Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Le emozioni nella Bibbia 1

Religione > Le emozioni nella Bibbia

My Great Web page


Le emozioni nella Bibbia - monologhi immaginari

“ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto”
(Genesi 3, 10)

Adamo
: “All’inizio non ci pensavo, non ho pensato al Signore. Mi sembrava un gesto banale. Quale sciagura ci attende? Ecco, mi sono nascosto. Maledetto me stesso! Cosa succederà ora? Ho paura dell’Onnipotente eppure spero nel suo perdono. Ma forse non sarà così. Ho un presentimento che qualcosa di grave possa succedere. Vengo allo scoperto e accada quel che deve accadere”.

Caino ne fu molto irritato e il suo volto era abbattuto” (Genesi 4, 5)

Caino
: “Cosa ho fatto per meritare il disprezzo di Dio che ora è sceso sul mio capo? Non ho forse offerto i frutti migliori del mio raccolto. Non ho forse pregato il Signore? Ora, mi interroga, che cosa risponderò? Una rabbia funesta cresce nel mio cuore contro Dio e contro mio fratello. Merita di morire quel bastardo di Abele! Se Dio non fa giustizia, sarò io a farla, con le mie mani!”.

“Il Signore si pentì di aver fatto l’uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo”
(Genesi 6, 6).

Dio
: “Ecco, fatto l’uomo è accaduta la frittata. Perché le cose sono andate storte, non lo capisco. Lo feci a mia immagine e somiglianza; gli posi accanto una donna perché non è bene che l’uomo sia solo. Non era cosa buona? Eppure, mi sento amareggiato nel mio cuore. Medito una decisione drastica per mutare il corso della Storia. Sterminerò l’uomo sulla terra perché nel suo nome non si compiano più vergogna e abominio. Sono adirato con la mia creatura che ora vive nel male! Qualcuno potrebbe incolpare il Signore per le sue meraviglie? Per la sua giustizia? Per le sue opere? No, nessuno bestemmia il Signore senza temerlo, eppure non avviene così. Sia fatto ciò che deve accadere!”.

“Allora, Sarai disse ad Abram : ti ho dato in braccio la mia schiava, ma da quando si è accorta d’essere incinta, io non conto più niente per lei. Il Signore sia giudice tra me e te!” (Genesi 16, 5).

Abramo
: “Ecco, la mia discendenza sarà come le stelle del cielo, come la sabbia del mare. Sarò venerato e benedetto di generazione in generazione. Anche Sara, mia moglie, sta per darmi un figlio e la sua discendenza sarà magnifica. Sarà nazioni e re di popoli.
La circoncisione sarà segno di alleanza tra noi e il Signore nostro Dio”.

“Allora Sara negò: «Non ho riso!», perché aveva paura; ma quegli disse: «Sì, hai proprio riso»” (Genesi 18, 15)

Sara: “E’ cessato in me quel che di solito avviene nelle donne, non ho più l’età per essere feconda e dare a mio marito, Abramo, un figlio. Ma il Signore ha parlato diversamente e ha promesso che, entro un anno, avrò un figlio. Ecco, ho riso, poi ho avuto paura. Quale stoltezza mi ha preso nel ridere di fronte ad una promessa del Signore?”

“Lot uscì a parlare ai suoi generi, che dovevano sposare le sue figlie, e disse: «Alzatevi, uscite da questo luogo, perché il Signore sta per distruggere la città!». Ma parve ai suoi generi che egli volesse scherzare” (Genesi 19, 14).

Lot: “Il Signore ha mandato due angeli da me per annunciare la distruzione di Sodoma e annunciare la mia liberazione. Distruzione e liberazione. Potrebbe essere uno slogan per una campagna pubblicitaria! Ma qui non stiamo scherzando: il Signore farà ciò che ha
detto. Prepariamoci a partire”.

in fase di completamento


Torna ai contenuti | Torna al menu