paesi dove essi sono minoranza? Ecco che noi abbiamo dato una possibilità agli islamici che immigrano in Italia (usata sempre di più come Paese di transito, come ben descrive l'articolo commentato), sia dal punto di vista del lavoro, sia dal punto di vista della libertà religiosa. Se attacchi o deridi l'Islam, rischi la vita. Se critichi gli ebrei o Israele sei antisemita. Ma se nel mondo vengono uccisi o depredati i cristiani, quali provvedimenti intendiamo prendere? E' sufficiente dire che devono unire le loro sofferenze a quelle del Cristo e altre formule teologiche simili? C'è ancora spazio per la collaborazione tra le religioni, ma a quando risultati concreti? Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

10 gennaio 2015
: Boko Haram (BF921)

San Paolo in 1 Timoteo, 6, 8-10 dice: "Quando dunque abbiamo di che mangiare e di che coprirci, contentiamoci di questo. Al contrario coloro che vogliono arricchire, cadono nella tentazione, nel laccio e in molte bramosie insensate e funeste, che fanno affogare gli uomini in rovina e perdizione. L'attaccamento al denaro infatti è la radice di tutti i mali; per il suo sfrenato desiderio alcuni hanno deviato dalla fede e si sono da se stessi tormentati con molti dolori". L'Africa è stato e forse ancora è un continente dove la maggioranza della popolazione si contenta di avere di che mangiare e di che coprirsi. Pochissimi ricchi controllano le risorse del continente. La Chiesa è maestra di vita, perché cammina nella luce gentile che promana da Cristo e dalla Sua Parola. Perciò, non smetterà mai di esortare il malvagio (termine che non usa più, meglio dire "crudele" o "corrotto") a redimersi. Boko Haram tormenta se stesso e i cristiani. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

8 gennaio 2015
: amici non cristiani (BF920)

Personalmente, tra i miei amici, ci sono un Rabbino ortodosso, un valdese, un islamico e un testimone di Geova. Casa mia è frequentata da queste persone ma non avrei nulla in contrario se uno dei miei amici fosse un rom. Solo i rom stanno un po' sulle loro, ma non sempre. A volte li incontro per le strade per avere un'elemosina o fuori da un bar per avere un panino. La società è molto sfaccettata e la lettera commentata contiene una semplificazione discutibile. Le aziende ti vogliono produttivo ed efficiente al massimo. Siccome, personalmente non lo sono, sono stato tagliato fuori dal mercato del lavoro. E' giusto che le aziende facciano una selezione, basata unicamente sulla professionalità e le potenzialità del candidato. Sono da anni iscritto nelle liste di collocamento per "categorie protette" ma non mi hanno mai chiamato, per cui ho smesso di cercare un lavoro e mi dedico unicamente al volontariato in parrocchia. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

8 gennaio 2015
: Gesù battezzato nel Giordano (BF919)

È veramente strano questo fatto che Gesù si mescoli con i seguaci di Giovanni il Battista. Quindi, questo Vangelo ha due significati: la solidarietà di Gesù con i peccatori ed una seconda "epifania" che lega Gesù ad una corrente del giudaismo. Una corrente che, tramite Giovanni Battista, annuncia la presenza del Messia nel seno di Israele. Però, il testo ci dice che Gesù "uscendo dall'acqua, vide aprirsi i cieli e lo Spirito discendere su di lui come una colomba". Gesù riceve una investitura dal Padre tramite lo Spirito. Quindi è come se ci fossero due epifanie, alla sua nascita per opera dei Magi e nel Giordano; e due battesimi, in acqua e in Spirito. Può darsi che, di questi due battesimi, uno rappresenti l'Antico Testamento e l'altro il Nuovo Testamento. Quanto al "compiacimento" del Padre, grazie ad esso Gesù è benedetto, Dio fatto uomo, per la liberazione dal maligno di tutti coloro che Dio ama, riamato in grazia e verità. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

7 gennaio 2015
: terrorismo islamico (BF918)

Ci sono voci come quelle del Presidente egiziano al-Sisi che si sono schierate apertamente contro il terrorismo islamico. Queste prese di posizione dimostrano che sono possibili relazioni concretamente costruttive tra mondo islamico e mondo cristiano. Il terrorismo, islamico e non, è il nemico numero uno della democrazia e della libertà sull'intero pianeta Terra. Purtroppo, il commercio delle armi non è sufficientemente regolamentato per cui ci si chiude uno o anche tutte e due gli occhi quando si vendono armi a gruppi estremisti. Alcuni Paesi arabi fanno il doppio gioco: amici dell'Occidente cristiano, da un lato, e fornitori di armamenti alle teste calde della "lotta santa" contro quello che loro descrivono come il degrado morale dell'Occidente e gli "infedeli" in generale. Io credo ancora che il ruolo delle religioni sia positivo a dispetto di fatti orribili come questo e che vada valorizzato il dialogo e la conoscenza reciproca. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

7 gennaio 2015
: il ruolo della madre (BF917)

Il ruolo della madre nella società caratterizzata da secolarismo e scristianizzazione è da guardare con rispetto misto ad una leggera diffidenza. Se la madre è atea, se non è sposata in Chiesa o se il padre è morto nell'infanzia del figlio o è separato o divorziato, c'è una famiglia atipica che è sempre più diffusa. La Chiesa come un ospedale da campo deve versare l'olio santo della misericordia su tutte queste famiglie ferite. Il disagio che si prova quando il figlio è credente e la madre non lo è si riverbera nei rapporti quotidiani. Ad esempio, se la madre ti spinge a fare acquisti la domenica o a lavorare nei giorni festivi. Se poi la fede diventa una conquista da adulto dando un dispiacere alla madre atea, il dialogo può diventare difficile. Io offrirei una preghiera per i cristiani che crescono in famiglie anti-cattoliche dove è difficile, ma sempre indispensabile, praticare l'amore e il rispetto per il genitore. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

5 gennaio 2015
: Vangelo dell'Epifania 2015 (BF916)

Risulta vano studiare, leggere e rileggere le pagine del Vangelo se non penetrano nel cuore e nella mente e non cambiano sostanzialmente il modo di pensare e di vivere. Sarebbe l'errore opposto quello di sottovalutare l'importanza nei sacramenti e della grazia che ne consegue. Leggo che i veri nemici della Chiesa sono all'interno di essa. Certo, la lotta contro tutte le forme di sostanziale apostasia e di eresia è nel bagaglio storico e intellettuale della Chiesa. Preghiamo, dunque, di essere fedeli al Signore per mezzo della Chiesa, lasciandoci interrogare anche da questo Vangelo dell'Epifania. Il quale Vangelo sembra preconizzare il distacco della nuova religione che sta per nascere dal giudaismo, per aprire orizzonti di vita e di speranza, nella verità e nella grazia, per tutti gli uomini che "prendono posizione" a favore di Gesù in modo serio e sostanziale. Compimento della speranza che il mondo attendeva ed attende (Isaia 49, 6). Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

4 gennaio 2015
: vigili urbani a San Silvestro (BF915)

Non siamo forse il Paese dove è "normale" non fare la ricevuta fiscale o fattura, evadendo così sia le imposte dirette, sia quelle indirette? Rubare dai bagagli degli aerei? Non si vedono in televisione dipendenti pubblici che timbrano il cartellino e poi vanno a fare gli affari loro? E' più grave che un vigile si dia per malato senza esserlo o che un medico certifichi una malattia inesistente? Chi sogna un Paese perfetto si rassegni. La vicenda è stata enfatizzata troppo dai mass media. Si tratta solo di applicare la legge per casi come questo. Ma lo Stato ha la forza di farlo? Gli uffici giudiziari sono già oberati da troppo lavoro. Condivido l'articolo scritto dal giurista Gustavo Zagrebelsky e uscito su La Stampa. Cosa succederà il prossimo anno? Questa è l'occasione per far funzionare meglio il rapporto tra vigili e cittadinanza, con una promessa seria da mantenere negli anni a venire. E poi passare ad argomenti più importanti. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

4 gennaio 2015
: Isaia e la pace (BF914)

Isaia 2, 4, dice che "Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell'arte della guerra". Ma questo passo si riferisce al tempo intermedio che stiamo vivendo o al tempo che inizia con il ritorno di Gesù Cristo? Io ho sempre capito che sia giusta la seconda ipotesi in quanto sempre Isaia 2, 2 esordisce dicendo "Alla fine dei giorni". Forse alcuni cristiani si sono stancati e dubitano (quando addirittura non credono più) che il Signore Gesù Cristo ritornerà. Per adesso assistiamo ad una "terza guerra mondiale combattuta a pezzetti", come disse Papa Francesco e come ricorda anche il Vangelo (Matteo 24, 6). Senza nulla togliere all'impegno attuale per la pace che è ricompreso nella richiesta formulata nel Padre Nostro: "Venga il tuo Regno, sia fatta la tua volontà". Vorrei che un teologo chiarisse questo fatto. Grazie. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

3 gennaio 2015
: sul futuro dell'Italia (BF913)

Chissà che non ci si decida a valutare i politici per la loro creatività, per la loro coerenza, per la loro autorevolezza. Matteo Renzi ha dovuto fare una politica moderata per la presenza di alleati più o meno scomodi come l'UDC, alcuni "montiani" e l'NCD di Angelino Alfano. Per me il Governo di Renzi è il meno peggio che abbiamo visto negli ultimi trent'anni. L'Italia è il malato da curare ma nessuno sembra in grado di approntare un reparto ospedaliero di pronto soccorso per essa. Chi si rassegna ad un futuro nero non ha tutti i torti. Certo, i credenti non perderanno mai la speranza e non smetteranno mai di affidare il nostro Paese a Gesù e a Maria. Penso che in Italia ci voglia una leadership politica forte e autorevole, ma non si riesce neanche a ottenere quel minimo di legalità che ci difenda da indisciplinati/criminali e disonesti in genere. Tutti dicono che è tempo di un'azione coraggiosa, ma gli effetti per ora non si vedono. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

2 gennaio 2015
: la personalità del Papa (BF912)

Questo Papa parla di una Chiesa in uscita, missionaria, ma è innanzitutto lui, il Papa, che va incontro alle esigenze della gente comune. Ora, bisogna vedere che differenza c'è tra fare concessioni allo spirito mondano e farsi prossimo ai bisogni più profondi dell'essere umano. La differenza la fa, a mio avviso, la carità nella verità. Una serie di categorie, come i marxisti, le ragazze madri, i divorziati risposati e non, gli omosessuali e le donne che hanno abortito (e gli uomini che le hanno indotte ad abortire), gli atei, si sono sentiti amati e non più reietti, esclusi dall'amore di Dio e dei Suoi Pastori. Si sono sentiti compresi pur nei peccati e drammi che vivono. In più, questo Papa ha un notevole fiuto politico. Perché allora all'ampio consenso si accompagnano resistenze proprio dall'interno della Chiesa? Forse perché il Papa ha una fiducia cieca nell'essere umano, pur rischiando, con ciò, di essere frainteso e tradito. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.

2 gennaio 2015
: Gesù, fidati di me (BF911)

Viviamo come una barca nel mare in tempesta. Non sappiamo di chi fidarci. Siamo tentati di fare affidamento sulla salute, sulla ricchezza, sugli amici. Ma gli amici possono tradirti, le ricchezze possono svanire per un cattivo investimento ed anche la salute può venire meno. A un certo punto della vita scopriamo che Gesù è, o meglio, può diventare un faro che illumina la navigazione nonostante le cattive condizioni del mare. Nasce dentro di noi, dunque, una speranza di fissare un obiettivo che non tradisce. Forse vale la pena fidarsi di questo Profeta di Nazareth, che promette grazia e verità. Imploriamo a nostra volta Gesù Cristo di fidarsi di noi, nonostante le nostre cadute e incoerenze. Se Gesù, scartato dai costruttori e divenuto la testata d'angolo è veramente Colui che ci ha rivelato Dio, la scommessa non sarà mai delusa e deludente. Alla scuola dell'amore per Dio e nel timore di Dio si impara l'amore per i fratelli. Facebook: AAnnibaleChiodi; Twitter: @AAnnibale.


Torna ai contenuti | Torna al menu