Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesie de Il Perditempo.org: gennaio 2011

Pensieri e Poesie > Poesie archivio > Poesie 2011

My Great Web page

289) La rana sotto il letto

La rana sotto il letto/Fece un sogno perfetto/di alzare il materasso/della principessa/e mangiare il pisello/che la infastidiva/ricevendone poi riconoscenza, goria e onori/Come per aver tolto la spina dalla zampa del leone

290)
Il sole magico

Il sole oscurato/divenne nero/non effondeva più luce/così fece alla morte del Cristo/Sembrò che Dio non fosse più fino alle tre/Poi una nube tossica si diffuse sulla terra/E contemplammo il giardino di Eden/E gli angeli custodi del giardino/Videro un sole che sorge nella Resurrezione

291)
Il gatto innamorato del Messia ebraico

La Sinagoga di Torino/fece un sogno/Il Messia ebraico era un gatto/di cui un altro gatto si era innamorato/Il Messia però non aveva figli/degni di questo nome/nessuno più lo aspettava/così la Sinagoga di Torino scrisse alla Sinagoga di Roma/Per celebrare il ritorno di Cristo come Messia giudaico e cristiano assieme/Di Segni consultò Toaff/E i due presero la decisione/Di diventare amici dei cristiani/nel caso Gesù fosse tornato/Per abitare di nuovo a Nazareth/Per visitare la sua Betlemme/Guidato da una stella, da una congiunzione astrale/La luna sdoppiata disse la sua opinione/E i rabbini di tutto il mondo convennero che Gesù era un santo, un giusto non innocente/perché aveva profanato il sabato/Una cabala misterica diede un responso di morte e sterminio, di deportazione e di salvezza/ancora non crediamo ai nostri occhi/quando guardiamo un sole che sorge/a rischiarare la Sinagoga di Torino con la luce della luna/Se siamo sopravvissuti alla Shoah, se gli ebrei continuano a vivere da vincitori/Lo dobbiamo al coraggio dell'uomo/Di combattere e vincere il male

292)
Il mondo a soqquadro

Il mondo a soqquadro/una ciminiera emette fiori

293)
Il birillo intelligente

Il birillo intelligente/si sposta quando arriva la palla/si inventa pittore/non vuole starsene lì a guardare, in mezzo alla pista piena di chiacchiere

294)
Sempre verde

Sempre verde è la bandiera italiana/il tricolore austero/Come una pianta che nutriamo del nostro eroismo

295)
Il grillo scherzante

Il grillo scherzante/sfotte un po' tutti/Se lo può permettere/fin quando qualcuno lo appoggia/e lo sostiene/Non c'è pietà in lui nè misericordia/Ma un sole parlante/Parla al grillo e lo converte ad una maggiore umiltà e prudenza/Così il grillo si pente e fa a Medjugorje, poi a Fatima/e prega la Madonna/nella luce infinita/che discende dal Cielo/Dove la Madonna è assunta/Il grillo però cade in un tombino/di peccato e di morte/per un caso sfortunato/e così finisce la sua vita spirituale/che in verità è sempre stata un po' scarsa

296)
La tempesta perfetta

La tempesta perfetta/da un'onda anomala/Si riversa sulle case ed entra/i bambini si spaventano ma restano illesi/Gesù interviene e protegge gli orfani e le vedove

297)
Torino nella melma

Torino nella melma/dei fratelli d'Italia/Un sole giallastro la illumina/Come in un quadro di De Chirico/Città fantasma e metafisica/di ricordi immemore/Eppure salva/Come una Gerusalemme nuova e tecnologica/Non particolarmente benedetta da Dio/Esoterica e giusta/Automobile rossa come un modellino per bambini/stella mistica d'oriente/Città incompresa/Ex capitale salita in cattedra e poi scesa/Ti auguro dal ponte della Gran Madre un futuro poco radioso/Con il tuo understatement un po' snob e britannico/Sotto i portici di via Roma sono impazzito come il filosofo famoso/E ho maledetto dei pagani/Che per tutta risposta mi hanno fatto peccare e mi hanno perseguitato per sette mesi

298)
Gigolò torinese

Gigolò torinese/ascolta Gipo Farassino/Sulla sua Ferrari/Gira l'Italia ma come in un incubo/Cogliendo fiori francesi sparsi per Roma e Firenze/Venezia sta a guardare/e ride di gusto/Mentre Napoli assorta gioca come un bambino assiso per terra

299)
Fuori dal manicomio

Fuori dal manicomio, c'è un'aria nuova/Un uccello annaspa in una pozzanghera/non può più volare/L'Eterno è sopra di lui/e si capisce che sta per morire/Un matto che si aggira da quelle parti lo raccoglie/Lo benedice prima dell'ultimo respiro/poi lo seppellisce come meglio può/con amore e tenerezza

300)
La rana pensante

La rana pensante/frutto di un esperimento scientifico/resuscitata in laboratorio/si scopre più intelligente di quanto si potesse immaginare/così udimmo cose mai sentite dalla sua bocca/preannunciò il ritorno di Cristo/ma non sapeva fornire dettagli sul giorno e sull'ora/tantomeno sul luogo del ritorno/qualcuno sperava in America ma non vi era nessuna certezza/una scossa elettrica discese dal Cielo/e uccise nuovamente la rana pensante/che andò nei pascoli eterni/dove non profetò più, ma contemplò Dio/non come l'aveva immaginato tutta la vita/ma come era veramente

301)
Il frigo magico

Il frigo magico conduce in un'altra dimensione/tipo le Cronache di Narnia/ma la storia è diversa/Al di là del frigo c'è un mondo nuovo/Dove Cristo dice "faccio nuove tutte le cose"/Ci sono Pinocchio, una Fata e Shakespeare che disctutono assieme/se sia meglio vivere e morire/in un lago di pece bollente/dove il diavolo, triste e afflitto, si diverte

302)
Il cervello innamorato

Il cervello innamorato/è come un vaso pieno di fiori/in un dipinto di Van Gogh

303)
La chiave magica

La chiave magica/non è la chiave di San Pietro/ma è quella di Davide/apre le porta di un mondo spaventoso, immaginiario e tetro/ma bello allo stesso tempo/scavalca i confini del tempo/e si butta in un non senso non scontato/per grazia di Dio/tutti vengono governati saggiamente/e le isole che attendevano la giustizia/vengono saziate con abbondanza

304)
La Repubblica del no

La Repubblica del no, ma, forse/strombetta le sue verità lancinanti ed odiose/ai quattro venti/gli angeli non ne possono più e indicono uno sciopero/che sarà ricordato nei cieli e sotto terra/Senza pietà è colui che ascolta il suono emesso/dalle trombe dell'Apocalisse/che concludono la grande festa del perdono/per la Bestia e per i suoi

305)
La luna che si sbriciola

La luna che si sbriciola/perché così l’ha sognata un bambino/una luna fragile e timida/senza coraggio e senza poesia/che tristezza!

306)
L'idolo e il labirinto di siepi

Entro in un monastero/tramite una porta che trovo alla fine di un labirinto fatto di siepi verdissime/Trovo una statua, un idolo/Per errore mi prostro e la adoro/Poi anni dopo un angelo mi appare e mi ricorda l'errore/Vado dal primo prete che incontro e mi confesso per quel lontano peccato/Spero così che tornando bambino nella confessione/Dio abbia misericordia di quella bestemmia/e della lussuria antica/che porta il nome di un diavolo/per essere innocenti del tutto bisognerebbe essere nati di nuovo …

307)
Non siamo noi ...

Non siamo noi/che chiudiamo un ombrello che fa ombra/l'ombra della morte

308)
Il cretino evoluto

Il cretino evoluto/è arrivato al potere/lussurioso e menzognero/il suo regno viene dalla Bestia/che è emanazione di Satana/regnerà ancora per poco/per il tempo assegnato/farà molti danni/lo osanneranno le genti/che seguono la Bestia/un sole che sorge è il suo nemico/ci vuole pietà/per chi ne è tratto in inganno/un vortice nell'acqua lo ingoierà all'improvviso/ed una carcassa passerà in mezzo al fiume/divorata dai coccodrilli/Dio vince sempre/mentre noi umani che crediamo in Lui/confidiamo nella Provvidenza/un fiore che nasce è la Provvidenza/ne sentiamo il profumo che dà speranza/una speranza di vita eterna/beata già qui sulla Terra/Il Cristo non ha sofferto per niente

309)
L'ateo astratto

Sorvola i cieli della città come un aquilone, l'ateo astratto/Combatte una fede troppo semplice e il letteralismo nell'interpretazione della Scrittura, per cui è anche un po' santo



Torna ai contenuti | Torna al menu