Il perditempo

Segui AAnnibale su Twitter

Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesie de Il Perditempo.org: settembre 2010

Pensieri e Poesie > Poesie archivio > Poesie 2010

My Great Web page

267) Senso del dovere

Senso del dovere/Spasmodico ed irrituale/Porta alla follia dell’immaginazione/Sognando l’approdo del non-dovere/In un manicomio del sud Italia/Guardando dalla finestra,/uno schizofrenico grida dalla gioia disperata/Ad una musa che sia sua amica/Molti anni prima studiò una cultura filosofica antica/Che sembrava muovergli un rimprovero di ignoranza/Di una luna spenta/Che come un mozzicone di sigaretta/Sembra insegnare la morte eterna/Tra le fauci del diavolo.

268)
Follia di carta

Follia di carta/Follia tanto amata/Mia sposa imperfetta/Il danno alla mente può essere assorbito/Vivendo sulla strada/Guardando le stelle/C’è un filosofo pazzo che indica la strada/Verso la legge morale/Una luce gialla lo illumina/Ed, ospite a Torino, passa da un caffè all’altro/Gustando buon vino/Ascoltando buona musica/Finché una ragazza disponibile fa l’amore con lui/Nasce un bambino che non farà il filosofo/Non segue le orme del padre/Farà il prete, cioè il pescatore di uomini/E crescerà tanti orfani insegnandogli un lavoro/Che rigenera, che integra, che salva.

269)
Picconare le nuvole con impazienza

Esce un olio impazzito dalle olive spremute/Che porta a Satana/Per chi camminando come su una buccia di banana/ci finisce sopra/Extravergine di oliva/Sembra buono alla vista/Ma è veleno per il sangue/Sangue di Cristo/Ti rimprovera come il ruggito del motore di un camion/Una ragazza fa l’autostop/Per andare nella terra di nessuno/A nord della Norvegia/Per fare amicizia con gli eschimesi/Un igloo la accoglie e mentre dorme sogna/Che un giorno era vergine e impaurita/Oggi ha fatto esperienza del mondo/Che tuttavia ama/Come il Presidente morto, di nome Cossiga/Da cui ha imparato a picconare le nuvole con impazienza




Torna ai contenuti | Torna al menu